250) Il viaggio di Arlo

il viaggio di arlo

Il biglietto d’acquistare per “Il viaggio di Arlo” è :1) Neanche regalato 2) Omaggio 3) Di pomeriggio 4) Ridotto 5) Sempre

“Il viaggio di Arlo” è un film d’animazione del 2015 di Pete Sohn, scritto da Meg LeFauve.

Non avremmo voluto essere nei panni dl regista e dello sceneggiatore Pixar chiamati a doversi confrontare con il campione d’incassi “Inside out”. Eppure Pete Sohn e LeFauve sono riusciti con “il viaggio di Arlo”, ha firmare un altro gioiellino della galassia Disney. E se volete, paradossalmente, vincono la sfida abbassando l’asticella dei contenuti e la complessità della scrittura che aveva reso “Inside Out” un film poco adatto ai bambini.

“Il viaggio di Arlo” si muove all’interno del solco narrativo dei film Disney più classici avendo chiaramente “Il Re Leone” come punto di riferimento.

Arlo è un dinosauro, il terzo figlio di una famiglia di apatosauri contadini impegnati nel duro lavoro dei campi.

Arlo non ha ancora trovato la sua strada, un’identità precisa e soffre nel non poter reggere il confronto con i fratelli e di non essere un figlio degno di stima per il padre Papo. Un padre che in vero è certo del valore del figlio e cerca in tutti i modi di spronarlo e scuoterlo fino al giorno in cui perderà la vita mentre sono sulle tracce di un predatore che gli deruba delle loro riserve di grano. Un atipico predatore avendo le sembianze di un bambino delle caverne che dopo un’iniziale diffidenza stringe da parte di Argo ritenendolo responsabile della morte di suo padre, diventerà il suo compagno nel viaggio che il nostro protagonista compierà per tornare a casa.

Attenzione però alla parola “viaggio” che nel nostro caso ha una doppia valenza: letterale e morale. La prima permette allo spettatore di seguire le avventure della simpatica coppia e agli incontri che faranno con i diversi personaggi che abitano il pianeta dai dinosauri allevatori ai predoni e infine agli sciacalli. Ciò che però piace e commuove di più è il viaggio interiore che compie Arlo. Lo spettatore lo accompagna nel passaggio dalla fase adolescenziale a quella adulta. Un percorso lungo il quale riesce a prendere coscienza delle proprie potenzialità, togliendosi di dosso le proprie sicurezze e soprattutto può guardare in faccia le proprie paure e andare oltre.

Ci sentiamo tutti un po’ Arlo e lo siamo stati in momenti diversi delle nostre vite e magari in formule diverse abbiamo affrontato lo stesso viaggio. continua su

http://www.nuoveedizionibohemien.it/index.php/appuntamento-al-cinema-il-viaggio-di-arlo/

The ticket purchase for “The journey of Arlo” is: 1) Not even gave 2) Tribute 3) In the afternoon 4) Reduced 5) Always

“The journey of Arlo” is an animated film of 2015 Pete Sohn, written by Meg LeFauve.

We would not have wanted to be in the shoes dl director and screenwriter called Pixar to have to deal with the blockbuster “Inside Out”. Yet Pete Sohn LeFauve and managed with “the journey of Arlo,” he sign another gem Galaxy Disney. And if you want, paradoxically, they win the challenge by lowering the bar of content and complexity of writing that made “Inside Out” film unsuitable for children.

“The Good Dinosaur”” moves within the groove of the narrative Disney film classic having clearly “The Lion King” as a reference point.

Arlo is a dinosaur, the third son of a family of apatosauri farmers engaged in the hard work of the fields.

Arlo has not found its way, a precise identity and suffers in that it can not hold a candle to the brothers and not a son worthy of esteem for his father Papo. A father who is certainly true of the value of the child and tries in every way to encourage it and shake it until the day he loses his life while they are on the trail of a predator that robs their grain reserves. An unusual predator having the appearance of a child of the caves that after initial suspicion tightens by Argo holding him responsible for the death of his father, would become her partner in the journey that our protagonist will perform to return home.

But be careful with the word “trip” which in our case has a double meaning: the literal and moral. The first allows the viewer to follow the adventures of the friendly couple and the meetings that they will do with the different characters that inhabit the planet from dinosaurs breeders to the robbers and finally to the jackals. But what like and moves the most is the inner journey that makes Arlo. The viewer accompanies him in the transition from adolescence to adulthood. A path along which manages to become aware of their own potential, taking off their safeties and above can look in the face their fears and go beyond.

We all feel a bit ‘Arlo and we have been at different times of our lives and maybe in different formulas we faced the same trip. continues on

http://www.nuoveedizionibohemien.it/index.php/appuntamento-al-cinema-il-viaggio-di-arlo

178) Inside out

inside out

Il biglietto da acquistare per “Inside out” è: 1)Neanche regalato; 2)Omaggio; 3)Di pomeriggio; 4)Ridotto; 5)Sempre.

Un film di Pete Docter e Ronnie Del Carmen. Con Mindy Kaling, Bill Hader, Amy Poehler, Phyllis Smith, Lewis Black. Animazione, ’94. 2015

L’uomo è una miscela meravigliosa di materia e spirito, e quello che lo differenzia dagli altri suoi simili sono le emozioni. Sì, avete capito bene.

Le emozioni nascono con noi e ci accompagnano lunga tutta la nostra esistenza, scandendo i diversi momenti che viviamo e allo stesso tempo proteggendoci e condizionandoci. Ma come sono fatte, di preciso, queste emozioni? Come interagiscono tra di loro? E in che maniera ci guidano?

Non volendo scomodare Freud e annoiarvi con nozioni e teorie psicoterapiche, provate ad aprire la mente e a immaginare che Gioia, Rabbia, Tristezza, Disgusto siano fatte esattamente come noi e trascorrano le loro giornate nel quartier generale della nostra mente, passandosi il comando a seconda degli avvenimenti esterni.

Questo almeno è quella che ha pensato la Pixar nel suo ultimo film d’animazione, Inside Out, chiacchierato per tutta l’estate e finalmente arrivato al cinema.

Lo spettatore viene trasportato, sin dal giorno della nascita, nella mente di Riley, dove si avvicendano le emozioni. Gioia – ottimista, vivace e positiva – è la prima a comparire, non appena la neonata apre gli occhi e vede i genitori. La felicità di Riley è la sua priorità e per questo, nel corso degli anni, mano a mano che la bambina cresce, Gioia cerca di tenere a bada i “colleghi”: Rabbia, Disgusto, Paura e soprattutto Tristezza.

Quest’ultima, sebbene docile e silenziosa, è temuta a causa della sua stessa essenza. Gioia desidera per Riley soltanto giorni sereni e bei ricordi, ma quando Tristezza, per sbaglio, tocca un ricordo-base di Riley, nel quartier generale delle emozioni scoppia il caos. Gioia vorrebbe guarire il ricordo, così inizia un incredibile viaggio nella testa di Riley insieme alla sua nemesi blu.

Un viaggio fiabesco attraverso la memoria, i ricordi, la fantasia e tutte quelle emozioni che rendono ogni esistenza unica e originale. Una sorta di ascesa dantesca verso il Paradiso, attraverso la quale scopriamo sentimenti, paure e sogni come se fossero dei piccolo mondi o dei parco giochi colorati, rumorosi e soprattutto abitati da buffi personaggi dediti a far funzionare il cervello.

Un film d’animazione divertente, ben scritto, a suo modo visionario ed emozionante che nasconde, come spesso accade nei film “per bambini”, anche messaggi importanti. continua su

http://paroleacolori.com/al-cinema-inside-out/

Vittorio De  Agrò presenta “Amiamoci,nonostante tutto”

http://www.ibs.it/ebook/de-agr-vittorio/amiamoci-nonostante-tutto/9788891176837.html

Vittorio De Agrò e Cavinato Editore presentano “Essere Melvin”

http://www.ibs.it/code/9788899121372/de-agrograve/essere-melvin-tra.html

The ticket to buy for “Inside Out” is: 1) Not even a present; 2) Tribute; 3) In the afternoon; 4) Low; 5) Always.

Directed by Pete Docter and Ronnie Del Carmen. Mindy Kaling, Bill Hader, Amy Poehler, Phyllis Smith, Lewis Black. Animation, ’94. 2015

The man is a wonderful mixture of matter and spirit, and what differentiates it from others like them are the emotions. Yes, you read right.

Excitement is born with us and accompany us throughout our long existence, articulating the different moments that we live and at the same time protecting us and condizionandoci. But how they are made, exactly, these emotions? How they interact with each other? And in that way they drive?

Not wanting to disturb Freud and bore you with concepts and theories of psychotherapy, try to open your mind and imagine that Joy, Anger, Sadness, Disgust are made exactly like us and spend their days at the headquarters of our mind, running the command according to the external events.

That at least is what he thought in his latest Pixar animated film, Inside Out, chatted all summer and finally arrived at the cinema.

The viewer is transported, since the day of birth, in the mind of Riley, where alternate emotions. Joy – optimistic, lively and positive – is the first to appear, as soon as the newborn opens his eyes and sees parents. Happiness Riley is his priority and why, over the years, As the child grows, Joy tries to hold off the “colleagues”: Anger, Disgust, Fear, and especially Sadness.

The latter, although docile and silent, is feared because of its very essence. Joy Riley only want to clear days and great memories, but when Sadness, accidentally, touches a memory-based Riley, in the headquarters of the emotions chaos erupts. Joy wants to heal the memory, so begins an incredible journey into the head of Riley with his nemesis blue.

A fabulous trip through memory, memories, imagination and all those emotions that make each unique and original existence. A sort of Dante’s ascent to Heaven, through which we discover feelings, fears and dreams as if they were small worlds or playground colorful, noisy and mostly inhabited by funny characters addicted to operate the brain.

An animated film entertaining, well-written, exciting and visionary in his own way that hides, as often happens in the film “Children”, also important messages. continues on

http://paroleacolori.com/al-cinema-inside-out/

Vittorio De Agro presents “Let us love, despite everything”

http://www.ibs.it/ebook/de-agr-vittorio/amiamoci-nonostante-tutto/9788891176837.html

Vittorio De Agro and Cavinato Publisher present “Being Melvin”

http://www.ibs.it/code/9788899121372/de-agrograve/essere-melvin-tra.html