76) Non si scherza con il fuoco

Il biglietto d’acquistare per “Non si scherza con il fuoco” è: Omaggio (Con Riserva).

“Non si scherza con il fuoco” è un film del 2019 diretto da Andy Fickman , scritto da Matt Lieberman , con : John Cena, Judy Greer, John Leguizamo, Keegan Michael Key, Brianna Hildebrand, Finley Rose Slater, Jasmine Vega, Christian Convery, Kurt Long, Jessica Garcie.

Sinossi:
Non si scherza col fuoco, il film diretto da Andy Fickman, segue la storia dell’irreprensibile sovrintendente Jake Carson (John Cena) e della sua squadra scelta di esperti pompieri. Quando Jake e il suo team riescono a salvare tre fratellini durante uno spaventoso incendio, si rendono improvvisamente conto che nessun allenamento potrebbe prepararli all’incarico più impegnativo di sempre: fare i babysitter. I piccoli porteranno infatti scompiglio nella vita di Jake e dei suoi amici.
Incapaci di rintracciare i genitori dei bambini, i pompieri vedranno le loro vite, il loro lavoro e la centrale in cui operano andare letteralmente sottosopra e impareranno rapidamente che i bambini, proprio come gli incendi, sono selvaggi e imprevedibili.

Recensione:
Crescere, allevare, educare dei figli è una sfida difficile, complessa, faticosa che si rinnova ogni giorno.
Paradossalmente è più “semplice” spegnere un incendio, paracadutarsi da un ‘elicottero per salvare delle persone in pericolo di vita piuttosto che occuparsi di tre bambini per una notte.
È ciò che pensano Jake Carson e la sua squadra quando si ritrovano “costretti”, per una notte, a dover da balia a tre fratelli salvati dall’incendio della loro casa.
Per una volta la traduzione italiana del titolo del film si rivela azzeccata quanto autoironica nel raccontare il cambiamento emotivo ed esistenziale di Jack da rigido e formale pompiere a padre putativo accogliente e premuroso.
“Non si scherza con il fuoco” è una storia lineare, semplice, banale e piuttosto prevedibile nel suo sviluppo narrativo e registicamente di stampo televisivo, ma ciò nonostante Andy Fickman è riuscito comunque a portare a casa un risultato artistico complessivamente dignitoso.
“Non si scherza con il fuoco” ha rappresento “l’esordio” di John Cena in un ruolo leggero come protagonista di una commedia per famiglie.
L’ex wrestler ha dimostrato di possedere intelligenza e ironia nell’interpretare la caricatura del pompiere machista e burbero strappando qualche convinto sorriso allo spettatore.
“Non si scherza con il fuoco” è pesantemente condizionato da un inizio talmente inverosimile, stiracchiato nel voler essere parodistico da far allo spettatore d’assistere ad un film a forte rischio “trash”. Fortunatamente il timore cinematografico si attenua poiché lo script si “eleva” il minimo indispensabile per raggiungere una dimensione narrativa più credibile e soprattutto consentendo così al volenteroso e ispirato cast di rendere i rispettivi più realistici e profondi e non soltanto mere macchiette.
“Non si scherza con il fuoco” pur essendo una commedia “povera” di contenuti originali e senza particolari vette interpretative, riesce nel compito di divertire ed in un paio di passaggi anche di commuovere per merito di un cast capace di funzionare coralmente creando un ponte emotivo con lo spettatore.
“Non si scherza con il fuoco” è una commedia da vedere in una serata TV piuttosto che al cinema, ma almeno lo spettatore volesse comunque farlo si sarà gustato il gioioso fuoco di scoprirsi genitori per una notte.

148) Nancy

Il biglietto da acquistare per “Nancy” è:
Nemmeno regalato. Omaggio. Di pomeriggio. Ridotto. Sempre.

“Nancy” è un film di Christina Choe. con Andrea Riseborough, Steve Buscemi, J. Smith-Cameron, Ann Dowd, John Leguizamo. Thriller, 87′. USA 2018

Sinossi:

Nancy Freeman ha una madre malata, grandi aspirazioni da scrittrice e un’esistenza digitale più movimentata di quella reale. Sul web gioca a interpretare altre persone, inganna gli utenti che le scrivono, organizza persino incontri cui si prepara nei minimi dettagli, pur di sostenere le proprie bugie. Ma quando sua madre muore, in Nancy si spezza qualcosa. Colpita dall’intervista rilasciata in tv da Leo e Ellen, una coppia che trent’anni prima ha smarrito la figlia, Nancy si convince di essere la loro bambina. E bussa alla porta dei due genitori, nella speranza che la riconoscano.

Recensione:

Guardando “Nancy”, il bellissimo film di debutto di Christina Choe, premiato per la miglior sceneggiatura al Sundance, al sottoscritto è tornata in mente la massima per cui “in questo mondo scuro e tormentato la salvezza non può venire che dalla verità”. Ma la verità è un concetto molto relativo, ed è proprio su questa indeterminatezza che si regge la pellicola.

“Nancy” racconta la storia di una ragazza introversa e problematica che decide di contattare quelli che pensa siano i suoi veri genitori, una coppia che ormai da trent’anni convive con il dolore di aver visto sparire nel nulla la propria bambina, forse rapita. continua su

“Nancy”: un thriller psicologico sorprendente per intensità e verità