174) Monolith

Il biglietto da acquistare per “Monolith” è:
Nemmeno regalato. Omaggio. Di pomeriggio (con riserva). Ridotto. Sempre.

“Monolith” è un film di Ivan Silvestrini. Con Katrina Bowden, Brandon W. Jones, Justine Wachsberger, Damon Dayoub, Andrea Ellsworth. Drammatico, 83′. Italia, USA, 2017

Secondo voi qual è la madre di tutti gli incubi per una neo mamma? Se facessimo un sondaggio online è probabile che la risposta più gettonata sarebbe, genericamente: rivelarsi inadatta al compito di genitore.

Occuparsi di un neonato, per quanto il legame che si instaura sia forte, è impresa ardua, e spesso per farlo una donna deve mettere se stessa, le proprie necessità, persino la propria carriera, in secondo piano.

E per quanto uno dia tutto, la possibilità che si verifichi qualche incidente è terribilmente concreta – ne sono prova le cronache. Tra stanchezza, imprudenza ed eccessiva sicurezza, la vita può cambiare in un attimo e trasformarsi in dramma.

 

“Monolith” di Ivan Silvestrini, al suo secondo film, è un thriller psicologico che prende spunto dal soggetto di Roberto Recchioni e dall’omonima graphic novel in due parti – o meglio, in due tempi – edita da Sergio Bonelli.

La stessa casa editrice di Dylan Dog è coinvolta nella produzione del film, per la sua prima avventura cinematografica, insieme a Sky e Lock & Valentine.

La Monolith del titolo è un’auto iper tecnologica che rappresenta il futuro del mercato automobilistico, e garantisce massima sicurezza e comfort a chi ha il privilegio di guidarla.

Una di queste fortunate è Sandra (Bowden), ex pop star che ha scelto di mettere in pausa la sua carriera per coronare il sogno d’amore con il suo produttore e diventare mamma a tempo pieno.

Sandra ama suo figlio, ma fatica ad accettare di essere ormai solo una mamma e di vedere il marito allontanarsi. Sospettando un tradimento la donna, anziché rimanere dai suoceri, decide di raggiungere Los Angeles con il suo bambino a bordo della futuristica Monolith.

Un incidente porterà Sandra a restare bloccata fuori dall’auto, in pieno deserto, e a dover lottare per uscire dall’incubo e salvare la vita del suo bambino.

“Monolith” è un film che fonda la propria essenza drammaturgica più sulle immagini che sulle parole, avendo una sceneggiatura esile, poco approfondita, confusa, sebbene sia stata scritta da ben quattro autori.

Ivan Silvestrini, dopo la buona prova in “2Night” anche se il box office non lo ha premiato, si conferma regista talentuoso, creativo, poliedrico, capace di passare dal romanticismo al thriller. continua su

http://paroleacolori.com/monolith-un-thriller-psicologico-dove-una-donna-lotta-contro-unauto/

Roberto Sapienza presenta “Ninni, mio padre”

https://www.amazon.it/s/ref=nb_sb_ss_fb_1_10?__mk_it_IT=%C3%85M%C3%85%C5%BD%C3%95%C3%91&url=search-alias%3Daps&field-keywords=ninni+mio+padre&sprefix=ninni+mio+%2Caps%2C342&crid=3R8DWWMJQFZ7Q

133) 2 Night

Il biglietto da acquistare per “2night” è:Neanche regalato. Omaggio. Di pomeriggio. Ridotto (con riserva). Sempre.

Un film di Ivan Silvestrini. Con Matilde Gioli, Matteo Martari, Giulio Beranek. Drammatico, 74′. Italia, 2016

Nel 2017 è ancora possibile essere romantici? Un uomo e una donna possono parlarsi e conoscersi, prima di portare il rapporto su un piano fisico, oppure tutto ormai inizia con il sesso? Ma soprattutto, i più giovani sanno ancora parlare con il cuore oppure seguono solo l’istinto?

Tranquilli, non vogliamo iniziare un dibattito su cosa sia meglio tra l’edonismo imperante nella nostra società e la ricerca di spiritualità new age che molti, almeno sulla carta, dicono di cercare. Sono solamente riflessioni sparse dopo aver visto “2night” di Ivan Silvestrini.

Un film remake di un successo israeliano, girato in appena dodici giorni, con una produzione low budget, che ha il merito di raccontare con credibilità, semplicità e bravura come funzionino i rapporti sociali e sentimentali tra un uomo e una donna oggi.

È notte. In una discoteca romana due sconosciuti si incontrano e si attraggono. continua su

http://paroleacolori.com/2night-due-sconosciuti-un-automobile-la-notte-romana/