84) Le Vacanze del Piccolo Nicolas

Le vacanze del piccolo Nicolas

Il biglietto d’acquistare per “Le vacanze del Piccolo Nicolas” è: 1)Neanche regalato 2) Omaggio 3) di pomeriggio 4) Ridotto 5)Sempre

Le vacanze del piccolo Nicolas” è un film del 2015 diretto da Laurent Tirard, scritto da Laurent Tirard, Grégoire Vigneron e tratto dai romanzi “Le Petit Nicolas” dell’autore francese René Goscinny e ravvivato dai simpatici disegni diJean-Jacques Sempé, con :Mathéo Boisselier, Valérie Lemercier, Kad Merad, Luca Zingaretti, Francis Perrin.

Le vacanze sono sognate, inseguite da tutti gli studenti, tra il “fastidioso intervallo” della scuola,

specialmente da quelli più piccoli, Vacanze significa giocare con gli amici fino allo sfinimento, far disperare i propri genitori, non fare i compiti e magari innamorarsi.

Già perche a chi di non è mai capitato di avere una storiella con la ragazza conosciuta sulla spiaggia durante un vacanza al mare?

Vacanze significa anche litigate tra genitori se tra gli invitati c’è pure la suocera rompiscatole.

Questo è il quadro che si presenta allo spettatore quando si apre il sipario sule nuove avventure del nostro giovane amico Nicolas (Boisselier), ritornato tra noi dopo il successo del primo brillante e divertente episodio. Ritroviamo Nicolas cresciuto e innamorato della sua compagna di scuola e determinato a sposarla e seppure costretti da differenti vacanze a diversi,il nostro sognatore si impegna a scriverle ogni giorno.

La sua promessa però comincia a vacillare quando conosce la giovane Isabel, all’inizio abbastanza inquietante, ma poi rivelatasi un’ottima compagna di giochi e nuova potenziale sposa.

Nicolas, come ogni bambino in vacanza, si crea subito una comitiva di nuovi amici con cui condividere giochi,divertimenti e strategie per fronteggiare il mondo dei genitori e dei grandi in genere. I genitori di Nicolas , Merad e Lemercier,si vogliono bene anche se il loro rapporto sembra un po’ logoro e la passione appassita sotto i colpi della routine.

Una routine che rischia di saltare a causa dell’eccentrico ed esuberante produttore italiano (Zingaretti) che brama di avere la mamma di Nicolas come protagonista del suo nuovo film…continua su

http://www.nuoveedizionibohemien.it/?p=9396

Vittorio De Agrò presenta “Amiamoci,nonostante tutto”

http://www.amazon.it/Amiamoci-nonostante-tutto-Vittorio-Agr%C3%B2-ebook/dp/B00TJEWLZU/ref=sr_1_1_twi_1_kin?s=books&ie=UTF8&qid=1429343624&sr=1-1&keywords=amiamoci+nonostante+tutto

Vittorio De Agrò e Cavinato Editore presentano “Essere Melvin”

http://www.cavinatoeditore.com

The ticket purchase for “The holidays of the Little Nicolas” is: 1) Not even gave 2) Tribute 3) afternoon 4) Reduced 5) Always

The holidays of the small Nicolas “is a film of 2015 directed by Laurent Tirard, written by Laurent Tirard, Grégoire Vigneron and based on the novels” Le Petit Nicolas “French author René Goscinny and enlivened by nice drawings diJean-Jacques Sempé, with: Mathéo Boisselier, Valérie Lemercier, Kad Merad, Luca Zingaretti, Francis Perrin.

Holidays are dreaming, chased by all students, including the “annoying interval” of the school,

especially from smaller, Holidays means playing with friends till you drop, to despair their parents, do not do their homework and maybe fall in love.

Already because of who has never happened to have a little story with the girl he met on the beach during a beach vacation?

Holiday means quarrels between parents if among the guests there is also the mother-in-law nuisance.

This is the picture that is presented to the viewer when you open the curtain boobies new adventures of our young friend Nicolas (Boisselier), back among us after the success of the first bright and funny episode. We find Nicolas grown and in love with his classmate and determined to marry her and even forced by different holidays in different, our dreamer agrees to write every day.

But his promise begins to falter when he met the young Isabel, beginning quite disturbing, but later revealed as an excellent playmate and new potential bride.

Nicolas, as every child on holiday, once you create a group of new friends with whom to share games, entertainment and strategies to cope with the world of parents and great in general. The parents of Nicolas, Merad and Lemercier, they love even if their relationship seems a bit ‘worn out and the passion faded under the blows of the routine.

A routine that is likely to jump because of the eccentric and exuberant Italian manufacturer (Zingaretti) who longs to have the mother of Nicolas as the star of his new film … read on

http://www.nuoveedizionibohemien.it/?p=9396

Vittorio De Agro presents “Let us love, despite everything”

http://www.amazon.it/Amiamoci-nonostante-tutto-Vittorio-Agr%C3%B2-ebook/dp/B00TJEWLZU/ref=sr_1_1_twi_1_kin?s=books&ie=UTF8&qid=1429343624&sr=1-1&keywords=amiamoci+nonostante+tutto

Vittorio De Agro and Cavinato Publisher present “Being Melvin”

http://www.cavinatoeditore.com

 

32. Un’estate inquieta – Parte I

caspar_david_friedrich-viandante_in_un_mare_di_nebbia
Non ci si accontenta mai.
Una volta raggiunto un obiettivo scatta il desiderio di raggiungerne un altro.
Sono un rompiscatole.
Finché non realizzo l’idea che ho in testa non mi fermo.
Sono sempre irrequieto.
Invidio molto la serenità altrui.
– Ciao Mel. Come va?
– Un po’ meglio. Raccontare la mia discesa alleggerisce il peso sul mio cuore, ma i file sono sempre presenti, Dottore.
– Un passo alla volta. Realizzata l’intervista,  potevi considerati soddisfatto. Invece cosa succede dopo?
– In effetti Dottore, i giorni successivi furono gioiosi e pieni di allegria. Il forum ribolliva d’entusiasmo. I vari utenti bramavano di vedere l’intervista. Io stesso immaginavo che l’Oscuro e lo staff si sarebbero messi subito al lavoro per montarla e farla uscire durante l’estate ma non fu cosi. L’Oscuro disse che tutto il girato doveva essere visto dall’Aspirante per l’approvazione prima di lavorarci sopra. Ero ovviamente fremente ma l’Oscuro era più apatico del solito. Nessuno aveva la mia stessa voglia. Non li capivo ma decisi al momento di non rompere ulteriormente le scatole. Partii per la Sicilia, felice e soddisfatto.
Avevo raggiunto il mio scopo. Annunciai sul sito che mi sarei ritirato per un po’ per evitare di prendermi qualche denuncia da parte della Famiglia dell’Aspirante. Avevo maturato l’idea d’aver superato il limite con lei. Non volevo danneggiare il forum e soprattutto risultare “molesto”. Pensavo di poter gestire la situazione da giù in tranquillità.
Mi sbagliavo: dopo solo pochi giorni, tornai ad essere irrequieto e nervoso. La stessa intervista cominciava a non piacermi più. Immaginavo di rifarla, di poterla migliorare. L’Oscuro cercava d tranquillizzarmi, dicendomi che avevo fatto un buon lavoro. Dopo varie pressioni e lamenti con lo staff riuscii a strappare almeno un primo spot di lancio per l’intervista. Lo lanciammo e si rivelò subito di grande impatto.
Agosto fu anche il mese delle repliche della prima stagione.
Puntualmente dopo ogni puntata, il forum veniva preso dallo tsunami di curiosi e di farneticanti fan dell’Aspirante. Tra le varie ondate arrivarono alcuni utenti di valore come il Playboy, l’Educando e Mr Pazienza. Con il primo, l’inizio fu turbolento. Voleva subito mettersi in mostra, pensavo che ambisse  alle luci della ribalta. Si offrì di coprire un evento molisano dell’Aspirante. Non mi piaceva il suo modo di fare e lo affrontai. Ci fu uno scambio di post piuttosto duro, misi in dubbio la sua onestà e lealtà. Volevo fargli capire che in questo forum non c’era spazio per le prime donne. Il Playboy mi rispose a tono.
Come sempre accade, il tempo fu galantuomo stavolta per il Playboy. Fece un servizio molto bello, ricco di foto e ben scritto, mi scusai pubblicamente con lui. Vidi le sue foto in compagnia della Signora Patrizia e del Dottore Serioso e da lì nacque subito il sopranome : il Playboy del Molise Da quel momento con il Play sarebbe nato un rapporto molto forte e soprattutto una sincera amicizia. Intanto dall’Aspirante non giungevano notizie sull’intervista. Mi sembrava di essere bloccato sul  tasto “pause”. Lo stesso Oscuro non aveva voglia.
Era estate e tutti volevano divertirsi , tranne il sottoscritto. Una sera io e l’Oscuro ci parlammo sul messenger . Era strano da giorni.
Era nervoso, scontroso quasi odioso. Io gli parlai della mia malattia e lui improvvisamente mi attaccò: ”Basta  con questa storia del linfoma, tanto non sei malato! Piuttosto dimmi la verità, ci hai provato con Ginevra vero?”.
Io ero frastornato ed incredulo e gli risposi: ”Gigio ma che minchia dici? Cosa vai a pensare? Come ti può venire in mente una cosa del genere?
Cosa ti ha detto l’Aspirante ?”. L’Oscuro continuò: ”Certo un coglione del genere non può pensare di fregarmi la ragazza”.
Io ero davvero perplesso e gli risposi: ”Gigio ma ti senti bene? Cosa stai dicendo?”
L’Oscuro, sempre più irritato ”Non mi importa nulla. Quando torni a Roma, facciamo i conti”. E chiuse la discussione.
Rimasi davvero interdetto ma pensai che fosse solo una delle solite oscure uscite e la liquidai come una boutade estiva.