41) Absolutely Fabulous – Il Film

fabulus

Il biglietto da acquistare per “Absolutely fabulous – Il film” è: 1)Neanche regalato; 2)Omaggio; 3)Di pomeriggio; 4)Ridotto; 5)Sempre.

Un film di Mandie Fletcher. Con Jennifer Saunders, Joanna Lumley, Julia Sawalha, Jane Horrocks, June Whitfield. Commedia, 91′. 2016

Vi considerate dei teledipendenti? E se sì, di che tipo? Molto probabilmente vi farete questa domanda, guardando “Absolutely fabulous – Il film” di Mandie Fletcher, ispirato all’omonima serie televisiva britannica andata in onda sulla BBC tra il 1992 e il 2012.

Protagoniste della sit-com sono Edina Moonson (Jennifer Saunders) e la sua migliore amica Patsy Stone (Joanna Lumley), due ex hippy, oggi signore benestanti, dedite ad alcool e consumo di droghe.

Edina è proprietaria di un’agenzia di pubbliche relazioni e vive in una casa in Holland Park con la figlia; ha avuto due mariti, ed è ossessionata dalla moda e dal tentativo continuo di dimagrire. Patsy, invece, dirige una rivista, è un’ex modella e attrice, e nella serie si dice che non mangia niente da trent’anni ma la sua età non viene mai rivelata.

La figlia di Edina, Saffron (Julia Sawalha), fa da contraltare alla vita sregolata delle due: ragazza colta e studiosa, entra spesso in contrasto con la madre. Nella quarta serie scriverà un dramma sul suo rapporto con lei, che il pubblico interpreterà però come una commedia. Nella quinta serie tornerà a casa incinta da una missione umanitaria in Uganda e darà alla luce una bambina che chiamerà Jane, ma che Edina si ostinerà a chiamare Lola.

Tutte queste informazioni provengono da Wikipedia, mai come in questo caso necessaria per cercare di comprendere l’essenza del film.

Io sono un vero teledipendente d’antan, cresciuto nel fulgore degli anni ‘80, e sono abituato a vedere e applaudire, se è il caso, anche il genere trash o demenziale. Onestamente questo film, molto atteso dai fan, supera anche questi parametri.

Definirlo brutto e inutile è poco, cari lettori, e questa non vuole essere una critica verso il vostro metro di giudizio, se deciderete di andare al cinema, ma solo una pressa d’atto sincera dopo che ho provato, con scarso successo, a trovare uno spunto, una battuta, una scena degne di essere menzionate. continua su

http://paroleacolori.com/al-cinema-absolutely-fabulous-il-film/

Vittorio De Agrò presenta “Amiamoci, nonostante tutto”

 

181) Ghostbusters

fantasmi

Il biglietto da acquistare per “Ghostbusters” è: 1)Neanche regalato; 2)Omaggio; 3)Di pomeriggio; 4)Ridotto; 5)Sempre (con riserva).

Un film di Paul Feig. Con Melissa McCarthy, Kristen Wiig, Leslie Jones, Kate McKinnon, Chris Hemsworth, Cecily Strong, Andy Garcia. Fantascienza, 108′. 2016.

Togliamoci subito il dente: questa nuova versione al femminile di “Ghostbusters” non manca di rispetto alla saga che la mia generazione e non solo ha amato moltissimo negli anni ‘80.

Appassionati e semplici curiosi, fin dall’annuncio della produzione, hanno storto il naso e mostrato grandi perplessità sul progetto del regista Paul Feig di portare sul grande schermo un remake in rosa delle avventure celeberrimi acchiappafantasmi. Si sono spesi fiumi di parole, sul web e sui social e gli stessi critici si sono arroccati su pregiudiziali stroncature prima ancora di vedere un solo minuto di film.

Ebbene, cari lettori, potete andare al cinema senza pensieri, magari in compagnia dei figli, perché il fascino e l’ironia della saga originaria sono salvi, e addirittura rinnovati e rinfrescati.

Questo “Ghostbusters” si colloca a metà strada tra un remake e un reboot, dove alle novità si uniscono innumerevoli citazioni e omaggi alla prima versione, a cominciare dai piccoli e divertenti cameo dei membri del vecchio cast.

Quello di Feig è un film godibile, leggero, che si lascia vedere con gusto e in scioltezza nonostante la trama sia di per sé abbastanza scontata e prevedibile.

Lo spettatore si trova nella New York moderna, dove tre giovani scienziate formano una sgangherata e arruffona squadra dedita allo studio dei fenomeni paranormali. Ne fanno parte Erin (Wiig) e Abby (McCarthy), amiche di vecchia data legate dall’amore per lo studio dei fantasmi e Holtzaman (McKinnon). Alle tre scienziate si uniscono presto Patty (Jones), impiegata del metrò eccentrica e colta, e Kevin (Hemsworth), segretario belloccio ma stupido.

È un po’ come assistere a una sorta di gioco degli specchi o, se preferite, di ribaltamento, tra i personaggi del nuovo film e quelli che hanno fatto la storia. Le quattro protagoniste hanno infatti caratteri, personalità, pregi e difetti tutti loro eppure richiamo alla mente i “colleghi” uomini per alcuni tic e modi di fare. continua su

Al cinema: Ghostbusters

Roberto Sapienza presenta “Ninni,mio padre”

https://www.amazon.it/Ninni-mio-padre-Roberto-Sapienza-ebook/dp/B01H85DF8S/ref=sr_1_1?s=books&ie=UTF8&qid=1469715345&sr=1-1&keywords=ninni+mio+padre