20) Diavoli 2 – Seconda Stagione

“Diavoli” è Una serie di Nick Hurran, Jan Maria Michelini. Con Alessandro Borghi, Patrick Dempsey,
Lars Mikkelsen, Malachi Kirby, Pia Mechler, Paul Chowdhry.
Drammatico, thriller. Italia, Francia, Regno Unito. 2020-in produzione

Recensione:

I complottisti duri e puri sostengono con convinzione che le coincidenze, a questo mondo, non esistono. Qualsiasi evento politico, sociale, economico e persino sanitario (vedi la pandemia) può essere spiegato in modo razionale, perché è stato deciso “a tavolino” dai cosiddetti poteri forti.

Chi sono nello specifico costoro non è facile stabilirlo con certezza, ma di sicuro l’alta finanza si è ritagliata, nel corso degli anni, un ruolo di spicco in questo quadro fosco.

Nel 2014, Guido Maria Brera nel suo romanzo ha lanciato l’idea suggestiva che fosse un’élite finanziario-bancaria a influenzare la politica e le scelte economiche dei governi. Visto il successo editoriale, la scelta di realizzare una serie era quasi inevitabile.

Nel 2020 “Diavoli” ha fatto il suo debutto, un thriller internazionale con tradimenti, assassini e cospirazioni decisi nelle sale riunioni di banche e holding. Come forse ricorderete, la prima stagione era costruita sul duello senza esclusione di colpi tra allievo e maestro, Massimo Ruggero (Borghi) e Dominic Morgan (Dempsey).

I nuovi episodi riprendono il racconto cinque anni dopo quegli avvenimenti, a pochi giorni dal referendum sulla Brexit. Dopo aver sventato il piano di Dominic contro l’euro, Massimo, rimasto CEO dell’NYL, ha deciso di intraprendere una politica di acquisizioni filocinesi. Ma proprio il suo ex avversario si ripresenta per metterlo in guardia: i nuovi partner sono pronto a tradirlo, in una silenziosa guerra fra Cina e USA per il controllo tecnologico dei dati personali di milioni di persone.

La seconda stagione di “Diavoli” copre un lasso temporale che va dal giugno 2016 al marzo 2020. Gli sceneggiatori hanno immaginato uno scenario ardito, scioccante ma allo stesso tempo plausibile in cui l’odierna situazione sia stata decisa o quanto meno indirizzata fin dalla Brexit. Non una serie complottista, ma piuttosto una prospettiva diversa e originale sugli eventi che hanno scosso e segnato il mondo in questi anni. continua su

119) Le Classifiche 2020 dello Spettatore Pagante

Ve l’avevamo solennemente promesso che la pandemia non avrebbe mai fermato il nostro lavoro. In   qualsiasi modalità possibile avremmo continuato a scrivere condividendo le nostre riflessioni e critiche con voi tutti.

Il 3 agosto scrivemmo che, salvo imprevisti, non saremmo stati a Venezia 77, poi il direttore Alberto Barbera spaventato dalla nostra assenza convocò d’urgenza il rigoroso capo ufficio stampa per fargli cambiare idea

Il Covid 19, dopo le meritate vacanze estive, è sì presentato puntuale in autunno ballando felice al ritmo di

ripetendo sornione

L’autunno e questo inizio d’inverno è stato scandito da un irrazionale quanto inutile:

La Festa di Roma in presenza, Il Torino Film Festival invece on line. trasformando l’inviato festivaliero al perfetto   ruolo di:

Ma basta piangerci addosso, siamo giornalai seri, noi!

Il duro e rigoroso lavoro paga sempre e nonostante le difficoltà di questo terribile 2020 abbiamo sfornato numeri notevoli:

Film: 136, Libri: 64, TV: 27, Corti :2

Anche nella seconda parte dell’anno abbiamo sentito gridare al “Capolavoro” da tanti, troppi colleghi. Rinnoviamo l’invito alla prudenza nell’utilizzare certe parole. Perché si corre il rischio di

Eccoci finalmente arrivati alle Classifiche Finali dello Spettatore Pagante

Cinema:

1) Memorie di un Assassino di Bong Joon – Ho

“Memorie di un assassino”: un poliziesco incalzante e sconvolgente

2) Ex equo

“Nomadland” di Chloé Zhao,

“50 (or two whales meet at the beach) di Jorge Cuchi

3) Ex equo
Odio L’Estate di Massimo Venier

“Odio l’estate”: un racconto sincero e spontaneo sull’amicizia e la famiglia

Ema di Pablo Larrain (In uscita a settembre nelle nostre sale)
https://ilritornodimelvin.wordpress.com/2020/08/02/112-ema/

Premio Speciale dello Spettatore Pagante:

“Nel Bagno delle donne” di Marco Castaldi

E “Il Grande Passo” di Antonio Padovan

Libri:

  1. Meno Dodici e Pronto Soccorso di PierDante Piccioni con Pierangelo Sapegno
    https://ilritornodimelvin.wordpress.com/2020/05/09/52-meno-dodici-pronto-soccorso-pierdante-piccioni-con-pierangelo-sapegno/
    2) La Salita dei Saponari di Cristina Cassar Scalia

https://ilritornodimelvin.wordpress.com/2020/08/16/118-la-salita-dei-saponari-cristina-cassar-scalia/

Ex equo con

Una lettera per Sara di Maurizio De Giovanni
https://ilritornodimelvin.wordpress.com/2020/05/23/57-una-lettera-per-sara-maurizio-de-giovanni/

  • Troppo Freddo per Settembre di Maurizio de Giovanni

https://ilritornodimelvin.wordpress.com/2020/09/24/135-troppo-freddo-per-settembre-maurizio-de-giovanni/


e
L’Avversario di Emmanuel Carrère
https://ilritornodimelvin.wordpress.com/2020/01/30/16-lavversario-emmanuel-carrere/

TV:

TV:
1) Cobra Kai

2) La Regina degli Scacchi

ex equo

Hunters

“Hunters”: caccia agli ufficiali nazisti nell’America degli anni ’70

3) Il Cacciatore 2

“Il cacciatore”: Francesco Montanari riprende la caccia nella 2° stagione

Ex equo con

Stalk

Avete Letto? Non siete per nulla d’accordo?

Rinnoviamo l’invito alla sana e rigorosa prudenza

Vi auguriamo un Felice 2021

Ps: per non dimenticare.