63) Nope

Il biglietto d’acquistare per “Nope” è : Neanche regalato (Con Riserva)

“Nope” è un film di Jordan Peele. Con Daniel Kaluuya, Keke Palmer, Steven Yeun, Michael Wincott, Brandon Perea. Horror, 130′. USA 2022

Sinossi:

OJ e Emerald Haywood, fratello e sorella, hanno ereditato un ranch ad Agua Dolce, non lontano da Hollywood, dopo la morte del padre Otis sr., avvenuta in circostanze difficili da spiegare scientificamente. L’attività di famiglia riguarda l’addestramento di cavalli selvaggi per l’industria del cinema, ma gli Haywood vantano origini ben più nobili e sostengono di discendere dal fantino bahamense immortalato da Eadweard Muybridge nella sequenza di fotografie del 1878, nota come la prima successione di immagini in movimento (in sostanza il primo film) mai girata. Mentre OJ cerca di vendere i propri cavalli a Jupiter, ex attore divenuto proprietario di un parco dei divertimenti western ad Agua Dolce, avvengono fatti sempre più strani e inspiegabili al ranch degli Haywood, tanto da far pensare a una presenza extraterrestre e ostile.

Recensione:

La nuova stagione televisiva e cinematografica non è ancora iniziata ufficialmente, ma già vediamo il ritorno di un motivo ricorrente: Vittorio De Agro contro il fior fiore della critica internazionale!

Neanche il tempo di riprendere fiato, sperando di concedermi qualche giorno di meritato riposo prima del tour de force veneziano, che il Premio Oscar Jordan Peele mi ha lanciato contro l’indigesto “Nope”.

Indigesto secondo me, perché manco a dirlo la stampa di tutto il mondo sta facendo a gara nello scrivere recensioni entusiastiche, scovando letture e interpretazioni della pellicola, e arrivando a scomodare mostri sacri come Steven Spielberg. continua su

62) “Minios 2 – Come Gru diventa Cattivissimo”

Il biglietto d’acquistare per “Minios 2 – Come Gru diventa Cattivissimo” è : Di pomeriggio (con Riserva)

“Minios 2 – Come Gru diventa Cattivissimo” è un

film di Kyle Balda, Brad Ableson, Jonathan del Val. Con Max Giusti, Steve Carell, Pierre Coffin, James Murray, Alan Arkin. Animazione, 90′. USA 2022

Sinossi:

Nella Los Angeles degli anni Settanta, Gru cresce in perfidia e sogna di entrare a far parte dei Malefici sei (Vicious Six), un team di super-cattivi che si è appena sbarazzato del suo leggendario capo. Dodicenne sotto il caschetto e dentro i jeans a zampa di elefante, partecipa senza successo al colloquio. Deriso per la taglia, troppo piccola per un’ambizione così grande, Gru si congeda rubando una potente pietra dello zodiaco e guadagnandosi sul campo il titolo di nemico giurato. Tra inseguimenti e rapimenti, Gru potrà contare su un esercito fedele di Minions e un complice inaspettato, Wild Knuckles, ex leader dei Malefici che reclama pietra e vendetta. 

Recensione:

Sette anni dopo il primo, trionfale spin-off della serie “Cattivissimo me”, i Minions tornano al cinema (in Italia dal 18 agosto) con una nuova avventura da solisti – anche se in questo caso la definizione non è totalmente calzante -, nella speranza di incontrare ancora una volta il favore del pubblico di tutte le età. 

Dopo aver raccontato le origini delle simpaticissime creature gialle con la salopette e la parlata quasi intelligibile, “Minions 2 – Come Gru diventa cattivissimo” amplia l’universo narrativo del franchise, raccontando gli albori della collaborazione tra i nostri piccoli eroi e il 12enne Gru. continua su

122) Finale di Stagione 2022

“Anno nuovo vita nuova” eravamo soliti dire speranzosi nella notte di San Silvestro, festeggiando l’arrivo dell’anno nuovo.

Ma gli ultimi anni hanno stravolto anche i proverbi più ottimisti e saggi.

Siamo paradossalmente costretti a pensare “Anno nuovo, quale calamità arriverà ?”

I primi 7 mesi del 2022 sono stati davvero “scoppiettanti” : guerra in Ucraina, siccità, inflazione galoppante, caduta dei governi Draghi e Johnson.

Con i primi giorni,  agosto si preannuncia già all’altezza con le tensioni sull’asse Cina – Usa e la rinnovata conflittualità tra Kosovo e Serbia.

In questo quadro internazionale, sociale ed economico è assai difficile parlare, scrivere di Arte, ma non  volevamo , non potevamo deludere i nostri due lettori

Così siamo  pronti  a rompervi l’anima  con  il nostro consueto Finale di Stagione.

Sono stati setti mesi  scanditi da cinema, Tv, libri e problemi fisici che ci hanno fatto capire come la vita sia

Ergo non perdiamo  tempo

I numeri del nostro Finale di Stagione sono:  61 film, 34 programmi Tv, 27 libri.

Alla luce di quanto visto e letto, beccatevi le nostre Classifiche:

Cinema ( aspettando l’uscita dei film di Cannes e Venezia,  evidenziamo come finora la 7 arte ci abbia regalato molte delusioni e pochi film degni di nota)

  1. After Love di Aleem Khan.
  • Io e Spotty
  • Black Phone

Commento:

Libri:

  1. Le madri non dormono mai di Lorenzo Marone
  • Come Vento cucito alla Terra (Ilaria Tuti)
  • La Carrozza della Santa (Cristina Cassar Scalia)

Commento:

 TV

  1. Clark
  • Physical 2
  • Cobra Kai 4

Commento:

Il dado è tratto…

Adesso tornate pure

buone Vacanze. Forse…

61) Shark Bait

“Shark Bait” è un film di James Nunn. Con Holly Earl, Manuel Cauchi. Thriller, 87′. Gran Bretagna 2022

Sinossi:

Un gruppo di amici – Nat e il fidanzato Tom, Milly, Tyler e Greg – sta trascorrendo una vacanza in una località marittima. Per divertirsi dopo una notte di baldoria, si impossessano di due moto d’acqua per una gita in mare aperto. Dopo essere sfrecciati lontano dalla riva, i giovani non trovano di meglio, per spassarsela, che puntare le moto d’acqua una contro l’altra a tutta velocità con la conseguenza di causare un incidente nel quale Greg si ferisce e l’unica moto rimasta a galla comunque non riparte. E se la situazione sembra brutta, peggiora quando compare sulla scena un famelico squalo bianco.

Recensione:

Gioca coi fanti ma lascia stare i santi, recita il detto. Che riadattato in chiave cinematografica potrebbe diventare: alcuni capolavori è meglio che restino unici, senza tentativi (spesso mediocri) di recupero in chiave moderna.

60)The Twin -L’altro volto del Male

Il biglietto d’acquistare per “The Twin -L’altro Volto del Male” è : di pomeriggio

“The Twin -L’altro Volto del Male” è un film del 2022 diretto da Taneli Mustonen, scritto da Aleksi Hyvärinen, Taneli Mustonen, con : Teresa Palmer, Tristan Ruggeri, Toni Tikkanen, Steven Cree, Barbara Marten.

Sinossi:

The Twin – L’altro volto del male, film diretto da Taneli Mustonen, racconta la storia di Rachel e Anthony (Teresa Palmer e Steven Cree), una coppia che ha perso uno dei figli gemelli a causa di un tragico incidente. I due decidono di trasferirsi molto lontano, dall’altra parte del mondo, e dedicarsi unicamente al figlio sopravvissuto, Elliot (Tristan Ruggeri), sperando così di elaborare il lutto e ricostruirsi una nuova vita. Nella campagna scandinava, dove vivono ora, le giornate sembrano inizialmente trascorrere tranquille e l’isolamento nella natura sembra fare davvero bene alla famiglia, favorendo la loro guarigione.

Questa pace ritrovata, però, rischia di essere minacciata dallo stesso Elliot, che sembra essere posseduto da un’entità malvagia, intenzionata a impadronirsi della sua anima. Rachel cerca di combattere contro queste oscure forze, che sostengono di non essere altro che il figlio morto, ma è così che la donna scoprirà un’orribile verità sul gemello sopravvissuto…

Recensione:

L’incubo peggiore di un genitore è  dover seppellire il proprio  figlio.

Quando un incidente, una disgrazia inverte l’ordine naturale delle cose,  costringendo una madre a piangere la morte di figlio, nulla sarà come prima.

Se poi l’incidente è stato provocato dalla stessa donna, il senso di colpa misto all’immane dolore può devastare anche la  mente più forte e sana.

Taneil Mustonen insieme con l’altro sceneggiatore Hyvarinen   aprono  il loro  script, raccontandoci  l’orrore più grande: lo straziante dolore  di una madre magistralmente incarnato da Teresa Palmer.

Il regista pone una serie di domande esistenziali  allo spettatore  dando spazio alle  immagini rispetto alla parola, conferendo così  maggiore gravità, angoscia e crudezza al travaglio interiore vissuto dai protagonisti

 Una madre può resistere al dolore, al senso di colpa? Una madre può avere la forza d’andare avanti per amore del figlio sopravvissuto?

Trasferendosi dall’altra parte del mondo, in tranquilla ed apparente accogliente cittadina della Finlandia, una famiglia può ritrovare un senso, un equilibrio, la serenità perduta?

“The Twin” presentato come un horror, si rivela ben presto qualcosa di diverso, più vicino ad un thriller psicologico avendo anche una  componente religiosa

L’intreccio si sviluppa per tre quarti del film su tre principali tematiche : elaborazione del lutto, presenza maligna ed apparente  ostilità della comunità.

Tre elementi narrativi che gli autori hanno mescolato ed alternato nella scrittura dando vita ad una storia magari originale , mai banale e noiosa. 

Ma nonostante l’apprezzabile sforzo creativo, il film scivola via  sequenza dopo sequenza all’interno di una cornice di racconto già ampiamente vista.

I fan dell’ horror potrebbero  provare un senso di delusione  di fronte ad una visione  più introspettiva che sovrannaturale.

Teresa Palmer si carica sulle spalle l’intero peso del film, dimostrando talento, presenza scenica e personalità  nell’indossare i panni di una madre  sospesa tra dolore e paura.

Il personaggio di Rachel  è la chiave di volta per comprendere, scoprire quale sia la mission finale degli autori.

Rachel è pazza di dolore o davvero l’altro suo figlio è  in grave pericolo?

La mente umana è un filo sottile e   se da una parte  basta poco per spezzarsi , dall’altra per proteggerti  da dolore può  spingerti dentro una bolla altrettanto pericolosa alla lunga.

“TheTwin” è un film che viaggia sui ritmi piuttosto blandi, per poi accelerare improvvisamente nel finale imponendo allo spettatore  un radicale quanto inaspettato cambio di prospettiva sull’intera storia e come  la perdita un figlio sia ancora più terribile di una presenza maligna.

59) X- a Sexy Horror Story

Il Biglietto d’acquistare per “X-A Sexy Horror Story” è : Omaggio

“ X -A Sexy Horror Story” è un film del 2022  scritto e diretto da Ti West, con :

Cast artistico:

Mia Goth       Maxine / Pearl

Jenna OrtegaLorraine

Brittany Snow      Bobby-Lynne

Kid Cudi   Jackson

Martin Henderson       Wayne

Owen Campbell RJ

Stephen Ure Howard

Sinossi:

X – A Sexy Horror Story, film diretto da Ti West, è ambientato nel 1979 e racconta la storia di una troupe cinematografica, formata da giovani e ambiziosi registi, decisa a girare un film per adulti nelle zone rurali del Texas. Vengono ospitati da una coppia di anziani, proprietari di un’isolata fattoria.
Il loro progetto, però, si trasformerà in un incubo, quando i due anziani scopriranno che genere di film stanno realizzando. È così che la troupe si ritroverà a lottare per la propria sopravvivenza.

Recensione:

In ogni campo della vita esiste un prima ed un dopo.

Per gli amanti del porno (  innumerevoli quanto trasversali nella nostra società)  ha rappresentato una pietra miliare poter vedere e gustarsi un film  sulla TV di casa   tramite la rivoluzione dei  VHS.

Il mercato dell’ home Video alla fine degli anni 70 ha cambiato usi e costumi di milioni di persone.

Le famose “videocassette” hanno rese “felici” intere generazioni di adolescenti e non.

Il porno ,al netto delle proprie opinioni personali, è uno dei maggiori business cinematografici costantemente in crescita

Anzi oggi , se è possibile, è considerato un genere “quasi autoriale”

La parola “X” indicava  per i parametri della  censura una visione consigliata agli over 18, essendo presenti scene esplicite di sesso e violenza.

Ty West partendo da queste considerazioni sociologiche /commerciali ha rievocato quel passaggio storico  inserendo  l’elemento horror in una sceneggiatura variegata ed ambiziosa.

Ci troviamo così davanti ad un intreccio narrativo complessivamente non  banale e supportato da uno stile registico intrigante, che inizialmente predispone lo spettatore positivamente alla visione.

 L’ intrigante idea di partenza perde  forza però nella messa in scena evidenziando  come West non sia stato capace di tenere dritta la proprio visione creativa sul film,

“X”  alterna infatti momenti di “back stage” cinematografici del film amatoriale ad altri di thriller rurale e spettrale della campagna americana incarnata dalla coppia anziana proprietaria della fattoria

All’inizio del film osserviamo Wayne (Martin Henderson)  trasportare  sul proprio pullmino  la piccola troupe  in ua decadente fattoria nel cuore del Texas per girare un nuovo film per adulti .

Un cast artistico composto dalla sua giovane fidanzata Maxine (Mia Goth),  Bobby-Lynne (Brittany Snow), l’ex soldato Jackson (Kid Cudi) ed invece come cast tecnico RJ (Owen Campbell) e la sua timida ragazza Lorraine (Jenna Ortega) come fonico

Una fattoria dove vive un’inquietante coppia d’anziani di cui sappiamo poco e nulla.

La “convivenza” tra la troupe e la coppia di coniugi si incrina quasi subito, quando la moglie Pearl rivela d’avere ancora degli insospettabili appetiti ..sessuali.

Le iniziali e provocanti scene di sesso si mescolano nella seconda parte con quelle di splatter “spinto”   creando nella struttura , a nostro giudizio, un cortocircuito  narrativo.

“X”  risulta  un film “incompiuto”  volendo  strizzare l’occhio a due generi così differenti, perdendo alla lunga coerenza e linearità di racconto e soprattutto buona parte dell’attenzione da parte del pubblico.

L’effetto amarcord e il meta cinema  funzionano  bene nella prima parte solleticando i “pruriti” del pubblico maschile e rievocando i classici dell’horror

La seconda parte invece caratterizzata dallo splatter e brutali esecuzioni si rivela qualcosa di visto e piuttosto confuso ed approssimativo. “X” è quel genere di film che siamo soliti vedere a casa in seconda /terza serata in una domenica torrida d’estate

58) Una boccata d’Aria

Il biglietto d’acquistare per “Una Boccata d’aria” è : Di pomeriggio

“Una Boccata D’Aria” è un film del 2022 diretto da Alessio  Lauria, scritto da Aldo Baglio, Alessio Lauria

Cast Artistico:

Salvo: Aldo Baglio

Teresa :Lucia Ocone

Lillo: Giovanni Calcagno

Emma: Ludovica Martino

Enzo: davide Calgaro

Carmela : Manuela Ventura

Nunzio : Tony Sperandeo

Sinossi:

Una boccata d’aria, film diretto da Alessio Lauria, racconta la storia di Salvo (Aldo Baglio), che dopo aver saputo che il padre, con cui non ha alcun rapporto da diverso tempo, è morto, parte alla volta della sua terra natìa, la Sicilia. Il reale obiettivo dell’uomo è l’eredità, ovvero il casale di famiglia.
Salvo vuole convincere il fratello Lillo a vendere la proprietà così da usare i soldi per salvare la sua pizzeria, prossima al fallimento. Né la moglie né i figli sanno che l’attività naviga in cattive acque e lui spera che non ne vengano mai a conoscenza, pagando i debiti con l’eredità paterna Ma convincere Lillo si rivela un compito davvero arduo e Salvo si ritroverà costretto a fare i conti con tutte quelle scelte che ha preso nel corso della sua vita.

Recensione:

Riconoscere i propri errori non è mai facile.

Chiedere scusa è un atto di grande onestà.

Confessare di ritrovarsi in difficoltà e chiedere aiuto è difficile quasi impossibile per una persona orgogliosa e testarda.

Rappacificarsi con la figura paterna rappresenta un passaggio difficile per un figlio soprattutto quando il primo è morto.

Se a  tutte problematiche esistenziali e familiari  aggiungi le difficoltà economiche con il concreto rischio di fallire con la pizzeria costruita negli anni a Milano,  avrai di fronte Salvo, il protagonista di questa commedia agrodolce incentrata sul “ritorno a casa” .

Salvo è un siciliano emigrato a Milano o se preferite fuggito dall’oppressione paterna, deciso a dimostrare di non essere “una cosa inutile”.

Salvo si è creato una bella famiglia, aperto la pizzeria dei suoi sogni a Milano.

Per trent’anni e più ha tagliato i ponti con la Sicilia e soprattutto con la sua famiglia d’origine, ma come spesso capita , il passato è  tornato a bussare alla sua porta presentandogli il conto.

La vita e soprattutto le certezze lavorative di Salvo si stanno sgretolando e l’unica soluzione è tornare a casa ed affrontare il proprio doloroso passato.

“Una boccata d’aria”  lo potremmo definire  narrativamente da una parte  come la rivisitazione leggera della parabola biblica del “figliol prodigo” e dall’altra come il viaggio inverso compiuto da un “terrone” che troverà una seconda chance di vita nella sua controversa terra grazie all’ odiata casa paterna.

Aldo Baglio  stupisce e convince in un inedito ruolo da commedia regalando allo spettatore sorrisi ed emozioni.

Baglio ha  dimostrato di possedere un’ indipendenza attoriale fuori dalla bolla del trio con Giovanni e Giacomo.

Alessia Lauria al suo secondo lungometraggio  firma con gli altri sceneggiatori una storia semplice, lineare ma allo stesso tempo delicata, poetica ed universale sui rapporti familiari e sul bisogno di pacificazione con l’ingombrante figura paterna.

Alessio Lauria dirige con bravura e sensibilità Aldo Baglio ed il resto del cast  artistico tirando il meglio da ogni interprete , trovando il giusto tono ed equilibrio tra l’evoluzione personale del protagonista ed il cambiamento di rapporti con il resto dei personaggi.

Se Aldo Baglio brilla , non si può non evidenziare l’ottima performance di Lucia Ocone nel ruolo della moglie.

L’inedita coppia coniugale strappa più di una risata sulla scena e soprattutto dimostra naturalezza ed una convincente alchimia.

“Una boccata d’aria” è una commedia agrodolce che si muove all’interno di una cornice narrativa e registica  piuttosto classica quanto efficace portando lo spettatore dentro una Sicilia antica , magica ed allo stesso tempo dotata di una notevole  potenzialità   turistica  e capace di affascinare con la sua bellezza naturale e paesaggistica.

“Una boccata d’aria” è un film sul perdono e sulla riscoperta della famiglia come luogo  sicuro e strumento prezioso per ripartire anche in campo professionale.

Alessia Lauria firma una regia pulita, calda quanto garbata offrendo una visione godibile , a tratti emozionante, in altri  divertente di un film  complessivamente da vedere in questa  torrida estate anche come momento di riflessione.

57) Io e Spotty

Il biglietto d’acquistare per “Io e Spotty” è : Ridotto

“Io e Spotty” è un film del 2022 diretto da Cosimo Gomez, scritto da Luca InfascelliCosimo Gomez, con : Filippo ScottiMichela De RossiPaola MinaccioniVioletta ZironiAlessia Giuliani.

Sinossi:

Io e Spotty, film diretto da Cosimo Gomez, racconta la storia di Matteo (Filippo Scotti), una ragazzo di 27 anni molto solitario e introverso, che riesce a essere se stesso solo quando torna casa. Lontano dal lavoro e dalla sfera sociale, Matteo dà vita al suo alter ego: il cane Spotty. È quando la sera torna a casa dall’ufficio, indossa il costume da cane e si comporta di conseguenza, che il ragazzo si sente veramente sé stesso e finalmente libero e felice.
Il giovane, però, avverte che manca qualcosa nella sua vita ed è così che un giorno decide di pubblicare un annuncio per la ricerca di un dogsitter per Spotty. A rispondere è Eva (Michela De Rossi), una studentessa fuori sede di 25 anni alla ricerca di un impiego per mantenersi gli studi. Al contrario di quella di Matteo, la vita di Eva è caotica, con scarsi risultati in campo accademico, condita da lovestory poco durature e da lavoretti altrettanto precari, che finisce ogni volta per perdere.
Dopo l’imbarazzo iniziale, tra la ragazza e Spotty inizia a nascere un’intesa, unica nel suo genere e ricca ogni giorno di sfide da superare. Sarà questa relazione speciale a portare anche Eva e Matteo ad andare incontro l’uno verso l’altro…

Recensione:

“Chi si ferma è perduto” recita un antico proverbio.

Nella nostra controversa e complessa società non è consentito mostrarsi debole, fragile, vulnerabile.

La malattia mentale rimane ancora  un tema scottante e diviso.

La pandemia ha costretto  all’isolamento miliardi di persone, provocando un grave disagio psichiatrico  soprattutto  tra i  giovani.

I giovani si sforzano d’apparire belli, forti, indistruttibili, ma purtroppo la realtà  è ben diversa guardando i numeri delle persone   che fanno uso di psicofarmaci.

Le recensioni dei colleghi su “Io e Spotty”  sono quasi tutti uniformi nel lodarlo  definendo la seconda opera di Cosimo Gomez , un film “poco italiano” sul piano narrativo , stilistico ed attoriale.

Personalmente vorrei aggiungere al giusto “peana” , un elemento più concreto: il coraggio umano ed  artistico di Gomez di raccontare, mostrare   con leggerezza e sensibilità  la diversità, le paure, fobie dei ragazzi under 30.

Cosimo Gomez  con  Luca Infascelli firma una sceneggiatura originale, garbata, surreale , poetica ma evitando di costruire una storia avulsa dal quotidiano e dalla nostra società.

“Io e Spotty” è il racconto di due ragazzi  (Matteo ed Eva) che sulla carta avrebbero tutte le condizioni e potenzialità per “mordere la vita” e che invece si ritrovano a vivere un momento di difficoltà esistenziale.

Matteo è  un bravo animatore creativo, ma la sua solitudine l’ha spinto ad indossare la maschera del cane Spotty, sperando di trovare così affetto ed attenzione.

Invece Eva  è una giovane studentessa alle prese con degli attacchi di panico  che le impediscono di sostenere gli esami universitari al punto di mentire anche alla propria madre.

Sono due anime fragili, diverse tra loro, ma accomunate dalla paura d’essere schiacciati da un quotidiano opprimente e da una società incapace d’ascoltarli.

I mondi di Matteo ed Eva  si incrociano per una bizzarra offerta di lavoro e dopo l’iniziale diffidenza della seconda,  si scoprono complementari e più simili di quanto si  potesse credere.

Cosimo Gomez ha dimostrato bravura e lungimiranza cinematografica  nella scelta dei due protagonisti, che si sono rivelati credibili, intensi, belli.

Se Filippo Scotti  “scelto” prima del successo  planetario di “E’ stato la Mano di Dio” , ha  confermato d’essere una promessa attoriale, ha sorpreso positivamente, almeno per chi vi scrive, Michela De Rossi davvero perfetta ed a suo agio nel ruolo di Eva. Scotti e De Rossi sono riusciti con abilità  ad incarnare le contraddizioni, paure e fragilità di una generazione dando vita nella parte finale  anche ad una tenera storia d’amore  donando  un sorriso in più allo spettatore già preso dall’unicità di Spotty

56) Le Voci Sole

Il biglietto d’acquistare per “Le Voci Sole” è : Di pomeriggio

“Le Voci Sole” è un film del 2022 diretto da Andrea BrusaMarco Scotuzzi, scritto da Andrea Brusa, con :  Giovanni e Alessandra Faiella.

Sinossi:

Le voci sole, il film diretto da Andrea Brusa e Marco Cotuzzi, racconta la storia di Giovanni (Giovanni Storti), senza lavoro a causa della pandemia, è costretto a emigrare in Polonia per cercare una nuova occupazione. Giovanni però resta in contatto con la moglie Rita (Alessandra Faiella) e il figlio (Davide Calgaro) grazie a lunghe videochiamate quotidiane in cui la donna gli insegna a cucinare da remoto e poi tutta la famiglia si siede a tavola con il telefono vicino per cenare insieme e cercare di accorciare quella distanza.
Quando una di queste telefonate diventa inaspettatamente virale in rete, la coppia raggiunge una popolarità – grazie anche all’aiuto del figlio – che pare la soluzione di tutti i loro problemi economici. Presto però questa botta di fortuna si trasformerà in una trappola…

Recensione:

C’era una volta un mondo in cui la verità  era dimostrabile con  fonti riscontrabili.

C’era una volta un mondo in cui la sostanza valeva più dell’apparenza.

C’era una volta un mondo in cui le chiacchere fatte al bar erano chiacchiere e nulla di più.

Quel mondo era il nostro prima dell’avvento e sviluppo dannoso dei social e di Internet.

Oggi viviamo in un mondo capovolto in cui serietà, educazione e semplicità vengono messi alla berlina dalla massa informe degli utenti .

Basta un commento ed  una persona può ritrovarsi “sotto attacco” o se preferite” in una tempesta di merda” dagli haters o “voci sole”.

Viviamo in un mondo rovesciato dove le apparenze e le mode “mordi e fuggi” hanno soppiantato talento e competenza.

Siamo in un’ epoca dove un uomo di mezz’età  licenziato causa la crisi economica post (?) pandemia è costretto ad emigrare in Polonia per trovare  lavoro come operaio.

Ed ancora siamo in una società in cui  incredibilmente  puo  diventare “virale” un video dove una moglie insegna al proprio marito a cucinare , trasformando i due coniugi normali in “personaggi”.

Può  sembrare come  una favola  o una farsa tragicomica a seconda dell’età dello spettatore , ma il duo registico composto da   Andrea BrusaMarco Scotuzzi  probabilmente più propenso per  seconda lettura, ha messo  in scena le contraddizioni e limiti  di una  società iper connessa .

“le Voci sole” è un esperimento narrativo e registico decisamente valido, interessante  offrendo diversi spunti di riflessione allo spettatore.

La disoccupazione, una famiglia divisa, internet, l’ingenuità delle persone bene sono  solo alcune delle tematiche che  sono affrontate e descritte con sapienza e creatività in uni script essenziale quanto incisivo.

“le voci sole”  è uno  spettacolo teatrale  rimodulato sul grande schermo , che se da parte  produce una sincera immedesimazione  dello spettatore con l’evoluzione psicologica di  Giovanni e Rita e del loro modo d’ascoltarsi e comprendersi

paradossalmente dall’altra   la scelta cinematografica ne depotenzia  la forza drammaturgica e simbolica di una storia  semplice quanto universale.

“Le voci sole”  si illumina e funziona per merito delle voci dei due bravi e convincenti interpreti: Giovanni Storti ed Alessandra Faiella,  che dimostrano sul campo come un attore “comico”  sia più poliedrico e versatile rispetto ai colleghi più “seri”.

Giovanni rappresenta nella coppia, la persona rimasta uguale allo “tsunami” del web e della popolarità,  faticando a capire i passaggi e gli obblighi dei video e il perché  degli omaggi aziendali.

Rita invece  incarna la  casalinga ,la donna semplice rimasta abbagliata o se preferite sedotta dall’improvvisa celebrità.

Una celebrità che rischierà d’incrinare un  solido e duraturo rapporto matrimoniale fondato sul “amore e sudore” per il bene della famiglia.

“Le voci sole” è complessivamente una visione consigliata avendo trovato il giusto mix per una tragicommedia che ognuno di noi potrebbe vivere e peggio ancora travolti se non avessimo la fortuna d’avere un partener vero e solidale come Giovanni o Rita.

55)La mia ombra è la tua

Il Biglietto d’acquistare per “La mia ombra è la tua” è : Neanche Regalato (Con Riserva)

“La Mia Ombra è la tua” è un film di Eugenio Cappuccio. Con Marco Giallini, Giuseppe Maggio, Anna Manuelli, Sidy Diop, Claudio Bigagli. Drammatico, 107′. Italia 2022

Sinossi:

Emiliano De Vito ha 25 anni, è orfano di padre e ha sempre vissuto “in un bozzolo”: laureato summa cum laude in Lettere Antiche ha scoperto che il suo pezzo di carta non ha valore in un mondo dove la sua generazione “deve solo correre”. Ma arriva l’occasione giusta: fare da assistente a Vittorio Vezzosi, un autore che ha scritto un solo romanzo, “I lupi dentro”, che molti anni prima è stato un caso editoriale. Una influencer, Carlita Cosmay, si è innamorata di quel romanzo e chiede a gran voce un sequel, e i suoi sette milioni di follower formano un’onda inarginabile. Peccato che Vezzosi odi i social e non veda di buon occhio nemmeno l’idea di scrivere il seguito del suo primo e unico successo letterario. A Emiliano toccherà spronarlo (e anche spiarlo, nelle intenzioni dell’editore) perché porti il compito a termine.

Recensione:

È ufficiale: ho un grave problema con gli adattamenti cinematografici di romanzi italiani che la critica e il pubblico hanno dimostrato di apprezzare molto!

Al termine di ogni proiezione mi assale lo stesso, amletico dubbio: gli sceneggiatori si sono presi troppe licenze poetiche e hanno finito per stravolgere quello che era davvero un bel libro oppure quest’ultimo era inadatto a prendere la via del cinema?

Anche nel caso di “La mia ombra è tua” di Eugenio Cappuccio, non avendo letto il romanzo omonimo di Edoardo Nesi, non sono in grado di darmi una risposta. Ma la sensazione dominante è che gli sceneggiatori non abbiano fatto un buon servizio alla carriera di Nesi. continua su