74) Nido di Vipere

Il biglietto d’acquistare per “Il Nido di Vipere” è : Di pomeriggio

“Il Nido di Vipere” è un film del 2020 scritto e  diretto da Yong-hoon Kim,  basato sul romanzo “Waranimosugaru Kemonotachi”  di Keisuke Sone, con : Do-yeon Jeon, Jung Woo-sung, Bae Sung-Woo, Yuh-jung Youn, Shin Hyeon-bin, Jeong Man-sik, Jin Kyung, Ga-ram Jung, Jun-han Kim (II).

Sinossi:

Nido di Vipere, film diretto da Kim Yong-hoon, racconta le difficili esistenze di un gruppo di persone tra loro sconosciute, ma legate dal destino e da una borsa piena zeppa di denaro, che a ognuno di loro occorre per motivi differenti. Joong-Man (Sung-Woo Bae) era il proprietario di un negozio ormai fallito, motivo per cui ora lavora come dipendente part-time in una sauna, prendendosi cura della madre malata. Un giorno, mentre è a lavoro, rinviene in un armadietto una borsa contenente moltissimi soldi e decide di nasconderla nel magazzino, tenendo all’oscuro anche i suoi colleghi, così da potersene appropriare in caso nessuno si presentasse a reclamarla. Tae-Young (Jung Woo-sung) è un funzionario della dogana, che deve una grossa cifra a un gangster per sanare il debito della sua ex fidanzata Yeon-Hee (Jeon Do-yeon), di cui non ha più notizie da alcune settimane. Mi-Ran (Hyeon-bin Shin), invece, è una hostess, che lavora in un bar per soli uomini, mentre a casa l’attende il marito, un uomo molto violento. Grazie a un cliente, la donna decide di sbarazzarsi una volta per tutte del coniuge, facendolo uccidere, ma le cose non andranno nel verso giusto.

I destini di questi tre personaggi e le loro vite si intrecceranno inevitabilmente, mentre ognuno di loro cerca di tirarsi fuori dai guai in cui si è cacciato.

Recensione:

“I soldi non danno la felicità” diceva il filosofo Aristotele, ma l’uomo della strada direbbe “ma sicuramente rendono la vita più semplice”.

L’avidità è un peccato capitale, la bramosità  sovente è portatrice di disastri.

Il Sommo Poeta (Dante) con  la legge del contrappasso , ci ha lasciato un prezioso insegnamento oltre che un monito su come vivere e comportarci con il prossimo.

“Il crimine non paga” recita ancora un vecchio proverbio e Quentin Tarantino firmando “Le Iene” ha reso questo concetto “ unico in chiave cinematografica.

“Il nido di Vipere” è una storia o sarebbe meglio dire il racconto su una serie di personaggi “toccati” dall’ improvvisa  fortuna   d’avere tra le mani una valigia piena di soldi e subito dopo chiamati a pagarne un prezzo.

“Il nido di vipere” è un noir, un thriller, una tragicommedia sull’avidità e ferocia dell’uomo disposto a compiere ogni tipo di crimine pur di trarne vantaggio.

Il regista e sceneggiatore  Yong-hoon Kim firma uno script in cui sono rappresentati diversi tipologie di uomini e donne: l’ingenuo e povero inserviente, la donna vittima di violenza domestica, un ragazzo cinese scappato in Corea del Suda in cerca di fortuna, il criminale, il funzionario innamorato e raggirato da una fidanzata imbrogliona e senza scrupoli.

Lo spettatore si trova davanti un caleidoscopio bizzarro e contradditorio dell’animo umano.

I protagonisti di questa storia non si conoscono direttamente, eppure  si sfiorano tra loro quando la borsa diventa l’oggetto del contendere o se volete il tesoro da raggiungere.

Yon -hoon Kim  divide il film in capitoli cronologicamente  partendo quasi dalla fine con il ritrovamento della valigia da parte dell’inserviente in una sauna.

Da quel momento  i capitoli successivi  appaiono strutturalmente come   pezzi di un puzzle complesso, intrigante in cui commedia e violenza sono alternati con  efficace e creatività.

L’intero cast artistico si dimostra complessivamente convincente, talentuoso e credibile nei rispettivi ruoli.

Il “limite” maggiore del film paradossalmente risiede in una prevedibilità drammaturgica tipica della filmografia orientale, dove alla fine la giustizia, il fato punisce in modo esemplare  i cattivi  e concedendo una chance di riscatto ai buoni .

“Il nido di Vipere” è una visione consigliata e soprattutto catartica per chi ancora si comporta e agisce da persona perbene.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.