57) Una lettera per Sara (Maurizio De Giovanni)

“Una lettera per Sara” è un romanzo scritto da Maurizio De Giovanni e pubblicato il 19 Maggio da Rizzoli Editore.

Sinossi:
Mentre una timida primavera si affaccia sulla città, i fantasmi del passato tornano a regolare conti rimasti in sospeso, come colpi di coda di un inverno ostinato. Che aprile sia il più crudele dei mesi, l’ispettore Davide Pardo, a cui non ne va bene una, lo scopre una mattina al bancone del solito bar, trovandosi davanti il vicecommissario Angelo Fusco. Afflitto e fiaccato nel fisico, il vecchio superiore di Davide assomiglia proprio a uno spettro. È riapparso dall’ombra di giorni lontani perché vuole un favore. Antonino Lombardo, un detenuto che sta morendo, ha chiesto di incontrarlo e lui deve ottenere un colloquio. La procedura non è per niente ortodossa, il rito del caffè delle undici è andato in malora: così ci sono tutti gli estremi per tergiversare. E infatti Pardo esita. Esita, sbaglia, e succede un disastro. Per riparare al danno, il poliziotto si rivolge a Sara Morozzi, la donna invisibile che legge le labbra e interpreta il linguaggio del corpo, ex agente della più segreta unità dei Servizi. Dopo tanta sofferenza, nella vita di Sara è arrivata una stagione serena, ora che Viola, la compagna del figlio morto, le ha regalato un nipotino. Il nome di Lombardo, però, è il soffio di un vento gelido che colpisce a tradimento nel tepore di aprile, e lascia affiorare ricordi che sarebbe meglio dimenticare In un viaggio a ritroso nel tempo, Maurizio de Giovanni dipana il filo dell’indagine più pericolosa, quella che scivola nei territori insidiosi della memoria collettiva e criminale di un intero Paese, per sciogliere il mistero di chi crediamo d’essere, e scoprire chi siamo davvero.

Recensione:

“Una lettera per Sara” è, a nostro modesto avviso, uno dei migliori romanzi scritti da Maurizio de Giovanni.
“Una lettera per Sara” è un thriller della memoria che si muove drammaturgicamente, emotivamente oltre che temporalmente tra passato e presente.
“Lettera per Sara” ci piace immaginarlo come una rielaborazione del mito greco del vaso di Pandora.
Una rielaborazione che parte dall’ improvvisa quanto decisa richiesta fatta da un amico morente all’ispettore Pardo d’ incontrare un detenuto in carcere.
Un vaso pieno d’ inconfessabili segreti, capaci di condizionare e sconvolgere l’esistenza dei protagonisti di questo romanzo.
Il lettore si appassiona ad un’indagine sviluppata su un doppio binario: privato ed istituzionale.
Maurizio De Giovanni stupisce ancora una volta il lettore costruendo una storia avvincente, incalzante ed allo stesso tempo carica di dolorosa e vivida umanità.
Una storia di ricatti, omissioni e morte che lentamente quanto dolorosamente faranno venire meno le poche certezze affettive di Sara Morozzi.
Un terremoto esistenziale che Sara avrebbe volentieri evitato, dopo aver finalmente assaporato la gioia d’essere nonna.
“Una lettera per Sara” ci emoziona con l’unicità dell’amore rappresentato da quello fraterno e quello disperato di un ragazzo disposto a tutto pur di salvare la vita dell’amante gravemente malata.
“Una lettera per Sara” segna una decisiva svolta creativa e narrativa di questa saga facendo presagire interessanti sviluppi e sorprese grazie ad un finale “sospeso” tra dramma e romanticismo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.