59) Butterfly

Il biglietto da acquistare per “Butterfly” è:
Nemmeno regalato. Omaggio. Di pomeriggio. Ridotto. Sempre.

“Butterfly” è un film di Alessandro Cassigoli, Casey Kauffman. Con Irma Testa, Lucio Zurlo, Emanuele Renzini, Ugo Testa, Simona Ascione. Drammatico, 80′. Italia 2018

Sinossi:

Irma Testa a soli diciotto anni diventa la prima pugile italiana a prendere parte all’Olimpiade. Per arrivare a salire sul ring di Rio 2016 la ragazza ha dovuto rinunciare alla spensieratezza adolescenziale, alla quotidianità a casa dalla sua famiglia, alle amicizie a Torre Annunziata, paese in cui è nata. Questi sacrifici le cominciano a sembrare tutti vani quando viene eliminata ai quarti di finale del torneo e si ritrova a ripensare alle scelte che l’hanno portata a far coincidere la boxe con il senso della sua esistenza. La pressione che le è stata messa addosso sembra opprimerla ma la riconquista della tranquillità le farà vedere le cose più chiaramente.

Recensione:

Nel 2019 ha ancora senso usare espressioni come “gentilo sesso” o “sesso debole”, riferendosi alle donne? Ovviamente no, risponderebbero sdegnate le rappresentati dello storico movimento femminista e del più recente #MeToo.

Ma nonostante questo, il mondo dello sport – e in particolare quello di alcune discipline, come ad esempio il pugilato – fatica ad adattarsi alla nuova situazione, considerando le donne “secondarie” rispetto ai colleghi maschi.

Il cinema ha cercato di cambiare la situazione nel 2004 con Clint Eastwood e il pluripremiato “Million dollar baby”. Ma una cosa sono le storie di finzione, un’altra ben diversa la realtà, sostengono i puristi.

A loro e a tutti coloro che ancora pensano che la boxe non sia adatta alle donne è altamente consigliata la visione di “Butterfly” di Alessandro Cassigoli e Casey Kauffman, una sorta di versione italiana – anzi, campana! – del primo, indimenticabile “Rocky”.

“Butterfly” è una storia vera, che permette di conoscere Irma Testa, tosta e talentuoso boxer di Torre Annunziata. Una ragazza prodigio, la prima pugile italiana a partecipare, a soli 18 anni, alle Olimpiadi.

Ma non si tratta del classico documentario, piuttosto di un coinvolgente coming age sportivo ed esistenziale, che per certi versi ha stupito gli stessi registi, che in origine lo avevano pensato in modo differente. Non è un film perfetto, forse alcune scene sono di troppo, ma alla fine la scommessa è vinta. continua su:

http://paroleacolori.com/butterfly-il-racconto-intimo-e-maturo-di-una-campionessa-irma-testa/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.