44) Il Censimento dei Radical Chic (Giacomo Papi)

“Il censimento dei radical chic” è un romanzo scritto da Giacomo Papi e pubblicato da Narratori Feltrinelli nel Gennaio 2019.

Sinossi:
In un’Italia ribaltata – eppure estremamente familiare -, le complicazioni del pensiero e della parola sono diventate segno di corruzione e malafede, un trucco delle élite per ingannare il popolo, il quale, in mancanza di qualcosa in cui sperare, si dà a scoppi di rabbia e applausi liberatori, insulti via web e bastonate, in un’ininterrotta caccia alle streghe: i clandestini per cominciare, poi i rom, quindi i raccomandati e gli omosessuali. Adesso tocca agli intellettuali. Il primo a cadere, linciato sul pianerottolo di casa, è il professor Prospero, colpevole di aver citato Spinoza in un talk show, peraltro subito rimbrottato dal conduttore: “Questo è uno show per famiglie, e chi di giorno si spacca la schiena ha il diritto di rilassarsi e di non sentirsi inferiore”. Cogliendo l’occasione dell’omicidio dell’accademico, il ministro degli Interni istituisce il Registro Nazionale degli Intellettuali e dei Radical Chic per censire coloro che “si ostinano a credersi più intelligenti degli altri”. La scusa è proteggerli, ma molti non ci cascano e, per non essere schedati, si affrettano a svuotare le librerie e far sparire dagli armadi i prediletti maglioni di cachemire… Intanto Olivia, la figlia del professore, che da anni vive a Londra, rientrando per il funerale, trova un paese incomprensibile. In un crescendo paradossale e grottesco, Olivia indaga le cause che hanno portato all’assassinio del padre. Attraverso i suoi occhi, facendo scattare come una tagliola il meccanismo del più affilato straniamento letterario, Giacomo Papi ci costringe a vedere, più che il futuro prossimo, il nostro sobbollente presente.
Recensione:
Incuriosito dalle positive recensioni di stimati e seguiti blog, ieri pomeriggio ho deciso che il romanzo di Giacomo Papi mi avrebbe “accompagnato” durante il volo di ritorno nella capitale.
“Il censimento dei radical chic” mi ha conquistato fin dalla prima pagina, catapultandomi dentro un intreccio narrativo a metà strada tra il paradossale e il surreale.
Eppure più mi inoltravo nella lettura più mi rendevo conto quanto i dialoghi, situazioni ed eccessi dei personaggi ideati e messi in scena dall’autore fossero amaramente reali e concreti nella nostra società.
“Il censimento dei radical chic” rispecchia in modo magistrale ed efficace l’involuzione morale e civico del nostro Paese e quanto la crisi economica sia stata utilizzata e manipolata da alcuni gruppi e movimenti politici come “cavallo di Troia” per arrivare alle stanze del potere.
“Il censimento dei radical chic” riscrive in chiave ironica quanto cupa gli “anni di piombo” che il nostro Paese visse negli anni 70 con le Brigate Rosse, facendo diventare gli intellettuali ed i liberi pensatori come nuovi e pericolosi “nemici del popolo”.
Lo so, caro lettore, queste mie considerazioni ti sembreranno eccessive e fuori luogo, ma basta accendere la Tv o far un giro sui social network nelle ultime ore per renderti conto quanto sia forte e dilagante il clima d’odio tra le persone e se qualcuno “osa” esternare un’idea diversa rispetto al pensiero dominante, è tacciato di non avere a cuore il bene dell’Italia.
“Il censimento dei radical chic” certifica da una parte il capovolgimento delle regole di civiltà e buon senso che hanno regolato per decenni la convivenza pacifica e lo sviluppo della nostra società, e dall’altra constata come i principi di meritocrazia, accoglienza e tolleranza siano ormai divenute parole inutili e fastidiose.
Giacomo Papi si rivela un attento e cinico osservatore della società e sensibile conoscitore dell’animo italico, firmando con talento e creatività una storia capace di raccontare il nostro imbarbarimento costringendo il lettore a sorridere della parte più oscura e deprecabile di sé stessa.
Un tempo dicevamo ironicamente “Beata Ignoranza”, oggi è invece fieramente indicata come stella polare dai nostri governanti.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.