183) Separati ma non troppo

Il biglietto d’ acquistare per “Separati ma non troppo” è:
Nemmeno regalato. Omaggio. Di pomeriggio. Ridotto (con riserva). Sempre.

“Separati ma non troppo ” è un film di Dominique Farrugia. Con Gilles Lellouche, Louise Bourgoin, Manu Payet, Marilou Berry, Julien Boisselier. Commedia, 93′. Francia 2017

Sinossi:

Yvan e Delphine sono sposati da 15 anni e il loro rapporto è al capolinea. La donna decide di aprire la coppia ad altre relazioni, ma quando Yvan la prende alla lettera e nel giro di 24 ore ha un’avventura, lo caccia di casa e chiede il divorzio. Ma Yvan, procuratore calcistico con un solo potenziale cliente e una sfilza di grandi progetti mai portati fino in fondo, non sa dove alloggiare. Dopo un periodo passato a farsi ospitare dagli amici l’uomo propone un accordo all’ex moglie: poiché ha finanziato il 20% della casa in cui Delphine abita con i loro due figli, ha diritto a soggiornare presso di lei, nel 20% di spazio vitale che ha acquistato. Ma la convivenza forzata si rivela una pessima idea, e il rapporto fra gli ex coniugi si trasforma in un’escalation di dispetti e colpi bassi.

Recensione:

Ha ancora senso, per una coppia di oggi, sposarsi, mettere su casa insieme, fare dei figli? Nel 2018 “finché morte non ci separi” è una formula valida oppure ha perso la sua ragion d’essere? Ascoltando i racconti di amici e conoscenti e leggendo i dati su divorzi e separazioni in crescita verrebbe quasi da rispondere un convinto: no!

Il cinema, pur avendo raccontato nel corso del tempo, storie d’amore a lieto fine che hanno fatto sognare il pubblico sembra aver compreso la nuova piega presa dalla situazione. Basti pensare a successi come “Kramer contro Kramer” (1979), “La guerra dei Roses” (1989) e “Gli equilibristi” (2012), che certificano la crisi dell’istituzione matrimoniale e le conseguenze di ripicche e liti sul sentimento.

“Separati ma non troppo” di Dominique Farruggia, pur rientrando in questo “nuovo” genere, ha il merito di affrontare il tema in modo allegro, brioso e scanzonato anche nei passaggi decisamente più amari e malinconici sul piano emotivo.

La crisi matrimoniale si riflette anche sulla situazione economica di una coppia, e dire addio al partner quando in ballo c’è, ad esempio, una casa condivisa, è ancora più difficile, anche se ormai il sentimento si è spento e sembra rimasto solo il livore.

Il film della Farruggia è una commedia agrodolce, con un impianto narrativo semplice e lineare, ma anche scorrevole, intenso e brillante. La sceneggiatura – ispirata a una situazione vissuta oggi da molte coppie parigine – è equilibrata, autentica, profonda e allo stesso tempo ironica e provocatoria. Apprezzabile l’alternarsi di momenti drammatici e desolanti ad altri davvero comici ed esilaranti. continua su

http://paroleacolori.com/separati-ma-non-troppo/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.