157) L’amore brucia come zolfo (Lucia Maria Collerone)

“L’amore brucia come zolfo” è un romanzo scritto da Lucia Maria Collerone ed auto pubblicato nel luglio 2017 con Independently published – Collane Le Titane

Sinossi:
L’opera è un romanzo storico ambientato nella città di Caltanissetta nel momento in cui essa è il centro mondiale dello zolfo e la grande storia dell’Indipendenza dell’Italia e dell’economia basata sull’estrazione dello zolfo fanno da sfondo alle vicende sociali e umane di due classi sociali: quelle degli zolfatari e delle loro donne, che lottano duramente per sopravvivere in condizioni di vita e di lavoro disumane e aberranti e dei nobili padroni delle miniere che gestiscono la ricchezza e governano le povere, disperate dei “diavoli della pirrera”. Molte storie s’intrecciano con il loro carico di sofferenza e umanità, esseri umani schiacciati dalla povertà assoluta e dalla disperazione, che si ergono a titani e non arretrano davanti al dolore, alla crudeltà del reale e rispondono alla vita con coraggio e forza sorprendenti. Ci sono uomini che le convenzioni sociali stigmatizzano e costringono in scelte di vita senza scampo, senza libertà. Protagonista è Cecilia eroina tragica che spicca prepotentemente per la sua bellezza d’animo, la sua capacità d’amore abnegazione per la famiglia, per la sua capacità di sognare oltre il reale e che accetta la prigionia di un amore dorato per sfuggire all’abbandono, alla solitudine, ai pregiudizi che la avvolgono in una comunità becera e incapace di condivisione, troppo oppressa dalle sofferenze di una vita meschina. Cecilia è sola in un mondo dove l’anello debole è la donna, dove quando una donna non ha un uomo a proteggerla essa può solo diventare una prostituta. La sua bellezza particolare, diversa, quasi regale e la sua furbizia arguta, nonché la sua intelligenza operosa, la rendono appetibile agli occhi del barone che lei incontra e seduce quando è poco più che una bambina. L’intreccio assorbe per il turbinio delle azioni, per il continuo cambio di azione e di situazione, per i capovolgimenti e gli eventi, che non coinvolgono solo Cecilia, ma tutto il mondo che è intorno a lei sia umano che storico. La scrittura è veloce e curata nei particolari, crea immagini vivide e forti che nella mente del lettore diventano come scene da un film. La storia narrata ha la sua fonte in una storia vera, realmente vissuta, i personaggi sono realmente esistiti e l’impianto della cornice è storicamente circostanziato e corrispondente al vero storico. Ciò che, invece, è frutto della creatività dell’autrice, è la ricostruzione della storia d’amore, che pur essendo realmente esistita, nel suo dispiegarsi e nell’evolvere dei fatti, è frutto della fantasia narrativa dell’autrice e della narrazione orale di chi è stato realmente a contatto con i protagonisti.
Recensione:
Esistono romanzi capaci di trasmettere sincere e vivide emozioni trasudando autenticità ed amore.
Esistono romanzi che permettono al lettore d’immaginare i luoghi, vedere i colori, sentire profumi dell’ambientazione storica, culturale, naturalistica e sociale scelti dall’autore.
Esistono romanzi che catturano l’attenzione e cuore del lettore fin dalla prima pagina, facendolo entrare completamente dentro una storia bella, coinvolgente quanto dura, amara e realistica nel suo sviluppo narrativo ed efficace quanto convincente nel descrivere e delineare l’evoluzione psicologica ed esistenziale dei diversi personaggi.
Esistono romanzi che una volta terminati di leggere ti rimangono dentro e spingendoti a riflettere quanto la vita, allo stesso tempo, possa essere bella e spietata.
Esistono romanzi che sanno raccontare, spiegare e mostrare la vera essenza della Sicilia e dei siciliani senza cedere a banali e stucchevoli stereotipi e pregiudizi.
Esistono romanzi che sanno parlare d’amore romantico quanto carnale senza dover utilizzare gratuite e volgari scene di sesso per acchiappare qualche lettore in più.
Esistono romanzi in cui è possibile riscontrare ed apprezzare dei personaggi caratterizzati dall’ educazione, rispetto, orgoglio, onestà, coraggio, dignità, senso del dovere pudore prima che dal proprio aspetto fisico o fascino.
Esistono dei romanzi scritti con uno stile semplice, lineare ma quanto mai incisivo e profondo, grazie alla penna di uno scrittore talentuoso, creativo ma soprattutto dotato di grande umanità e spiccata sensibilità.
Esiste nella carriera di ogni autore l’urgenza e necessità intima prima ancora che artistica di scrivere una storia.
Quando ciò avviene, il lettore avrà la fortuna di leggere non solo un libro, ma condividere una parte di cuore e d’anima dello stesso scrittore.
Caro Lettore, mi domandi dove puoi trovare, leggere un romanzo di tal genere?
La risposta è semplice: acquista e leggi il romanzo di Lucia Maria Collerone e scoprirai una Sicilia ed un mondo finora sconosciuto o solamente in minima parte raccontato da Giovanni Verga nelle sue novelle.
“L’amore brucia come zolfo” è un libro caldo, forte, vibrante come può essere soltanto l’amore verso la vostra famiglia e la propria terra.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.