69) Oh mio Dio!

“Oh mio Dio !” è un film di Giorgio Amato. Con Carlo Caprioli, Anna Maria De Luca, Stefano Fregni, Giulia Gualano, Alessio De Persio. Commedia, 96′. Italia, 2018

Sinossi:

Nel giorno di Natale la santa messa viene bruscamente interrotta da un uomo con una tunica rossa che asserisce di essere il figlio di Dio, sceso nuovamente dal cielo per rimproverare l’umanità di aver disatteso il suo comandamento più importante: “Amatevi l’un l’altro come io ho amato voi”. Da quel momento questa figura cristica si aggirerà per la Roma del 2016 cercando i suoi apostoli, e li troverà nei luoghi più disparati. Non mancano l’incontro con un’aspirante ballerina di nome Maddalena e la testimonianza della madre dell’uomo, che racconta di come suo figlio fosse straordinario fin da piccolo. Il tutto viene filmato da due cameraman che non vedremo mai, ma che hanno il compito di documentare l’intera vicenda.

Recensione :

Il 2018 è senza dubbio l’anno dei grandi e inaspettati ritorni… quanto meno a livello cinematografico! A febbraio lo spettatore ha visto piovere dal cielo il Duce, Benito Mussolini, splendidamente interpretato da Massimo Popolizio; adesso è niente meno che Gesù Cristo a sfilare per le strade della Roma contemporanea.

“Oh mio Dio!” è il quarto lungometraggio del regista sardo Giorgio Amato, probabilmente il più povero dal punto di vista economico, ma il più ambizioso e provocatorio per sceneggiatura.

Se un uomo si presentasse come il Messia redivivo, lo prenderemmo semplicemente per pazzo e chiameremmo il 118? Eppure le Sacre Scritture stesse parlano del ritorno di Cristo (parusia), come sottolinea lo stesso Amato nelle note di regia.

“La curiosità sul tema è nata un po’ per caso, molti anni fa, durante un corso di sociologia delle religioni all’università. Era dai tempi del catechismo che non avevo a che fare con la religione. Prima di allora nessuno mi aveva mai parlato del possibile ritorno di Gesù. Eppure nei Vangeli se ne parla in diversi punti”.

Da qui il bisogno di sceneggiare questo originale e curioso mockumentary che non è un film religioso e, siamo certi, non lascerà il pubblico indifferente.

“Il mio intento non era quello di fare un film teologico e ortodosso sulla vita di Gesù – ha spiegato Amato in conferenza stampa -, piuttosto di mostrare come anche le persone che si professano credenti siano capaci di atti di violenza e intolleranza, magari proprio usando la religione come scusa”.

Un film che racconta con stile e linguaggio semplice ma profondo e attraverso una prospettiva autentica le contraddizioni e il decadimento morale della nostra società. Usando la nuova venuta di Gesù Cristo (Caprioli) a Roma.

Le figure femminili di Maria (De Luca) e della Maddalena (Gualano) risultano molto lontane da quelle classiche, modernizzate e capaci di impersonare i dubbi e le paure comuni a tante donne moderne. La prima deve affrontare l’arrivo di un figlio inatteso – evento che porterà alla fine del suo matrimonio -, la seconda le conseguenze di una relazione clandestina con un politico sposato. continua su

http://paroleacolori.com/oh-mio-dio-un-progetto-bizzarro-ma-efficace-nel-raccontare-litalia/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.