230) L’esodo

“L’esodo” è un film di Ciro Formisano. Con Daniela Poggi, Rosaria De Cicco, Kiara Tomaselli. Drammatico. Italia, 2015

Lo Stato – recitano carte costituzionali e affini – è al servizio del cittadino, a cui deve garantire sicurezza, diritti e protezione. Ma quando è lui a creare disagi e povertà?

Di primo impatto potreste essere tentati di pensare che questo si verifichi solo in Paesi non democratici, governati da regimi autoritari. Ma basta osservare per qualche secondo la situazione italiana per rendersi conto che così non è.

Cosa vi dice la parola “esodato”? Niente di particolare? Tranquilli, non siete i soli. Gli italiani sono da sempre popolo afflitto da amnesie sul recente passato.

Torniamo indietro nel tempo all’autunno del 2011. Silvio Berlusconi e il suo governo si dimettono, lasciando l’Italia sull’orlo del fallimento. Per scongiurare il pericolo di “far la fine della Grecia”, viene varato un decreto “Salva Italia”, che include anche la cosiddetta legge Fornero, sul riordino del sistema pensionistico.

Non stiamo qui ad addentrarci in particolareggiate analisi sociali o economiche. Per la nostra recensione basta che sappiate che a 380.000 lavoratori che avevano maturato il diritto alla pensione questa venne negata. In sintesi queste persone si ritrovarono senza pensione e senza lavoro.

Ecco a voi gli esodati, una nuova categoria che vive nel limbo e nel vuoto normativo.

Con coraggio e un pizzico di follia, Ciro Formisano ha deciso di raccontare questa realtà nel suo primo lungometraggio, “L’esodo”.

Francesca (Poggi) non ha un lavoro, un reddito e neppure una pensione. Nonna amorevole, cerca comunque con orgoglio e onestà di occuparsi al meglio della nipote Mary, che ignora le sue difficoltà economiche.

Francesca è una “mendicante di Stato”, tradita da quello stesso Stato a cui per un’intera vita lavorativa ha versato i contributi e pagato le tasse. Costretta a chiedere l’elemosina per sopravvivere, la donna non perde mai il decoro, il sorriso e l’educazione, mostrano nobiltà d’animo e coraggio.

Piccolo film che definire low budget non basta, girato grazie a una campagna di crowfunding e all’impegno di Formisano, “L’esodo” scuote, conquista e commuove il pubblico. continua su

http://paroleacolori.com/l-esodo-ciro-formisano-firma-una-storia-terribilmente-vera/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.