86) The Start Up

Il biglietto d’acquistare per “The Start Up” è : 1) Neanche regalato 2) Omaggio 3) Di pomeriggio (Con Riserva) 4) Ridotto 5) Sempre.

“The Start Up” è un film del 2017 diretto da Alessandro D’Alatri, scritto da Alessandro D’Alatri e Francesco Arlanch, con: Andrea Arcangeli, Paola Calliari, Matilde Gioli, Luca De Giovanni, Matteo Leoni, Lidia Vitale, Massimo Gallo.

Un tempo si sognava il posto fisso, la certezza del posto fisso e l’agognata pensione.
Oggi tutte queste cose, almeno in Italia, sono svanite per vari motivi o se volete per colpa della globalizzazione, della crisi, del mal governo e della scarsa lungimiranza dei nostri imprenditori.
Un ragazzo oggi ha due scelte davanti a sé: lasciare il nostro Paese o armarsi di creatività ed ingegno inventandosi un lavoro, creando un’azienda per potersi garantire un futuro.
In America e nel resto del mondo creare un’azienda negli anni Duemila è stata la “moda” della nuova e dinamica imprenditoria, facendo diventare l’espressione “start up”, una parola diffusa e comune anche all’uomo della strada.
Per chi come il sottoscritto mastica assai poco l’inglese oltre che l’italiano per “start up” intendiamo la creazione dal nulla di un’azienda che nel giro di poco tempo è capace di diventare una realtà economica di grande potenzialità e visibilità.
Nella storia dei creatori di “start up” non si possono non ricordare nomi come Steve Jobs e Bill Gates, che partendo dal garage di casa hanno letteralmente conquistato il mondo.
In Italia tutto ciò è possibile? Molti di voi, scettici e disillusi, direte ovviamente di no, eppure c’è chi invece c’è l’ha fatta contro tutto e tutti.
“The Start Up”, nuovo film di Alessandro D’Alatri e prodotto da Luca Barbareschi, è ispirato alla storia vera di Matteo Achilli, diciottenne romano nato e cresciuto nella borgata romana del Corviale, che partito con il sogno di diventare un nuotare professionista e una volta finto il liceo dì iscriversi alla prestigiosa Università milanese “La Bocconi”.
Matteo reagisce all’ingiustizia esclusione dalla squadra di nuoto da parte dell’allenatore decidendo d’inventare un “app” con la quale chiunque possa trovare un lavoro solo ed esclusivamente tramite il merito.
Matteo Achilli (Arcangeli) sostenuto dal padre Armando (Gallo) e dall’amata fidanzata Emma (Calliari) decide con coraggio e determinazione di sviluppare da solo l’algoritmo creando così l’app.
È una storia che profuma ed evoca nello spettatore atmosfere americane, quando invece si ritrova nella periferia romana ad osservare un ragazzo qualunque desideroso di riscatto sociale e scrivere con le proprie mani il proprio futuro.
Egomnia, questo è il nome dell’app scelto da Matteo, diventa realtà anche grazie al fattivo e determinante aiuto di Giuseppe (Di Giovanni), brillante e sconosciuto ingegnere, che accetta di “sposare” il progetto.
Il 7 marzo 2012 è la data che segna la nascita di “Egomnia” e l’inizio della sua sorprendente e instabile ascesa.
Matteo, ora studente svogliato della Bocconi, grazie al supporto della bella e carismatica Alice(Gioli), direttrice del giornale universitario, è introdotto nei salotti buoni della città e corteggiato da numerose e prestigiose aziende.
La vita privata e professionale di Matteo entrano in un vortice, facendo perdere al ragazzo l’equilibro e il senso delle priorità, al punto di compromettere la vita privata e soprattutto la bella e profonda storia d’amore del protagonista con Emma.
“The Start up” ci ricorda da parte il mito di Icaro per la fretta e irruenta del nostro protagonista nel voler toccare l’apice bruciando le tappe e dall’altra sembra essere la versione nostrana del film americano “Social Network” di David Fitcher.
La scelta dei due sceneggiatori, almeno nelle intenzioni, non era quella di raccontare una storia di successo quanto piuttosto la storia di un ragazzo che decide di scommettere su sé stesso e sul proprio talento. Eppure nel suo sviluppo drammaturgico e poi nella messa in scena si ha la sensazione di assistere a una favola moderna in cui la dominante della parte romance in stile Romeo e Giulietta, faccia perdere potenza ed incisività al racconto. continua su

http://www.nuoveedizionibohemien.it/index.php/appuntamento-al-cinema-the-start-up/

Vittorio De Agrò presenta “Amiamoci, nonostante tutto”

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...