85) La meccanica delle Ombre

Il biglietto d’acquistare per “La meccanica delle ombre” è : 1) Neanche regalato 2) Omaggio 3) Di pomeriggio 4) Ridotto 5) Sempre.

“La meccanica delle ombre” è un film del 2016 diretto da Thomas Kruithof, scritto da Yann Gozlan, Thomas Kruithof, con : François Cluzet, Alba Rohrwacher, Denis Podalydes, Sami Bouajila, Simon Abkarian, Daniel Hanssens, Bruno Georis.

La politica dovrebbe essere al servizio dei cittadini e lo Stato dovrebbe agire per garantire il benessere, la sicurezza e il rispetto delle leggi.
Il condizionale è d’obbligo perché ciò che dovrebbe essere naturale, scontato e logico spesso non lo è.
Esistono infatti all’interno di ogni Stato, di ogni democrazia delle strutture, organizzazioni composte da uomini che agiscono nell’ombra avendo come obiettivo di manipolare la vita democratica, ambendo a creare uno Stato nello Stato.
Quello che può sembrare lo spunto per un romanzo o film noir è invece la triste realtà di servitori dello Stato che si muovono convinti di poter agire al di la della legge.
Thomas Kruithok partendo da queste amare considerazioni con l’altro sceneggiatore Yann Gozlan ha voluto scrivere e poi mettere in scena una pellicola a metà strada tra il thriller politico e il noir, avendo come protagonista un uomo qualunque, coinvolto, suo malgrado, in qualcosa di più grande di lui.
Il film inizia portando lo spettatore in Francia all’interno ufficio in cui osserva Duval (François Cluzet), contabile riflessivo e meticoloso, costretto a rispettare vanamente una scadenza urgente per il giorno dopo, perdendo così il lavoro soprattutto a causa della sua dipendenza dall’alcool. Sono trascorsi due anni dal licenziamento e Duval fatica a trovare un nuovo posto di lavoro, trascorrendo le sue giornate senza nessuno scopo, ad eccezione della frequentazione del gruppo di sostegno degli alcolisti anonimi. Così, quando l’inquietante Clement, capo di una misteriosa organizzazione gli offre come lavoro di trascrivere delle intercettazioni telefoniche, accetta senza porre domande: rimanendo invischiato in un pericoloso intrigo che vede coinvolti i servizi segreti e le alte sfere del governo francese.
La prima parte drammaturgica del film rievoca per molti aspetti quella del fortunato (Premio Oscar 2006) ed apprezzato film tedesco “Le vite degli Altri”, essendoci soprattutto molte similitudini nella costruzione psicologica e caratteriale dei due protagonisti principali, entrambi taciturni, schivi, e soli.
François Cluzet si conferma un attore di grande esperienza, personalità oltre che di talento, calandosi in maniera credibile e naturale nel personaggio di Duval, facendo leva su un’interpretazione basata più sulla fisicità e sugli sguardi che sulle parole. continua su

http://www.nuoveedizionibohemien.it/index.php/appuntamento-al-cinema-la-meccanica-delle-ombre/

Roberto Sapienza presenta “Ninni, mio padre”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...