312) Tutto per una ragazza ( Nick Hornby)

hornby

“Tutto per una ragazza” è un romanzo scritto nel 2007 da Nick Hornby e pubblicato in Italia nel 2008 da Guanda Editore.

A volte essere diversamente ignoranti è un vantaggio.
A volte non leggere tutto ciò che passa in libreria può essere salutare.
A volte evitare di leggere tutto quello che pubblica un autore che stimi, non è una scelta sbagliata.
A volte anche i grandi scrittori devono fare i conti con la rata del mutuo e scrivere libri che magari non farebbero mai.
Per Nick Hornby la sua rata di mutuo è stato sicuramente questo libro.
Lo scorso novembre al Torino Film Festival ho avuto modo di vedere in anteprima la trasposizione cinematografia del romanzo diretto da Andrea Molaioli, suscitando molte perplessità nella critica e un certo scetticismo nel sottoscritto non valutando il plot narrativo adattabile alla realtà italiana.
Così grazie al gentile regalo dell’amica e collega Giulia Bianconi ho avuto modo di leggere il romanzo per valutare fino in fondo se fosse solamente il film una pallida copia dell’originale o se lo stesso avesse delle criticità narrative e strutturali.
L’amara risposta, essendo uno estimatore del buon Hornby, risiede nella seconda ipotesi.
.
“Tutto per una ragazza” è difficile anche da catalogare in un preciso genere non essendo né commedia né dramma, semmai un non riuscito ibrido che difficilmente conquista il lettore di uno dei due schieramenti.
Una storia costruita tra l’onirico e realtà attuale in cui l’autore cerca di mostrare come le nuove generazioni siano da una parte disinibite sul piano sessuale dall’altro irresponsabili non comprendo fino in fondo le conseguenze di questa libertà.
Sam, il protagonista della nostra storia, è un ragazzo inglese di 16 anni che ama fare skate, ha una madre di 32 anni e la storia della sua famiglia è caratterizzata da paternità precoci.
Così quando conosce a una festa la sua coetanea Alicia, è inevitabile che questa giovanile e fresca storia d’amore si tramuti presto in un caso di maternità non gradita e di come il protagonista sia costretto a diventare “adulto responsabile” prima del previsto.
Il problema più evidente del romanzo è la difficoltà di trovargli una vera e precisa identità e un’anima, apparendo per lo più freddo e scontato. Magari un lettore acerbo e giovane potrà trovare una qualche forma di coinvolgimento emotivo, ma un attempato come il sottoscritto non può che risultare noioso, prevedibile e stucchevole.
Non si riesce ad entrare in empatia e simpatia con i personaggi, che sembrano fuori dalla realtà, inseriti in un contesto quasi fiabesco, sebbene ambientata ai giorni nostri.
Nick Hornby ci ha abituato a una scrittura intensa, magica, brillante, ironica e invece in questo romanzo mancano tutti questi elementi.
Un peccato, perché il tema del sesso tra i giovani quanto mai interessante da affrontare poteva e doveva essere strutturato e raccontato in modo diverso.
Hornby sarà contento di aver pagato l’agognata rata, il lettore un po’ meno sperando che il caro Nick possa tornare libero di scrivere storie che possa regalarci un sorriso e un sogno.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...