290) Un Natale al Sud

natale-al-sud

Il biglietto d’acquistare per “Un Natale al Sud” è :  1) Neanche regalato (Con Riserva) 2) Omaggio 3) Di pomeriggio 4) Ridotto 5) Sempre.

“Un natale al sud” è un film del 2016 diretto da Federico Marsicano, scritto da Gianluca Bomprezzi e Paolo Costella con Massimo Boldi, Biagio Izzo, Anna Tatangelo, Paolo Conticini, Barbara Tabita, Enzo Salvi, Debora Villa.

Oggi viviamo più sui social network che nella vita reale. Il contatto umano è sostituito dai like di Facebook e anche la ricerca dell’anima gemella e il piacere del corteggiamento sono stati soppiantati da siti e chat di coppia in cui ci si può innamorare senza essersi mai sfiorati.
I giovani si nascondono dietro ad uno schermo piuttosto che sfidare la dura realtà.
Peppino (Boldi), un carabiniere milanese, e Ambrogio (Izzo), un aspirante cantante neomelodico, insieme alle amate mogli Bianca (Villa) e Celeste (Tabita), festeggiano il Natale nella stessa località turistica. È durante queste feste che le coppie scoprono che i rispettivi figli sono fidanzati con due coetanee, senza essersi mai visti, da amanti solo virtuali.
Peppino e Ambrogio, con l’appoggio delle rispettive mogli, decidono di porre fine a quest’anomalia e di partecipare a un evento organizzato dagli utenti del sito per incontri “Cupido 2.0” presso un famoso resort per far incontrare personalmente le due giovani coppie.
L’evento darà vita a improbabili e grotteschi scambi di coppia ed equivoci amorosi di cui saranno protagonisti anche la bella e disincanta fashion blogger Eva (Tatangelo) e Leo (Conticini) famoso web influencer.
Molti critici sono soliti storcere il naso di fronte ai cinepanettoni, considerati cinema di serie B da ogni punto di vista. Personalmente, essendo cresciuto con questo genere di film e apprezzandoli in larga parte, non mi sento di arruolarmi nel plotone di esecuzione di chi va contro sebbene siano molti i motivi per “sparare”.
Preferisco, piuttosto spezzare un quarto di lancia nei confronti dell’ultima fatica del caro Massimo Boldi per aver almeno provato all’inizio a raccontare come si sia evoluto, cambiando in peggio, l’amore tra giovani all’epoca dei social network.
L’incipit di Un Natale al Sud, nella sua modestia artistica e drammaturgica, apre allo spettatore uno spiraglio su costumi e stile delle nuove generazioni.
C’era grande attesa per vedere all’opera Anna Tatangelo, all’esordio come attrice. continua su

https://mygenerationweb.it/201612013475/articoli/palcoscenico/cinema/3475-anteprima-un-natale-al-sud-una-recensione-senza-pregiudizi

Roberto Sapienza presenta “Ninni, mio padre”

https://www.amazon.it/Ninni-mio-padre-Roberto-Sapienza-ebook/dp/B01H85DF8S/ref=sr_1_1?s=books&ie=UTF8&qid=1480619049&sr=1-1&keywords=ninni+mio+padre

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...