196) Escobar

escobar

Il biglietto d’acquistare per “Escobar” è  : 1) Neanche regalato 2) Omaggio 3) Di pomeriggio 4) Ridotto 5) Sempre.

Escobar” è un film del 2014 scritto e diretto da Andrea Di Stefano con:Benicio Del Toro, Josh Hutcherson, Claudia Traisac.

Chi è Pablo Escobar? Un criminale? Un feroce e spietato terrorista? Un pericoloso narcotrafficante? O è anche un affettuoso padre di famiglia e un devoto marito?

Come tutte le personalità forti e controverse, Pablo Escobar è stato tutto questo e nello stesso il suo contrario. In Colombia tra la fine degli anni Ottanta e inizio degli Anni Novanta si è combattuta una cruenta e tragica guerra civile tra lo Stato e gli uomini fedeli a Escobar per stabilire chi governasse nel Paese. Dal punto di vista italico potremmo paragonare le vicende di Escobar a quelle di Toto Riina e Provenzano, ma sarebbe un errore sociale e politico. Infatti, i mafiosi siciliani hanno scelto di governare nell’ombra e di spargere terrore e sangue contro chi si opponeva ai loro voleri. Pablo Escobar è stato per un periodo anche senatore della Colombia rappresentando milioni di poveri e disperati colombiani. Per le fasce più disagiate e incolte di colombiani, Pablo Escobar era e resta una persona stimabile, temibile e da rispettare. Poco importa che abbia mosso guerra allo Stato colombiano e sia il responsabile di efferate stragi e abbia controllato mercato della droga.
Andrea Di Stefano, all’esordio come regista e autore, ha voluto cimentarsi in una sfida difficile e affascinante nel raccontare il lato più privato del noto criminale costruendo una storia a metà strada tra fiction e verità.
L’escamotage narrativo per introdurre lo spettatore nel mondo di Escobar (Del Toro) è stato quello di creare il personaggio di Nick (Hitcherson) giovane surfista canadese che insieme al fratello ha deciso di vivere in Colombia aprendo un ristorante sulla spiaggia. Nick conosce per caso la bella Maria (Traisac) e se innamora immediatamente. Ha inizio così una delicata e dolce storia d’amore con la ragazza, che oltre essere una persona impegnata nel sociale è anche nipote di Pablo Escobar.
Per amore di Maria Nick accetta di lavorare per lo zio e, di fatto, entrando riluttante negli affari di famiglia che ben presto si riveleranno illeciti e sanguinari. Lo stesso Escobar decide d’aiutare, a modo suo, il fratello di Nick ricattato da alcuni piccoli criminali locali.
La prima parte del racconto sebbene lineare e diretta fatichi ad avere un grande ritmo e coinvolgere più di tanto lo spettatore essendo centrata sull’elemento romantico della giovane coppia che decide di iniziare una vita insieme. continua su

http://www.nuoveedizionibohemien.it/index.php/appuntamento-al-cinema-escobar/

Roberto Sapienza presenta “Ninni, mio padre”

https://www.amazon.it/Ninni-mio-padre-Roberto-Sapienza-ebook/dp/8892613278/ref=sr_1_1?s=books&ie=UTF8&qid=1472112010&sr=1-1&keywords=ninni+mio+padre

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...