173) Cell

cell

Il biglietto da acquistare per “Cell” è: 1)Neanche regalato; 2)Omaggio; 3)Di pomeriggio (con riserva); 4)Ridotto; 5)Sempre.

Un film di Tod Williams. Con John Cusack, Samuel L. Jackson, Isabelle Fuhrman, Stacy Keach, Griffin Freeman. Azione, 98′. 2016

Tratto dal romanzo omonimo di Stephen King

Quanto tempo trascorriamo, mediamente, al cellulare, davanti al computer, sui social network ogni giorno? Quante volte, in 24 ore, controlliamo i nostri dispositivi? Quella dalla tecnologia è diventata oggi una vera dipendenza, da cui non possiamo, né vogliamo, liberarci.

Lo smartphone soprattutto è diventato una sorta di prolungamento della nostra persona, un oggetto senza il quale non sapremmo vivere, che ci condiziona e ci influenza.

Stephen King, nel 2006, scrisse “Cell” immaginando proprio che un’apocalisse potesse originarsi dall’uso malsano e fuori controllo dei cellulari. Personalmente non ho letto il romanzo, ma vedendo in anteprima l’adattamento cinematografico diretto da Tod Williams sono rimasto colpito e angosciato.

In un giorno qualsiasi, lo spettatore osserva il traffico di passeggeri nell’aeroporto di Boston. C’è chi si appresta a partire, chi è tornato da un viaggio: tutti hanno un cellulare tra le mani. È appena rientrato in città anche Clay Riddle (Cusack), brillante scrittore di grafic novel.

L’uomo non vede l’ora di comunicare telefonicamente all’ex moglie e al figlio i successi lavorativi, quando improvvisamente intorno a lui si scatena il caos. Le persone sembrano impazzite, colte da un raptus di follia omicida che le porta ad aggredire chiunque si pari loro davanti.

Riddle assiste sconvolto a violenze e sopraffazioni, che trasformano rapidamente l’aeroporto prima e l’intera città poi in un campo di battaglia, dove i morti si contano a migliaia. Lo scrittore si rende conto che sono proprio i cellulari ad aver trasformato gran parte della popolazione in zombie e si mette allora sulle tracce della sua famiglia, accompagnato da Tom McCourt (Jackson), autista di metrò, e dalla giovane Alice (Fuhrman).

“Cell” è un film cupo, angosciante, simbolico che racconta in maniera riuscita come la nostra società sia diventata egoista, consumista fino all’eccesso e indifferente alle sorti del prossimo. Al centro della scena, se si guarda oltre gli scontri e il macabro, c’è una feroce critica dell’uomo moderno, ormai privo di ideali e di morale. continua su

Al cinema: Cell

Vittorio De Agrò presenta “Amiamoci,nonostante tutto”

https://www.amazon.it/Amiamoci-nonostante-tutto-Vittorio-Agr%C3%B2-ebook/dp/B00TJEWLZU/ref=sr_1_1?s=books&ie=UTF8&qid=1468500061&sr=1-1&keywords=amiamoci+nonostante+tutto

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...