161) Billions

billions
Dall’alba del 24 giugno anche il più ignorante e disinteressato di politica e d’economia non ha potuto fingere di non vedere e ascoltare almeno un telegiornale riguardante il “caso Brexit”.
Il mondo cambia, la storia corre veloce e ormai tutti sono costretti a studiare i misteri della finanza.
Cifre, tecnicismi, formule matematiche sono diventate ormai di comune uso per l’uomo della strada mentre beve il caffè la mattina al bar.
Il mondo economico e finanziario è diventato qualcosa non solo d’influente per le nostre vite, ma anche affascinante da raccontare al punto che il cinema e la televisione hanno scelto di realizzare a prodotti sull’argomento.
E’ possibile fare spettacolo e incuriosire il pubblico con il mondo borsistico? Solo qualche mese fa è stato premiato il film “La Grande Scommessa” con l’Oscar come migliore sceneggiatura non originale. La risposta è sì, essendo compito degli autori e produttori cogliere le esigenze del pubblico e soprattutto raccontare le evoluzioni e dinamiche della società.
Anche i produttori televisivi si sono buttati in questa difficile sfida e in particolare il canale americano Show Time producendo la serie tv “Billions”andata in scena lo scorso inverno in America e ora trasmesso in Italia, in esclusiva, su Sky Atlantic.
“Billions” è una serie atipica per il panorama televisivo attuale per la scelta degli sceneggiatori di costruire la storia intorno al dualismo tra i due personaggi principali: l’incorruttibile e giustizialista procuratore Chuck Rhoades e lo spregiudicato e ambizioso finanziere d’assalto Bobby “Axe” Axelrod interpretati rispettivamente da Paul Giamatti e Damian Lewis.
La storia è ambientata in New York pre Brexit, dove agiscono indisturbati in Borsa gli speculatori determinando il bello e cattivo tempo a danno dei piccoli e sprovveduti azionisti.
E’ una storia moderna sulla carta, ma in vero lo spettatore assiste a un lungo ed estenuante duello stile vecchio Western tra due uomini carismatici, intelligenti e soprattutto determinati e vincere sul proprio nemico.
Assistiamo nelle prime due puntate all’inizio di una complicata e snervante partita a scacchi tra Rhoades e Axe, dove non esiste una netta differenza tra buono e cattivo, al contrario entrambi i personaggi sono disposti a qualunque azione pur di incastrare l’altro. E’una gara di furbizia e di nervi, in cui è difficile prevedere i piani dei due giocatori.
“Billions” ha un impianto narrativo più teatrale che televisivo, avendo puntato tutto sulle intense e convincenti perfomance dei due attori perfettamente a loro agio nei rispettivi ruoli.
Non è tanto per intenderci una serie dal ritmo frenetico e nevrotico come furono i film “Wall Street” di Stone o “The Wolf of Wall Street” di Scorsese, anzi tutto il contrario. I tempi del racconto sono dilatati e il ritmo narrativo è forse troppo compassato mettendo a dura prova la capacità di attenzione e coinvolgimento dello spettatore.
Lo spettatore deve armarsi di pazienza e più che vedere dovrà tendere l’orecchio per apprezzare i fitti ed elaborati dialoghi che caratterizzano la serie rendendola assai incisiva e di livello.
Anche i ruoli femminili hanno un loro peso specifico rispetto al solito per prodotti di tale natura.
Sia Rhoades e Axe, hanno accanto una moglie capace e intelligente e dei figli. Per entrambi la famiglia è un luogo sicuro e certo, dove approdare dopo il lavoro. Le donne smettono di essere dei trofei da esporre.
Il punto di contatto tra i due avversari è Wendy Rhoades, interpretata dalla carismatica e intensa Maggie Siff, moglie del procuratore e brillante psicoterapeuta da quindici anni al servizio dell’azienda di Axe.
E’ un ruolo delicato, borderline che promette di dare allo show un contributo importante e decisivo.
La nostra calda estate televisiva, post Brexit, ha trovato sicuramente un appuntamento da non perdere per cercare di avere le idee più chiare sulla finanza e sui suoi misteriosi retroscena.

Roberto Sapienza presenta “Ninni,mio padre”

https://www.amazon.it/Ninni-mio-padre-Roberto-Sapienza-ebook/dp/B01H85DF8S/ref=sr_1_1?s=books&ie=UTF8&qid=1466949942&sr=1-1&keywords=ninni+mio+padre

Annunci

Un pensiero su “161) Billions

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.