106) Captain America – Civil War

civil wa

Il biglietto da acquistare per “Captain America – Civil war” è: 1)Neanche regalato; 2)Omaggio; 3)Di pomeriggio; 4)Ridotto; 5)Sempre.

Un film di Anthony e Joel Russo. Con Chris Evans, Robert Downey Jr., Scarlett Johansson, Jeremy Renner, Sebastian Stan, Daniel Bruehl, Frank Grillo, Don Cheadle, Paul Bettany, Chadwick Boseman, Anthony Mackie, Tom Holland, Elizabeth Olsen, Paul Rudd, Emily Vancamp, Martin Freeman. Azione, 146′. 2016.

Houston, abbiamo un problema. Sarebbe davvero il caso che la Marvel e la DC pronunciassero congiuntamente la celeberrima frase, dopo aver visto i loro ultimi film.

Gli sceneggiatori delle pellicole devono avere avuto, da piccoli, problemi con le regole e in generale con l’autorità. Sia “Batman vs Superman” che l’attesissimo “Captain America: Civil War” ruotano infatti intorno allo stesso tema: il supereroe, vista la sua natura speciale, deve essere oppure no soggetto alle leggi degli uomini?

Prima di tutto verrebbe da chiedersi chi ha copiato chi e perché i due colossi, pur avendo a disposizione risorse pressoché illimitate, si siano ridotti a fare film fotocopia. Il vostro cronista sarebbe tentato di fare lo stesso con questa recensione – proponendovi un bel copia e incolla delle puntate precedenti – ma, almeno su di me, il timore delle ire del caporedattore fa da freno.

Non volendo svelare la trama del film, già abbastanza deboluccia, mi limiterò a fare alcune annotazioni a margine, lasciando poi a ogni spettatore il compito di trarre le sue conclusioni.

I fratelli Russo compiono un inatteso passo indietro dal punto di vista creativo e registico con questo film, rispetto a quanto visto in “Captain America: The winter soldier”. Se nella pellicola del 2014 il perfetto equilibrio tra action e spy story e le scene di battaglie a loro modo misurate avevano fatto la differenza, in “Civil war” la compostezza si perde sin da subito, e quello che ci si trova davanti è un caotico, e talvolta noioso, susseguirsi di sparatorie, inseguimenti e combattimenti a corpo a corpo che hanno il solo scopo di coprire i buchi nella sceneggiatura – operazione che non riesce nemmeno sempre.

In questo film manca anche quella “quadratura del cerchio” che qualunque spettatore si aspetterebbe alla fine della trilogia su Captain America. Ma invece di chiudere un ciclo, qui si aprono continuamente nuovi fronti, si presentano nuovi personaggi, senza preoccuparsi di come ne esca la razionalità e tenuta della storia. continua su

Al cinema: Captain America – Civil War

Vittorio De Agrò presenta “Amiamoci, nonostante tutto”

http://www.ibs.it/ebook/de-agr-vittorio/amiamoci-nonostante-tutto/9788891176837.html

The ticket to buy for “Captain America – Civil war” is: 1) Not even a present; 2) Tribute; 3) In the afternoon; 4) Reduced; 5) Always.

A film, and Joel Anthony Russo. With Chris Evans, Robert Downey Jr., Scarlett Johansson, Jeremy Renner, Sebastian Stan, Daniel Bruehl, Frank Grillo, Don Cheadle, Paul Bettany, Chadwick Boseman, Anthony Mackie, Tom Holland, Elizabeth Olsen, Paul Rudd, Emily Vancamp Martin Freeman . Action, 146 ‘. 2016.

Houston we have a problem. It would really be the case that Marvel and DC jointly pronunciassero the famous phrase, after seeing their latest film.

The writers of the films must have had, from small, problems with the rules and in general with the authority. Both “Batman vs. Superman” that the highly anticipated “Captain America: Civil War” in fact, revolve around the same theme: the superhero, given its special nature, is to be or not subject to the laws of men?

First of all one would wonder who copied whom and why the two giants, even when they have almost unlimited resources, you are reduced to make films photocopy. Your reporter would be tempted to do the same with this review – by offering you a nice copy and paste of previous games – but, at least for me, the fear of the editor makes a brake ire.

Not wanting to reveal the plot of the film, enough deboluccia, I’ll just make some notes in the margins, then leaving to each viewer to draw his own conclusions.

The Russo brothers perform an unexpected step backward from the creative point of view and directing this film, compared to what we saw in “Captain America: The Winter Soldier”. If in the 2014 film the perfect balance between action and spy stories and scenes of battles in their own way had measured the difference, “Civil war” composure is lost right now, and what we are faced is a chaotic , and sometimes tedious series of shootouts, chases and fighting hand to hand that are only intended to cover the holes in the script – an operation that can not even always.

In this film also it lacks the “squaring the circle” that any viewer would expect at the end of the trilogy on Captain America. But instead of closing a cycle, here they constantly open new fronts, will have new characters, regardless of how it comes out rationality and sealing of history. continues on

Al cinema: Captain America – Civil War

Vittorio De Agro presents “Let us love, despite everything”

http://www.ibs.it/ebook/de-agr-vittorio/amiamoci-nonostante-tutto/9788891176837.html

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...