56) Forever Young

brizzi

Il biglietto da acquistare per “Forever young” è: 1)Neanche regalato; 2)Omaggio; 3)Di pomeriggio; 4)Ridotto; 5)Sempre.

Un film di Fausto Brizzi. Con Fabrizio Bentivoglio, Sabrina Ferilli, Luisa Ranieri, Teo Teocoli, Pasquale Petrolo, Stefano Fresi, Lorenza Indovina, Claudia Zanella. Commedia, 95′. 2016

Che cos’è davvero la giovinezza e cosa significa essere giovani? Si tratta soltanto di una mera questione anagrafica oppure è coinvolto anche un preciso, e vincente, approccio mentale che aiuta a mantenersi giovani? Per la seconda ipotesi fa propendere il fatto che ci sono ragazzi che sembrano già vecchi, nonostante l’età non lo direbbe, e persone mature oppure anziane vitali e pronte a mettersi in gioco.

Sentiamo spesso dire che l’Italia è un paese di anziani e per questo non ha futuro. Ma chi sono, questi anziani? Ed è giusto chiamarli così?

Fausto Brizzi, nella sua nuova commedia, ci presenta la sua visione di come l’italiano affronti il lento e inesorabile declinare dovuto all’età. Come? Chiudendo in un cassetto la carta d’identità che potrebbe tradirlo e sentendosi sempre e comunque young.

Se i giovani oggi arrancano nel lavoro, dimostrandosi anche fragili nella vita sentimentali, gli uomini e le donne mature si rivelano disinvolti e determinati, proprio come i protagonisti della nostra storia. Giorgio (Bentivoglio), cinquantenne produttore radiofonico, è fidanzato con una ventenne; Angela (Ferilli), estetista separata, ha difficoltà a trovare un uomo; Diego Dj (Petrolo), nonostante abbia superato i 40 si ostina a fare radio con il piglio di un giovane; Franco (Teocoli), avvocato settantenne è ancora iperattivo e attento alla linea.

Lo spettatore si trova a osservare una ironica – e se vogliamo anche malinconica – rappresentazione di come la società viva oggi delle profonde contraddizioni sociali: le nuove generazioni non hanno il quid e l’inventiva che un tempo contraddistinguevano i giovani; padri, zii e persino nonni, invece, non vogliono fare neppure un passo indietro. Da questo nasce una confusione dei ruoli e un vero e proprio cortocircuito generazionale, che visto da fuori non può non far sorridere. continua su

Al cinema: Forever young

Vittorio De Agrò e Cavinato Editore presentano “Essere Melvin”

http://www.ibs.it/code/9788899121372/de-agrograve/essere-melvin-tra.html

The ticket to buy for “Forever Young” is: 1) Not even a present; 2) Tribute; 3) In the afternoon; 4) Reduced; 5) Always.

A film by Fausto Brizzi. Fabrizio Bentivoglio, Sabrina Ferilli, Luisa Ranieri, Teo Teocoli, Pasquale Petrolo, Stefano Fresi, Lorenza Guess, Claudia Zanella. Comedy, 95 ‘. 2016

What actually is the youth and what it means to be young? It is only a mere question of age, or is also involved precise, and winning, the mental approach that helps to keep you young? For the second hypothesis argues in favor of the fact that there are guys who seem already old, despite his age he would not say, and people mature or elderly vital and ready to get involved.

We often hear that Italy is a country of old people and therefore has no future. But who are these elders? And it is fair to call them that?

Fausto Brizzi, in his new comedy, presents his vision of how the Italian address the slow, inexorable decline due to age. As? Closing in a drawer an identity card that might betray him, and feeling always young.

If young people today trudge into work, proving too fragile in the sentimental life, men and mature women reveal themselves relaxed and determined, just like the protagonists of our history. Giorgio (Bentivoglio), fifty radio producer, is engaged to a twenty-year old; Angela (Ferilli), separate beautician, has trouble finding a man; Dj Diego (Petrolo), despite having exceeded the 40 is so determined to make radio with the enthusiasm of a young man; Franco (Teocoli), septuagenarian lawyer is still hyperactive and attentive to the line.

The viewer is watching an ironic – and if we also want to melancholic – depiction of how living society today profound social contradictions: the new generations do not have the quid and inventiveness that once countersigned young people; fathers, uncles and even grandparents, however, does not want to take even one step back. From this arises a confusion of roles and a real generational short, which seen from the outside can not help but make you smile. continues on

Al cinema: Forever young

Vittorio De Agro and Cavinato Publisher feature “Being Melvin”

http://www.ibs.it/code/9788899121372/de-agrograve/essere-melvin-tra.html

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...