26) Joy

joy

Il biglietto d’acquistare per “Joy” è: 1)Neanche regalato; 2)Omaggio; 3)Di pomeriggio; 4)Ridotto; 5)Sempre.

Un film di David O. Russell. Con Jennifer Lawrence, Bradley Cooper, Robert De Niro, Elisabeth Rohm, Edgar Ramirez, Virginia Madsen, Isabella Rosellini. Biografico, 124′. 2015

Donne accorrete, è arrivato il mocio! Chissà quante esponenti del gentil sesso – e non solo, col passare del tempo – avranno ringraziato questo prezioso strumento quando si è trattato di pulire casa e lustrare i pavimenti.

Ci sono invenzioni che salvano l’umanità, e altre che salvano dalle nevrosi e migliorano la vita di tutti i giorni. Il mocio, senza dubbio, rientra nella seconda categoria.

Ma chi è stato a ideare questo semplice eppure a suo modo rivoluzionaria strumento di pulizia? Una donna, ovviamente; una giovane e determinata americana di nome Joy Mangano (Lawrence), cresciuta col sogno di rendere la propria esistenza sensata e utile, inventando qualcosa che l’avrebbe resa famosa e ricca, come nonna Mimi le augurava da sempre.

Eppure si sa, la vita molto di rado si sviluppa come abbiamo sognato. Così Joy si trova, a venticinque anni, a lavorare come hostess di terra, occupandosi nel frattempo dell’eccentrica famiglia, crescendo due figli tra mille difficoltà economiche e ospitando anche in cantina l’ex marito, aspirante cantante.

Una realtà opprimente e soffocante per l’ambiziosa Joy, che non vuole però arrendersi a questa situazione. Grazie al suo ingegno e anche a un pizzico di casualità la donna disegnare il prototipo del primo mocio. Rendendosi poi conto di come la sua invenzione possa essere davvero rivoluzionaria per l’economia domestica, Joy riesce a coinvolgere nel progetto la sua famiglia e a farsi finanziare la prima produzione dalla ricca vedova Trudy (Rossellini), attuale fidanzata di suo padre Rudy (De Niro), impenitente playboy.

La vera svolta per la neo azienda arriva però quando Joy, su consiglio dell’ex marito, presenta il mocio a Neil Walker (Cooper), abile e sagace venditore televisivo, che intuendo le potenzialità dell’invenzione decide di puntarci, ordinando cinquantamila pezzi.

“Joy” inizia come una commedia, brillante e dai toni grotteschi e surreali. Allo spettatore il film non può non riportare in mente “Tenenbaum”di Wes Anderson, soprattutto mentre si assiste alle divertenti scene con protagonisti i membri della famiglia Mangano, scene costruite su dialoghi incisivi e frizzanti.

Dopo una partenza briosa il testo perde però quota e fluidità, diventando un tipico biopic. Probabilmente gli autori volevano proporre una versione moderna di Cenerentola, rinverdendo al contempo il culto del sogno americano. In questo caso Cenerentola/Joy non trova il suo lieto fine nell’amore col Principe azzurro, ma nell’inizio del suo successo finanziario e nell’amicizia con Neil.

Anche se alcuni elementi sono positivi, si tratta di un’occasione sprecata per il regista David O. Russell, visto il potenziale artistico e i primi venti minuti del film. La regia stessa è in chiaroscuro: nella prima parte mostra talento e creatività, mentre nella seconda si rivela stanca e molle, incapace di cambiare marcia al film che diventa così monotono e prevedibile.

La messa in scena, di taglio televisivo e solo in parte di buon livello, è appesantita da un ritmo narrativo che procede a fasi alterne, solo a tratti incisivo, coinvolgente ed efficace.

Jennifer Lawrence butta con coraggio e passione il cuore oltre l’ostacolo, cercando di dare al suo personaggio anima e corpo. In parte la giovane e talentuosa attrice americana ci riesce anche, confermando carisma e personalità – tanto che la performance le è valsa il terzo Golden Globe della sua carriera. Eppure la sua Joy lentamente perde mordente, finendo per suscitare solo noia nel pubblico. continua su

Al cinema: Joy

Vittorio De Agrò presenta “Amiamoci, nonostante tutto”

http://www.ibs.it/ebook/de-agr-vittorio/amiamoci-nonostante-tutto/9788891176837.html

The ticket purchase for “Joy” is: 1) Not even a present; 2) Tribute; 3) In the afternoon; 4) Low; 5) Always.

Directed by David O. Russell. Jennifer Lawrence, Bradley Cooper, Robert De Niro, Elisabeth Rohm, Edgar Ramirez, Virginia Madsen, Isabella Rosellini. Biographical, 124 ‘. 2015

Women flock, it’s a mop! I wonder how many members of the fairer sex – and not only, as time goes on – have thanked this valuable tool when it comes to clean house and polish the floors.

There are inventions that save humanity, and other neuroses that save and improve the lives of every day. Mop, without doubt, falls into the second category.

But who it was to devise this simple, yet in its own way revolutionary cleaning tool? A woman, of course; a young and determined American named Joy Mangano (Lawrence), who grew up with the dream of making their lives meaningful and useful, inventing something that would make her famous and rich, like Grandma Mimi wished her always.

Yet we know, life rarely develops as we have dreamed. So Joy is, twenty-five years, working as a hostess of the earth, working in the meantime, the eccentric family, raising two children with great difficulty economic and hosting in the cellar’s ex-husband, an aspiring singer.

A reality overwhelming and suffocating for the ambitious Joy, who does not want to give up but to this situation. Thanks to his talent and also a bit of randomness woman draw the prototype of the first mop. Realising then realize how his invention can be really revolutionary for the household, Joy can involve in the project finance his family and be the first production from the rich widow Trudy (Rossellini), current girlfriend of her father Rudy (De Niro ), unrepentant playboy.

The real turning point for the new company, however, comes when Joy, on the advice of her former husband, has the mop Neil Walker (Cooper), clever and shrewd salesman television, that realizing the potential of the invention decides to staking, ordering fifty thousand pieces.

“Joy” begins as a comedy, bright and soothing sounds grotesque and surreal. The film the viewer can not help but bring to mind “Royal Tenenbaums” by Wes Anderson, especially when you attend the funniest scenes starring the members of the family Mangano, scenes built on dialogue and sparkling teeth.

After a lively start, however, the text loses altitude and fluidity, becoming a typical biopic. Probably the authors wanted to propose a modern version of Cinderella, while reviving the cult of the American dream. In this case Cinderella / Joy does not find his happy ending in love with Prince Charming, but in the beginning of his financial success and friendship with Neil.

Although some elements are positive, it is a wasted opportunity for the director David O. Russell, saw the artistic potential and the first twenty minutes of the film. The direction is very mixed results: in the first part shows talent and creativity, while the second turns soft and tired, unable to shift gears to the film that becomes monotonous and predictable.

The staging, cutting television and in part to a good standard, is weighed down by a narrative rhythm that goes on and off, only occasionally incisive, engaging and effective.

Jennifer Lawrence throws with courage and passion the heart beyond the obstacle, trying to give his character, body and soul. In part, the young and talented American actress succeeds also, confirming charisma and personality – so much so that the performances earned her third Golden Globe of her career. Yet his Joy slowly loses bite, only to elicit only boredom in the audience. continues on

Al cinema: Joy

Vittorio De Agro presents “Let us love, despite everything”

http://www.ibs.it/ebook/de-agr-vittorio/amiamoci-nonostante-tutto/9788891176837.html

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.