233) Animeland

 

animelandChi sostiene che un uomo possa diventare colto e creativo solo leggendo i grandi romanzi, probabilmente dovrebbe evitare di leggere questa mia recensione su Animeland.

Per chi invece, come me è cresciuto a pane e cartoni animati giapponesi sentendosi spesso un “nerd” o un “incompreso”, ebbene questo è il suo film. È il film dell’orgoglio, dell’identità e soprattutto dell’affermazione che i manga e le anime giapponesi sono anch’esse forme di cultura, e come tali hanno influenzato e ispirato la nostra generazione.

Francesco Chiatante ci racconta come la passione per i manga e le anime sia trasversale e unisca diverse categorie di persone. Lo dimostra intervistando diversi personaggi del mondo dello spettacolo e della cultura che aprono il loro personale album dei ricordi riguardanti l’infanzia e l’adolescenza. Lo spettatore ascolta così le divertenti confessioni di Paola Cortellesi, Caparezza e Valerio Mastandrea, per citarne alcuni, che, con candore e genuinità rivelano quanto la loro esistenza sia stata legata alla visione dei cartoni animati tra gli Anni ’70 e ’80. Come tutti noi, anche loro hanno visto, ammirato e in alcuni casi tentato di emulare Goldrake, Jeeg Robot e Il Grande Mazinger; anche loro si sono emozionati con Heidi e Lady Oscar.

I manga giapponesi hanno condizionato e cambiato un’intera generazione e soprattutto modificato la prospettiva e l’approccio narrativo e ideologico rispetto al cartone animato classico. Dal pacifico e buonista cartone Disney, con gli anime il bambino si apre a tematiche diverse e nuove, assorbendo un nuovo linguaggio e stile di vita. Soprattutto, vede come protagonisti dei cartoni bambini o ragazzi come lui, chiamati a salvare il mondo e dotati di super poteri.

I cartoni animati hanno invaso le TV e poi le nostre vite dopo al punto che sono molti a voler omaggiare i loro eroi assumendone le loro sembianze: un fenomeno chiamato Cosplay che – attenzione! – non va confuso con il mascheramento fatto a Carnevale: Il cosplayer è infatti un uomo o una donna che sposa lo spirito e la filosofia del protagonista del manga e decide di incarnarlo. I Cosplay sono nati in Giappone e poi nel breve periodo si sono diffusi nel resto del mondo, basti pensare quanti cosplayer si ispirino ai fumetti Marvel o alle diverse saghe cinematografiche come Star Wars. continua su

http://www.mygenerationweb.it/201511172770/articoli/nerdzone/nessuna-delle-precedenti/2770-animeland-omaggio-al-mondo-dei-cartoni-animati.

Vittorio De Agrò presenta “Amiamoci, nonostante tutto”

http://www.ibs.it/ebook/de-agr-vittorio/amiamoci-nonostante-tutto/9788891176837.html.

 

Those who say that a man can become a creative and cultured just reading great novels, probably should avoid this read my review Animeland.

For those who, like me, grew up on bread and Japanese cartoons often feeling a “nerd” or a “misunderstood”, well this is his movie. It is the film of pride, identity and especially the claim that the manga and Japanese anime are also forms of culture, and how these have influenced and inspired our generation.

Francesco Chiatante tells us how the passion for manga and anime is cross and unite diverse groups of people. This is demonstrated by interviewing different personalities from the world of entertainment and culture who open their personal scrapbook about the childhood and adolescence. So the viewer hears the confessions of fun Paola Cortellesi, Caparezza and Valerio Mastandrea, to name a few, which, with candor and authenticity reveal how their existence was linked to the vision of the cartoons among 70s and 80s. Like all of us, even they have seen, admired and in some cases tried to emulate Grendizer, Great Mazinger and Jeeg; they too are thrilled with Heidi and Lady Oscar.

The Japanese manga have affected and changed an entire generation and above all changed the perspective and narrative approach and ideological than the classic cartoon. By peaceful and feel-good Disney cartoon, with the child souls it opens in new and different themes, absorbing a new language and lifestyle. Above all, protagonists cartoon children or guys like him, called to save the world and equipped with super powers.

The cartoons have flooded the TV and then after our lives to the point that many people want to pay homage to their heroes taking on their appearance: a phenomenon called Cosplay – attention! – Not to be confused with masking made Carnival: The cosplayer is in fact a man or a woman who marries the spirit and philosophy of the main character of the manga and decided to incarnate. The Cosplay were born in Japan and then in the short term have spread around the world, just think how many cosplayers be based on the Marvel comic book or the different film sagas such as Star Wars. continues on

http://www.mygenerationweb.it/201511172770/articoli/nerdzone/nessuna-delle-precedenti/2770-animeland-omaggio-al-mondo-dei-cartoni-animati.

Vittorio De Agro presents “Let us love, despite everything”

http://www.ibs.it/ebook/de-agr-vittorio/amiamoci-nonostante-tutto/9788891176837.html.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...