231) Glitch

glitch

Non offendete la memoria dei morti, lasciate riposare in pace i defunti. La religione Cristiana ci insegna che alla fine del mondo essi si risveglieranno e usciranno dalle tombe per essere giudicati insieme ai vivi.

Già, cosi recita il Cristianesimo, ma per gli autori televisivi i morti sono diventati un tema interessante e soprattutto protagonisti di molti show di successo come The Walking Dead in America e Les Revenants in Francia. La morte infatti è sempre stata un tema misterioso, affascinante e pieno di contenuti filosofici e religiosi che in ogni parte del mondo ha un suo culto. Personalmente non amo gli zombies e questo genere di show, eppure stasera ho visto con piacere e curiosità la puntata pilota della serie australiana Glitch che ricorda molto lo show francese.

In un piccolo e tranquillo paesino australiano, durante una notte come tante altre, il cimitero diventa un luogo improvvisamente affollato e rumoroso, quando sei persone decidono di uscire nudi e disorientati dalla tomba. James Hayes, capo della polizia locale, accorso sul posto pensa sulle prime a uno scherzo o agli effetti di abuso di droghe, ma decide di chiamare la Dottoressa Elishia McKellar, responsabile del pronto soccorso, affinché visiti questi bizzarri e misteriosi individui. Ben presto però la bizzarria cede il passo al’incredulità quando James riconosce in una delle sei persone la moglie Kate, deceduta due anni prima per un cancro.

Kate e gli altri “ritornanti” sembrano in ottima salute e lentamente cominciano a ricordare la loro vita e i loro affetti; James, seppure sconvolto, decide di indagare in segreto su questo incredibile fenomeno e soprattutto di capire quale nesso ci sia tra quelle sei persone vissute in epoche diverse e con storie differenti. Una struttura narrativa agile, fluida e ben costruita che invoglia e incuriosisce lo spettatore; un intreccio narrativo che, anche se non originale, riesce a catturare l’attenzione stimolando l’interesse e facendo scattare un buon pathos emotivo e psicologico anche grazie a un ritmo che nel complesso risulta incisivo e avvolgente. continua su

http://www.mygenerationweb.it/201511132764/articoli/nerdzone/serie-tv/2764-dopo-the-walking-dead-e-les-revenants-dall-australia-arriva-glitch

Vittorio De Agrò presenta “Amiamoci, nonostante tutto”

http://www.ibs.it/ebook/de-agr-vittorio/amiamoci-nonostante-tutto/9788891176837.html

Do not offend the memory of the dead, let the dead rest in peace. The Christian religion teaches us that at the end of the world they will wake up and come out of their graves to be judged along with the living.

Yeah, so says Christianity, but for the dead TV writers have become an interesting topic and especially the protagonists of many hit shows like The Walking Dead in America and in France Les Revenants. Death, in fact has always been a theme mysterious, fascinating and meaningful philosophical and religious in the world has its own cult. Personally I do not like zombies, and this kind of show, but tonight I have seen with pleasure and curiosity the pilot episode of the series Australian Glitch that resembles the show French.

In a small, quiet village of Australia, during a night like so many others, the cemetery becomes a place suddenly crowded and noisy, when six people decide to go out naked and disoriented from the grave. James Hayes, head of the local police, who rushed to the place at first thought it was a joke or to the effects of drug abuse, but decided to call Dr. Elishia McKellar, director of emergency, to visit these bizarre and mysterious individuals. But soon the novelty gives way al’incredulità when James acknowledges in one of six people wife Kate, who died two years ago from cancer.

Kate and the other “returnees” seem in very good health and slowly begin to remember their lives and their suffering; James, although shocked, decides to investigate secret of this incredible phenomenon, and above all to understand what connection there is between those six people lived at different times and with different stories. A narrative agile, fluid and well built that invites and intrigues the viewer; a storyline that, although not original, it captures the attention stimulating interest and snapping a good psychological and emotional pathos thanks to a pace that was decisive in the complex and enveloping. continues on

http://www.mygenerationweb.it/201511132764/articoli/nerdzone/serie-tv/2764-dopo-the-walking-dead-e-les-revenants-dall-australia-arriva-glitch

Vittorio De Agro presents “Let us love, despite everything”

http://www.ibs.it/ebook/de-agr-vittorio/amiamoci-nonostante-tutto/9788891176837.html

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...