192) The Martian – Sopravvissuto

 

marteIl biglietto d’acquistare per “The Martian” è: 1)Neanche regalato; 2)Omaggio; 3)Di pomeriggio; 4)Ridotto; 5)Sempre.

Un film diretto da Ridley Scott. Con Matt Damon, Jessica Chastain, Kate Mara, Kristen Wiig, Sebastian Stan, Michael Peña, Sean Bean, Mackenzie Davis, Chiwetel Ejiofor, Donald Glover, Jeff Daniels, Aksel Hennie. Fantascienza, 130′. 2015

Tratto dal romanzo “L’uomo di Marte” di Andy Weir

La Terra è diventata troppo piccola per il genere umano. A ben vedere, su questo pianeta abbiamo fatto e visto accadere praticamente di tutto. Il cinema da parte sua cerca di tenere il passo con le nuove prospettive, aprendo all’universo per scrivere soggetti nuovi.

Così, un anno dopo “Interstellar” di Christopher Nolan, arriva sui nostri schermi “The Martian”, pellicola che sulla carta poteva apparire come il cugino povero del primo, ma come direbbe il ct Giovanni Trapattoni, mai dire gatto se non c’è l’hai nel sacco.

Dopo due flop epici come “Il procuratore” ed “Exodus Dei e Re” per Ridley Scott lo spazio poteva trasformarsi in una tomba artistica; invece il vecchio leone ha ruggito con forza.

In un futuro non troppo lontano l’uomo passeggia su Marte come ha già fatto sulla Luna e la Nasa organizza missioni stellari, alla ricerca di luoghi alternativi per vivere. Nel corso di una di queste missioni sul pianeta rossa, l’equipaggio di Ares 3, guidato dal comandante Lewis (Chastain), viene sorpreso da una terribile tempesta che lo obbliga a un precipitoso rientro sulla Terra.

Durante l’affannosa manovra per lasciare il pianeta, uno dei componenti della spedizione, il botanico Mark Watney (Damon), viene colpito da dei detriti che lo scaraventano lontano dall’astronave, facendolo ritenere morto ai compagni e alla Nasa.

Mark invece è sopravvissuto miracolosamente all’incidente e dopo lo sgomento inizia il suo personale ed epico “Survivor” su Marte. L’uomo è ingegnoso oltre che combattivo, e sfruttando le sue conoscenze riesce persino a realizzare un orto di patate, in modo da garantirsi la sopravvivenza fino alla missione successiva, che arriverà solo dopo quattro anni.

Mark riesce anche a ripristinare un contatto con gli stupiti vertici della Nasa sulla Terra, che insieme ai cinesi, mai come in questo caso solidali, cercheranno in ogni modo di riportarlo a casa.

Alcuni critici hanno definito “The Martian” la versione spaziale di “Salvate il Soldato Ryan”, per la presenza di Matt Damon e per alcuni elementi comuni nelle trame (il finale con Lewis e compagni chiamati all’eroica missione di recupero richiama a suo modo il film di Spielberg), ma l’ultimo arrivato ha delle peculiarità interessanti e assolutamente positive.

Sono forse uno dei pochi che lo scorso anno non ha gridato al capolavoro davanti a “Interstellar”, una pellicola che ho trovato troppo perfetta e quindi fredda dal punto di vista emozionale.

Il testo di “The Martian” sarà più povero di contenuti rispetto a quello del film di Nolan, eppure è più diretto, interessante e avvolgente. Ben scritto, fluido, semplice, ha dalla sua anche il fatto di evitare collegamenti complicati tra fisica e metafisica… continua su

http://paroleacolori.com/al-cinema-sopravvissuto-the-martian/

 

Vittorio De Agrò presenta “Amiamoci,nonostante tutto”

http://www.ibs.it/ebook/de-agr-vittorio/amiamoci-nonostante-tutto/9788891176837.html

The ticket purchase for “The Martian” is: 1) Not even a present; 2) Tribute; 3) In the afternoon; 4) Low; 5) Always.

A film directed by Ridley Scott. With Matt Damon, Jessica Chastain, Kate Mara, Kristen Wiig, Sebastian Stan, Michael Peña, Sean Bean, Mackenzie Davis, Chiwetel Ejiofor, Donald Glover, Jeff Daniels, Aksel Hennie. Sci, 130 ‘. 2015

Based on the novel “The man from Mars” by Andy Weir

The Earth has become too small for the human race. A closer look, on this planet have done and seen it happen just about anything. The cinema by his attempts to keep up with new perspectives, opening to the universe to write new subjects.

So, one year after “Interstellar” by Christopher Nolan, arrives on our screens “The Martian”, the film that on paper might seem like the poor cousin of the first, but how would the coach Giovanni Trapattoni, never say cat if there is you have in the bag.

After two epic flop as “Attorney” and “Exodus Gods and Kings” by Ridley Scott space could become a tomb art; instead the old lion roared vigorously.

In a not too distant future man he is walking on Mars as it did on the moon and NASA organizes star missions, looking for alternative places to live. During one of these missions on the red planet, the crew of Ares 3, led by Commander Lewis (Chastain), is caught in a terrible storm that obliges him to a hasty return to Earth.

During the frantic maneuver to leave the planet, one of the members of the expedition, the botanist Mark Watney (Damon), is hit by debris that fling away from the ship, making him feel dead comrades and to NASA.

Mark instead miraculously survived the accident and after the shock began his personal and epic “Survivor” on Mars. The man is clever as well as fighting and using his knowledge even manages to make a garden of potatoes, to ensure its survival until the next mission, which will come only after four years.

Mark is also able to restore contact with the top amazed NASA on Earth, which together with the Chinese, never like this solidarity, will attempt to bring him home.

Some critics have called “The Martian” the spatial version of “Saving Private Ryan,” for the presence of Matt Damon and some common elements in the plots (the final with Lewis and his companions called the heroic rescue mission recalls in his way Spielberg’s film), but the newcomer has some interesting features and absolutely positive.

Are perhaps one of the few that last year did not cry in front of the masterpiece “Interstellar,” a film that I found it too perfect and then cold from emotionally.

The text of “The Martian” will be poorer in content than that of Nolan’s film, yet it is more direct, interesting and fascinating. Well written, fluid, simple, its also has the avoidance of complicated connections between physics and metaphysics … read on

http://paroleacolori.com/al-cinema-sopravvissuto-the-martian/

Vittorio De Agro presents “Let us love, despite everything”

http://www.ibs.it/ebook/de-agr-vittorio/amiamoci-nonostante-tutto/9788891176837.htm

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...