11) L’Esattore (Petros Markaris)

tasse

“L’Esattore” è un libro scritto da Petros Markaris e pubblicato in Italia nel 2014 dalla Bompiani.
L’uomo teme la Morte anche se in qualche modo è consapevole che non si può fuggire alla Signora con la falce e si sforza di vivere al massimo non pensandoci.
Ma se nei confronti della Morte abbiamo un atteggiamento di cristiana rassegnazione, nei confronti dell’altro flagello che dalla notte dei tempi mina la serenità dell’uomo non esiste alcuna fede che possa placarne la rabbia e l’indignazione: le Tasse!
Le tasse ci fanno venire l’orticaria, fanno uscire il peggio di noi e soprattutto essere costretti a pagarle per mantenere in piedi uno Stato governato dai politici corrotti e capaci è davvero troppo.
L’evasione e l’elusione sono diventati per molti lo scopo della vita.
Quando un ministro della nostra Repubblica sostenne che “ pagare le tasse è bellissimo”,il mio primo istinto fu di sottoporlo a una perizia psichiatrica e poi se fosse titolare di qualche bene.
Gli evasori sono criminali? Si, ma chiediamoci perché se fosse recuperata tutta l’evasione potremmo cancellare il nostro debito pubblico. Perché si evade? Qualcosa non va nel sistema.
Il nostro sistema fiscale è iniquo, antiquato e vessatorio e ciò spinge anche il più onesto delle persone a diventare un contribuente non in regola.
Se uno ritiene che l’italiano sia il peggiore contribuente d’Europa cambierà idea dopo aver letto questo libro.
Non conoscevo lo scrittore greco Markaris e ringrazio il mio amico Paolo per il bel dono natalizio.
“L’Esattore” è un giallo ambientato in Grecia che ha come protagonista il commissario Kostas Charitos. Eppure definire questo libro solo una caso poliziesco sarebbe riduttivo perché il lettore fin dalle prime pagine può rendersi conto come la Grecia e soprattutto i Greci stiano vivendo sulla loro pelle il doloroso diktat economico imposto dalla Troika per risanare i debiti.
Un popolo che lentamente inesorabilmente si sta dissanguando dal punto di vista economico,morale e vitale. Stanno morendo i sogni e le speranze. Il libro inizia con la drammatica e cupa scena di un suicidio di gruppo realizzato da quattro anziane donne perché private delle pensioni e incapaci di poter sopravvivere e quindi decise a togliere il disturbo. La stessa Atene è attraversata da ondate di scioperi e proteste, ogni motivo è buono per scendere in piazza da parte dei giovani e dei disoccupati .La crisi economica sta strangolando l’economia locale e i tagli al settore pubblico ha ridotto sul lastrico migliaia di famiglie. I politici greci sono incapaci di trovare una soluzione, ma sono invece bravi ad ingrossare il proprio portafoglio con tangenti. L’evasione e la corruzione dilagano nel Paese senza alcun freno e decenza. Così quando viene ritrovato il cadavere di un noto medico all’interno di area archeologica, avvelenato con una iniezione di cicuta per mano di un assassinio che rivendica il compito di “combattere “ l’evasione, smascherando e costringendo l’evasore a pagare le imposte dovute entro cinque giorni o subendo in caso di rifiuto un “condono tombale” sulla sua persona , il caso diventa subito delicato da risolvere e affrontare per Charitos. Il commissario che sogna la promozione a vice direttore promessa dal suo capo Ghikas si trova a dover destreggiare tra l’imbarazzo del governo e il sostegno dell’opinione pubblica che ha subito ribattezzato l’assassino “L’Esattore Nazionale”.
Iniziano così una serie di quattro omicidi che colpiscono conclamati evasori e di personalità che hanno trattato beneficio dagli aiuti ricevuti dai corrotti e disonesti politici. Charitos e la sua squadra iniziano così una difficile caccia all’uomo che si sulla scena e sul web senza mai lasciare traccia.
Un caso difficile perché in vero nasconde l’inquietudine e la rabbia di un popolo sofferente e soprattutto descrive l’infelicità di molti giovani che vedono svanire speranze e possibilità costruirsi un futuro in Grecia e pronti a porre fine alla propria fine
Restando così valida solo l’alternativa di espatriare come medita di fare Caterina la figlia di Charitos gettando nello confronto il commissario e la moglie Adriana.
Lo stile di Markaris è asciutto, scarno, semplice,ma riesce comunque a tenere incollato alla lettura il lettore costruendo un testo carico di pathos e di una forza melanconica e amara utilizzati per descrivere con ironia e ferocia i limiti e i difetti della società greca.
I protagonisti sono descritti con poche e incisive pennellate che permettono di dare ad ognuno una forte e chiara personalità e anima.
La figura di Charitos piace per la sua normalità e i suoi modi di fare e pensare “old style”. I suoi occhi diventano quelli del lettore per scoprire la vita di Atene e dei suoi abitanti.
La scoperta e l’arresto dell’Esattore grazie al determinate collaborazione della psicologa della polizia brava a delineare la personalità dell’assassino da una parte confermano come a volte la modernità sia utile e dall’altra pur consegnando un criminale alla giustizia, il lettore ha la sensazione che il vero crimine sia perpetrato ogni giorno ai danni dei greci.
Un libro che piacerà e metterà d’accordo sia gli evasori e chi le tasse con onestà le paga sempre perché trovando nella Troika e nella corruzione e incompetenza dei politici i veri colpevoli da portare presto davanti a un giudice.

Vittorio De Agrò e Cavinato Editore International presentano “Essere Melvin”

http://www.amazon.it/Essere-Melvin-tra-finzione-realt%C3%A0/dp/8899121370/ref=sr_1_1?s=books&ie=UTF8&qid=1420988103&sr=1-1&keywords=essere+melvin

“The Collector” is a book written by Petros Markaris and published in Italy in 2014 by Simon and Schuster.
The man fears the death even if somehow aware that you can not escape the Lady with the scythe and strives to live up to not thinking about it.
But if towards Death we have a Christian attitude of resignation towards the other scourge that the dawn of time undermines the serenity of man there is no faith that can appease the anger and indignation: Taxes!
Taxes make us come hives, bring out the worst in us, and above all be forced to pay them to keep up a state ruled by corrupt politicians and capable is just too much.
The tax evasion and avoidance have become for many the goal of life.
When a minister of our Republic argued that “paying taxes is beautiful”, my first instinct was to submit to a psychiatric examination, and then if it was the holder of some good.
The Dodgers are criminals? Yes, but why ask if it was all recovered evasion could cancel our debt. Because it escapes? Something is wrong with the system.
Our tax system is unfair, outdated and oppressive, and this pushes even the most honest people to become a taxpayer is not in good standing.
If one believes that the Italian is the worst payer in Europe will change his mind after reading this book.
I did not know the writer greek Markaris and I thank my friend Paul for the nice Christmas gift.
“The Collector” is a murder mystery set in Greece starring Commissioner Kostas Charitos. Yet define this book only if police would be simplistic because the reader from the first page can realize such as Greece and especially the Greeks are living on their skin the painful economic diktat imposed by the Troika to heal the debts.
A people that slowly inexorably is bleeding from the economic point of view, moral and vital. They are dying dreams and hopes. The book begins with the dramatic and gloomy scene of a suicide group made up of four elderly women because private pensions and unable to survive and then decided to remove the noise. The Athens itself is crossed by waves of strikes and protests, any reason is good to take to the streets by the young and unemployed .The economic crisis is strangling the local economy and the cuts to the public sector has reduced to poverty thousands of families. Greek politicians are unable to find a solution, but are good to swell its portfolio with bribes. Tax evasion and corruption are rampant in the country without restraint and decency. So when you found the body of a well-known doctor in archaeological area, with an injection of poison hemlock for the hand of a murder which claims the task of “fighting” evasion, exposing and forcing the evader to pay taxes due within five days in case of refusal or undergoing an “amnesty” on his person, the case quickly becomes tricky to solve and deal for Charitos. The commissioner who dreams promotion to deputy director promised by his boss Ghikas is having to juggle between the embarrassment of the government and public support that has been dubbed the murderess “The National Taxman”.
Thus begins a series of four murders that affect overt evaders and personalities who have treated benefit from the aid received by the corrupt and dishonest politicians. Charitos and his team start on a difficult manhunt is on the scene and on the web without leaving a trace.
A difficult case because it hides the restlessness and anger of a suffering people and particularly describing the misery of many young people who see possibilities away hopes and build a future in Greece and ready to put an end to its end
Thus remaining the only valid alternative to expatriate ponders how to make Catherine’s daughter Charitos throwing in comparison Commissioner and his wife Adriana.
The style of Markaris is dry, bare, simple, but still managed to keep the reader glued to read building a text full of pathos and melancholy and bitter force used to describe with irony and ferocity the limits and flaws of the Greek society.
The main characters are described with a few incisive brushstrokes that allow to give everyone a clear and strong personality and soul.
The figure of Charitos like it for its normal and its ways of doing and thinking “old style”. His eyes become those of the reader to discover the life of Athens and its inhabitants.
The discovery and arrest of the debt due to certain collaboration of police psychologist good to outline the personality of the murderer on the one hand confirm how sometimes modernity helpful and the other while delivering a criminal to justice, the reader the feeling that the real crime is perpetrated every day against the Greeks.
A book that will appeal and will agree with both the Dodgers and who pays taxes honestly always because finding the Troika and the corruption and incompetence of politicians the real culprits to be brought before a judge soon

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.