159. Fleming – Essere James Bond

ian flemming

La vita è una fiction, non mi stancherò mai di ripeterlo. La realtà è la migliore fonte d’ispirazione per uno scrittore. Se poi lo scrittore è lui stesso un eroe o comunque un personaggio, il successo di un romanzo è garantito.
Questo è il caso di Ian Fleming,il papà del nostro amato “James Bond”
Alzi la mano chi non almeno una volta non ha visto qualche minuto delle incredibili avventure del più affascinante, brillante e abile 007 al servizio di Sua Maestà.
Bene. Cosa invece conoscete di Fleming?
Personalmente poco e così stasera ho scelto d’inaugurare la nuova stagione televisiva su Sky Atlantic con la vita del famoso scrittore.
Ebbene, Ian Fleming fu davvero un James Bond ante litteram. Fu la sua stessa vita fonte d’ispirazione per il suo personaggio.
La mini serie Tv inglese ci porta a Londra, alla vigilia della seconda guerra mondiale. Scopriamo che il giovane Fleming è un play boy lavativo, broker inaffidabile e dedito all’alcool. Interpretato da un intenso e talentuoso Dominic Cooper, lo spettatore conosce così la turbolenta vita del protagonista.
Fleming è schiacciato dall’ombra del fratello Peter, eroe di guerra e brillante scrittore, continuamente rimproverato dalla madre perché non all’altezza  del buon nome della famiglia e del defunto padre.
In apparenza sembra avere anche simpatie naziste, ma l’ammiraglio Godfrey vede in lui del talento e gli propone d’entrare nel controspionaggio della Marina inglese
Così Fleming alla ricerca del suo ruolo nel mondo, accetta di servire, a suo modo, la Patria.
Nelle prime due puntate si sono alternate con un buon ritmo momenti d’azione a scene più mondane e romantiche dove Cooper riesce con efficacia a rendere sullo schermo la figura inquieta e creativa di Fleming. La sceneggiatura è asciutta e diretta e coinvolgente. I dialoghi sono ricchi di pathos anche se forse un po’ retorici. L’ironia tipicamente british rendono i dialoghi, vivaci e divertenti.
E’ molta accurata la scenografia e meritevoli di menzione i costumi.
Fleming era un uomo alla ricerca di riposte e di una visibilità. Ama le donne, ma è fondamentalmente solo e inquieto.
Amore, azione, guerra, spionaggio rendono la vita di Fleming meritevole d’essere vista e per chi ama James Bond da stasera, non potrà non dire accendendosi il sigaro e bevendo un drink : Sono Fleming, Ian Fleming
Su Sky Atlantic HD ogni Martedi sera alle 21:10

Vittorio De Agrò presenta “Essere Melvin”: http://www.lulu.com/spotlight/melvin2

Life is a drama, I never tire of repeating it. The reality is the best source of inspiration for a writer. And if the writer is himself a hero or a character, however, the success of a novel is guaranteed.
This is the case of Ian Fleming, the father of our beloved “James Bond”
Raise your hand if not at least once has not seen a few minutes of the amazing adventures of the most charming, witty and clever 007 in the service of His Majesty.
All right. What do you know instead of Fleming?
Personally little and so tonight I chose to inaugurate the new television season on Sky Atlantic with the life of the famous writer.
Well, Ian Fleming James Bond was really a forerunner. It was his own life inspiration for her character.
The British television mini series takes us to London, on the eve of World War II. We find that the young man Fleming is a playboy slacker, unreliable broker and addicted to alcohol. Played by an intense and talented Dominic Cooper, the viewer knows that the turbulent life of the protagonist.
Fleming is crushed by the shadow of his brother Peter, a war hero and brilliant writer, constantly scolded by his mother because they do not live up to the good name of the family and the deceased father.
In appearance also seems to have Nazi sympathies, but Admiral Godfrey sees in him the talent and proposes to enter into the counter of the English Navy
So Fleming in search of his place in the world, agreed to serve in its own way, our homeland.
In the first two episodes were interspersed with a good rhythm action moments in the most fashionable and romantic scenes where Cooper can effectively make the figure on the screen restless and creative Fleming. The screenplay is dry, direct and engaging. The dialogues are full of pathos though perhaps a bit ‘rhetorical. The irony typically british make the dialogues, lively and entertaining.
It ‘very accurate set design and costumes worthy of mention.
Fleming was a man in search of answers and visibility. He loves women, but it’s basically just restless.
Love, action, war, espionage make the life of Fleming worthy of being seen and who loves James Bond tonight, can not help but say, lighting a cigar and a drink: I’m Fleming, Ian Fleming
Sky Atlantic HD every Tuesday night at 21:10

Annunci

2 pensieri su “159. Fleming – Essere James Bond

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...