150. Più buio di mezzanotte

catania

Il biglietto d’acquistare per “Più buio di mezzanotte” è :1)Manco regalato 2)Omaggio 3)Di Pomeriggio 4)Ridotto 5)Sempre

“Più buio di mezzanotte” è un film del 2014 diretto da Sebastiano Riso, scritto da Sebastiano Riso,Stefano Grasso e Andrea Cedrola, con:Davide Capone, Vincenzo Amato, Pippo DelBono, Micaela Ramazzotti,Lucia Sardo.

Catania è una città complessa, umorale e particolare. Al suo interno vivono varie anime in eterna lotta: Tolleranza, perbenismo, machismo, razzismo, ignoranza, allegria e indolenza e ipocrisia.

Mio padre, nato negli trenta e vissuto all’epoca del “Bell’Antonio” di Vitaliano Brancati non diceva neanche la parola “gay”, ma preferiva gridarmi contro che ero”strano” “asociale” e che non avrebbe mai cresciuto un figlio “anormale”. Mio padre sceglieva le ragazze con cui dovevo stare e mi imponeva le feste e seppure non sia mai stato un uomo violento, un paio di volte mi schiaffeggiò perché rifiutavo d’accettare i suoi”consigli”.

La generazione di mio padre misurava la virilità di un uomo e la sua forza dal numero di donne che si corteggiavano.

Nonostante mio padre,  ho sempre amato le donne e la loro compagnia, ma chi ha altri inclinazioni come può reggere certi trattamenti?I padri e le famiglie siciliane del 2014 sono pronte ad accettare la diversità sessuale dei propri figli?

Catania famosa nel resto d’Italia per la sua movida notturna è davvero cambiata rispetto ai tempi del “Bell’Antonio”?

L’esordiente Riso prova a rispondere a queste domande, raccontandoci la storia di Davide(Capone), un quattordicenne inquieto e alla ricerca della sua identità. Vive a Catania con la sua famiglia piccolo borghese e soprattutto tradizionalista. Il regista ci porta fin dalle prime sequenze dentro una Catania diversa dalle cartoline e dalle pagine dei giornali. Lo spettatore osserva come Davide cerchi e trovi la compagnia dei  suoi “simili” e si trovi a vivere e poi sopravvivere per strada e nei giardini pubblici di Villa Bellini Si alternano scene molto crude e secche di un ambiente degradato, povero e dove la prostituzione  diventa l’unico modo per mangiare. Incontri fugaci e occasionali nei vicoli più malfamati della città o nei cinema porno scandiscono la giornata di questa comunità. Sullo schermo vengono presentati una  carrellata di personaggi, che se forse per un istante possono far nascere un sorriso allo spettatore, subito dopo non si può non provare malinconia e tristezza per la loro solitudine abbandonati da tutto e tutti. Davide preferisce la strada alla sua famiglia, dove il padre Massimo(Amato) bigotto e austero non  lo accetta e vuole “guarirlo” dal suo stato anche a costo di fargli iniezioni di ormoni e la madre Rita dolce e affettuosa,ma non in grado però d’aiutarlo e proteggerlo Così Davide per strada  ha la sua prima esperienza sessuale e dopo per fame, è costretto ad accettare “l’aiuto” di un pappone (DelBono). La sceneggiatura, seppure semplice e scarna, riesce  a descrivere con incisività ed efficacia la realtà e soprattutto i sentimenti del protagonista e le sfaccettature dei vari personaggi riuscendo a coinvolgere lo spettatore.La regia  seppure di taglio più televisivo che cinematografico, si dimostra comunque di talento e capace dimostrare il lato nascosto e più oscuro di  Catania grazie anche  una fotografia degna di menzione

Il limite del film è in un ritmo non costante, discreto nella prima parte, lento e discontinuo nella seconda parte. Il film si regge sull’intensa e convincente interpretazione di Davide Capone,  capace di dare un’anima al suo personaggio e di trasmettere al pubblico la varietà dei sentimenti. Una nomination ai prossimi David, ci auguriamo che non manchi. Belli e intensi sono i camei” della Ramazzotti e di DelBono.

Il finale anche se “aperto” è di buona intensità  regalando emozione e complicità allo spettatore, unendosi alla voglia di libertà e indipendenza di Davide in una città e in un famiglia ancora in piena  sindrome da”Bell’Antonio”.

Vittorio De Agrò presenta “Essere Melvin”: http://www.lulu.com/spotlight/melvin2

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...