125. Masters of sex

masters 2

Il sesso è una delle parole più usate e diffuse del pianeta, anche se ancora oggi è oggetto di continui scontri ideologici tra perbenisti e libertini . E’raccontato e descritto,da sempre, nella varie forme d’Arte .Youporn e i siti amatoriali sono spesso intasati dagli utenti. La TV nel corso degli ultimi vent’anni ha in larga parte “sdoganato” questo argomento tabù, anche se tra polemiche e censure. Lo spettatore ha riso e riflettuto con Sex and the City, si è scandalizzato con The L Word, ha osservato con morbosità Californication. Eppure cosa sappiamo del sesso? Perchè la donna finge l’orgasmo? Quale rapporto esiste tra sesso e amore?Cosa prova la donna durante l’orgasmo? Come funziona l’organismo durante l’atto sessuale?
“Masters of sex” è una serie televisiva americana che ha l’ambizioso obiettivo di rispondere a tutte queste domande raccontando la vita privata e soprattutto le ricerche che intraprese sul sesso il ginecologo americano William Masters alla fine degli anni 50.
Ieri sera sono stati trasmessi in esclusiva su Sky Atlantic i primi due episodi. Lo spettatore vede e conosce il Dottor Masters (Michael Sheen) durante una cerimonia di premiazione per le sue brillanti ricerche svolte in ospedale. Appare a disagio, quasi si ritrae di fronte agli elogi del suo Rettore Scully( Beau Bridges). Masters ha una missione da compiere come scienziato. Vuole indagare sulla sessualità dell’uomo e della donna, vuole capire le reazioni chimiche e fisiologiche che regolano questa “attività”. E’ spinto dalla curiosità, vuole scardinare il muro di perbenismo e d’ignoranza che opprime la sua società. Cosi lo vediamo intervistare goffamente e con imbarazzo una prostituta sulle sue esperienze con i clienti. Masters si rende conto ben presto che da solo non può farcela,essendo lui stesso così limitato e ignorante sulle donne. Li viene in soccorso Virginia Johnson(Lizzy Caplan), una giovane ragazza madre, un passato da musicista, ma desiderosa di studiare medicina e soprattutto colpita dalle ricerche dello scienziato. Virginia è sessualmente libera rispetto ai rigidi e canonici schemi imposti della società. Si rivela ben presto l’adeguata spalla di Masters per iniziare quest’ “avventura”. La coppia deve fin da subito combattere contro l’ ostracismo e il pregiudizio del Rettore e del mondo universitario. Le ricerche di Masters sono fuori dagli schemi e si basano sulla ricerca “sul campo”.Vengono reclutati volontari, per studiarli durante “anonimi amplessi”, ma non solo è il sesso il solo protagonista della serie. Lo spettatore conosce Libby (Caitlin Fitzgerald) moglie devota e religiosa di Masters.La coppia vorrebbe avere tanto un figlio, ma nonostante gli sforzi non avviene. Libby si sottopone anche delle cure contro la sterilità, anche se in vero Masters le nasconde un amaro segreto. Invece Lizzy cerca di trovare un precario un equilibrio tra il lavoro e la cura dei figli, dopo due matrimoni falliti e con una vita sentimentale instabile.
Ciò che colpisce fin da subito in questa fiction è la cura e l’attenzione per i dialoghi e per il linguaggio usato. Gli autori affrontano tematiche scomode e imbarazzanti con garbo, ma senza omettere nessun particolare. Pur essendo una fiction, è chiaro l’intento divulgativo e di conoscenza nei confronti dello spettatore. Le scene di sesso sono abbastanza esplicite, ma mai volgari. Lo spettatore rimane colpito dalla figure dei protagonisti, realmente esistiti, che svolgono con passione e determinazione il ruolo di pionieri. La struttura narrativa è ben costruita e sviluppata con intelligenza Forse il limite delle prime due puntate è stato il ritmo lento e i toni compassati che tendono a far calare la soglia d’attenzione e concentrazione del pubblico, nonostante i caldi temi.
La coppia Sheen-Caplan risulta azzeccata ed efficace. Si muovono sulla scena in maniera convincente e coinvolgente, riuscendo a dare ai loro personaggi spessore e qualità interpretativa. Possono essere considerati come i “Mulder e Scully” del sesso, anche se con ruoli e soprattutto caratteri invertiti rispetto agli originali.
Sono di buon fattura e degne di menzione sia la fotografia che i costumi.
Con “Masters of sex” si apre una finestra diversa e innovativa non solo sul sesso, ma in genere sulle relazioni tra uomo e donna e fornendo utili risposte a uno spettatore d’oggi ancora molto carente sul mondo del sesso e affini.

“Masters of sex” ogni lunedi alle 21:10 su Sky Atlantic

Vittorio De Agrò presenta la “Notting Hill” italiana con “Essere Melvin”
http://www.lulu.com/spotlight/melvin2

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...