106. Segnali di Fumo (Andrea Camilleri) – Confessioni di una sociopatica (M.E Thomas)

camilleri

“Segnali di fumo” è un libro di Andrea Camilleri e pubblicato da Utetlibri nel maggio del 2014.
Molti , fin da ragazzi, tengono un diario dove raccogliere tutte le emozioni, le sensazioni e soprattutto i segreti che attraversano una vita.
Il diario diventa il nostro migliore amico e confessore. Il diario è probabilmente la più alta forma di nudità dell’anima. Mettere per iscritto i nostri pensieri rende l’uomo più consapevole e libero.
“Segnali di fumo”è una sorta diario pubblico di Andrea Camilleri. Lo scrittore siciliano regala al suo lettore 142 “segnali di fumo” o se vogliamo riflessioni sul passato, presente e futuro della sua vita e soprattutto della nostra società. Sono brevi, ma intese pennellate che Camilleri lascia in queste pagine.
Scritto con uno stile semplice e diretto, nei “segnali”si alternano toni ironici, melanconici e amari. Il lettore segue con interesse i ricordi personali e lavorativi dell’autore, si diverte con le considerazioni ad alta voce di Camilleri su come e quanto siano cambiati i costumi e la mentalità nella società e spesso concorda con i suoi giudizi negativi sull’attuale classe politica.
Camilleri mostra parte della sua anima e traccia un bilancio della sua vita che lui stesso ammette quasi al capolinea. Un uomo vecchio che conserva però una grande voglia di scrivere e inventare anche se con tanti acciacchi fisici.
Camilleri “privato” piace e coinvolge di più rispetto a quello “politico”, ma da grande artista e da attento osservatore delle cose uomo riesce sempre a regalare spunti di riflessione al lettore.
“Segnali di fumo” è una lettura leggera e rilassante che ti permette di conoscere meglio un scrittore amato e stimato, ma soprattutto hai la sensazione di fare due chiacchiere con un vecchio amico.

Vittorio De Agrò presenta “Essere Melvin”
http://www.lulu.com/spotlight/melvin2

“Confessioni di una sociopatica” è un libro di M.E Thomas e pubblicato in Italia nel 2013 dalla Marsilio Editore.
Ciò che non conosciamo ci spaventa e spesso l’ignoranza porta al pregiudizio e alla diffidenza.
La società ci impone convenzioni ed etichette con una certa superficialità.
L’uomo della strada associa il sociopatico a un uomo malvagio, privo d’emozioni e senza scrupoli, manipolatore e quindi da tenere assolutamente lontano
I libri e soprattutto il cinema negli anni hanno raccontato quasi tutti i sociopatici come assassini,maniaci e stupratori.
Se leggete i vari manuali di psichiatria,la definizione più diffusa di sociopatico è quella di una persona incapace di porsi dei limiti, amorale, aggressiva , sessualmente ambigua e soprattutto bugiarda e megalomane E’ difficile diagnosticare la sociopatia e purtroppo non esiste un modo per guarire da tale condizione e gli stessi farmaci hanno solo un effetto limitato.
Ma chi è veramente un sociopatico? Davvero non prova nulla?Ha una vita sociale? Ha una famiglia? A tutte queste domande e per molte altre, è davvero interessante e stimolante leggere questo libro.
M.E Thomas(pseudonimo) è una affascinante e ambiziosa donna americana, brillante avvocato e professore di diritto, ha tanti amici, praticante e fervente mormona, ma è una sociopatica da sempre.
Thomas racconta senza censura la sua vita con un stile secco e asciutto, ma che coinvolge il lettore. La scrittrice alternando ricordi personali a ricerche e studi scientifici cerca di portare avanti la sua tesi che la sociopatia è una patologia che unisce genetica e stile di vita.
Pur non avendo traumi evidenti nell’infanzia, la Thomas ci racconta quanto i suoi genitori non fossero adeguati al compito di crescere i propri figli e di come fin da piccola era manipolatrice, bugiarda e megalomane. Brillante negli studi con il mimino sforzo e amante della musica, la scrittrice tende a sottolineare come il sociopatico abbia nel suo dna, il carisma per diventare leader e grandi manager, essendo senza scrupoli e incapaci di provare emozioni.
Nel corso del libro ci sono continui paragoni tra l’autrice e “gli empatici”, ma si nota come non sia nessun rimpianto per l’assenza d’emozioni.
Thomas rivendica d’essere “una sociopatica sociale”, cioè di riuscire a controllare i suoi istinti e impulsi e d’indossare una maschera così perfetta da non far capire al mondo esterno, quale sia la sua effettiva condizione. Il lettore leggendo scopre il mondo visto sicuramente da un ‘altra prospettiva e non può che farsi delle domande.
Esistono vari tipi di sociopatici, sostiene la Thomas, non tutti sono delinquenti e criminali, lei non ha mai infranto la legge o è finita in galera. Ama rischiare e manipolare, notiamo come un sociopatico possa annoiarsi facilmente e come l’impulso di danneggiare e distruggere il prossimo . Il sociopatico ama il potere, ma soprattutto desidera il controllo sulle persone a lui vicine , così cerca in tutti i modi di capirne i segreti per poter manipolare.
Il sociopatico “ama” anche se a modo suo , può diventare quasi come una “geisha”, ma può improvvisamente perdere d’interesse.
Mentre leggevo il libro, pensavo all’ “amico” Gigio definito al telefono dal Serioso, come sociopatico, ma tra lui e la Thomas è evidente una differenza. Il primo è privo di coscienza, ma soprattutto è un essere d’indole cattiva e destinato alla solitudine, invece la Thomas sebbene sociopatica interagisce con il mondo e cerca di costruire una vita di relazione e si capisce come la sua anima sia votata al bene.
Thomas prima del libro, ha aperto un blog di successo, dove migliaia di sociopatici scrivono e si confrontano ogni giorno e soprattutto combattono il loro destino di solitudine
“Confessioni di una sociopatica” è consigliato perché apre davvero uno squarcio su una realtà spesso segnata dal pregiudizio. Essere sociopatici spesso è una condanna oltre essere una malattia incurabile. Thomas con la sua confessione avvicina il suo mondo a quello dei “normali”, forse non nascerà un empatia, ma almeno forse potremmo dare una chance e comprendere chi è diverso da noi.
sociopatica

.

Annunci

Un pensiero su “106. Segnali di Fumo (Andrea Camilleri) – Confessioni di una sociopatica (M.E Thomas)

  1. Pingback: 96. Finale di stagione | ilritornodimelvin

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...