72. Il peso delle parole – Parte II

download
I veri giocatori di poker i conti li fanno in ascensore.
In agricoltura i conti si fanno il 31 agosto.
L’avvocato invita la giuria a trarre le conclusioni.
Lo scorso Gennaio vi ho invitato a mettervi comodi e a prepararvi a fare un viaggio.
Siamo arrivati alla fine del “triennio”.
Ora sapete come e perché sono “imploso”.
Prima di raccontarvi la mia “traversata nel deserto” alias terapia,
volevo condividere con voi alcune cose.
Quando ho deciso d’aprire il blog, ero consapevole di ricevere critiche e perché no, anche risate e pernacchie.
In vero con mia grande gioia, in questi otto mesi siete stati davvero buoni e generosi.
Mi avete accompagnato in questo viaggio con sostegno, forza ed affetto.
 In questi mesi ho “navigato” sul web tra siti e forum per diffondere “il mio ritorno” e ho potuto riscontrare interesse e curiosità.
Ci sono tanti forum di mutuo soccorso.
Luoghi dove si cerca aiuto e comprensione.
Il disagio mentale continua ad essere però oggetto di pregiudizi ed ignoranza.
La “diversità” viene spesso derisa.
Chi va in terapia, viene considerato nel 2013  come”un matto”.
Siamo un paese “vecchio” e ancorato ai luoghi comuni.
Potrei raccontare tanti aneddoti, ma non è ancora il momento.
Ma leggendo i regolamenti di alcuni siti e forum, mi sono reso conto perché siamo la patria degli “Azzeccagarbugli”.
I “veri geni”  spesso diventano gestori di pagine e di siti.
Dio ci salvi dai letterati e dagli “aspiranti radical chic”, sono  i primi “ottusi”, credetemi.
Qualche settimana fa una “gentile” Signora,  chissà forse legata da qualche parentela con l’Aspirante mi ha invitato su facebook ad usare con cura le parole perchè mi ero permesso d’usare il verbo “frequentare” descrivendo il mio rapporto con l’attrice.
Ho ovviamente tranquillizzato la Signora.
 Confermo che non ho mai preso un caffè con l’Aspirante.
I “nostri” sono stati sempre incontri pubblici.
Conosco bene il peso delle parole.
Spero che la Signora legga il blog.
Magari la prossima volta potrà” comprendere” il significato oltre il peso delle parole.
Sono tornato per spiegare cosa significa vivere  con il senso di vuoto e l’oppressione nel cuore.
I file mi hanno perseguitato per anni.
La scrittura è stata per me parte della terapia.
Molti dicono”magari potessi andarci io in terapia”.
Farsi curare è, ahimè, costoso, ma non è una passeggiata.
Ho conosciuto tre psichiatri.
Ognuno a modo suo, mi ha aiutato.
Pochi  in questi mesi hanno scritto una propria opinione sul blog.
Alcuni commenti, ho deciso di congelarli, perché li ritenevo non in linea con lo spirito del blog.
Ebbene, è arrivato il momento di leggerli questi commenti.
Lascio a voi, come sempre, ogni giudizio.
Mr Kernel ha cercato di farsi pubblicare questo commento il 17, 18 e 19 Gennaio sul post “Il peso delle parole”
“Carina”(personalmente trovo che sia un becero modo di “conquistarsi”dei lettori) l’idea dei complimenti ricevuti nel passato…anche se sono convinto,che bastava semplicemente l’ultima citazione:”Sei un immaturo. Ma quando cresci?Vai VERAMENTE dallo psicologo”.
La vita è una fiction??Alla tua età(35aa?) pensi ancora questo?Ti alzi la mattina e ti leggi nella tua testa il copione della giornata,di quello che farai,non farai e delle cazzate che ti accompagneranno durante la giornata?Ancora non hai capito che la vita è tutto tranne che una fiction?Non hai il ciak,se fai una cazzata(e da quello che scrivi di sicuro ne hai fatte tante se non troppe)non puoi chiedere di ripetere la scena.
Dici di essere morto il 31/07/2009,io credo esattamente il contrario.
Se ora stai qui con tuo blog…Tu sei nato il 31/07/2009 come rappresentazione triste di uno spaccato della società attuale.
Ma poi scusa…Chi mai dovrebbe preoccuparsi di un tuo ritorno?Orgoglio ferito?Bah..per ora leggo un miscuglio di parole che fanno pensare che un bel TSO non ci starebbe cosi male.
Con tanto affetto ed immuata stima”
Il 20 Gennaio sempre Mr Kernel  sul post “Il Crollo”
“Bello….Molto bello….Quasi commovente”
Il 24 Gennaio tale Richard Parker sul post “Il Crollo”
“avrei scritto questa pagina esattamente così, con il profumo amaro del dolore. Complimenti”
Il 27 Gennaio Semplicementenivlem sul post “Il passo più difficile Parte IV”
“Melvin, è difficile non essere stupidi, testardi e orgogliosi. La tua ombra non è più pesante di tante altre, io la chiamerei semplicemente normalità e hyde è sempre li affianco a te, adesso hai solo deciso di lasciargli meno spazio. E sopratutto, Melvin, non si fanno i conti con il passato; è il passato a fare i conti con noi.
Il 30 Gennaio  Semplicementenivlem sul post “Un Nuovo File”
“Non sono del tutto sicuro che le mie ipotesi stiano prendendo forma. Di una cosa sono certo però, non credo che ne avrò mai certezza. Giusto melvin?”
Il 31 Gennaio Richard Parker sul post” Solitudine Siderale”
“Bentornato sig.Melvin, leggendo il Suo racconto mi chiedevo se non sia eccessivamente spietato con sè stesso. Deve aver fatto cose ben più orribili del mentire. Mi perdoni la franchezza.
Continuerò a seguirla per comprendere la Sua diversità e conoscere le Sue colpe. Auguri.
Richard P.
Il 2 Febbraio Richard Parker sul posto” Un Nuovo File Parte II”
“Gent.mo signor Melvin, ho provato a lasciarLe qualche commento ma non ne trovo traccia, se ho ferito in qualche modo la Sua sensibilità, mi creda è stato del tutto involontario e me ne scuso. Il  Suo racconto è interessante e sono molto curioso.
Cordialmente
R.P”
Il 4 Febbraio Richard Parker sul post “ Un Nuovo File”
“Tanto più si è galantuomini più le colpe appaiono gravi, è la legge della relatività mi pare. Ora bisognerà vedere”
Il 7 Febbraio Mr Kernel sul post “Navigando qua e là- Parte I”
“Lo ammetto,sono sorpreso …
Melvin è tornato.
Il mio primo pensiero, appena appresa la notizia è stato :”Cosa avrà in mente questa volta?”In questi 4anni di silenzio,diverse volte mi sono domandato che fine aveva fatto il personaggio Melvin,che fine aveva fatto Melvin, e se entrambi avessero trovato la serenità.
Si,parlo di due entità separate,non posso credere che Melvin(la persona che mi è stata vicina in diversi momenti) sia cosi coglione e bugiardo come il personaggio Melvin.
Non posso negare di essere ancora deluso, dal comportamento che hai avuto con me e gli altri ragazzi,tutte persone che si erano dimostrati comprensivi con te e di sicuro non c’era alcun bisogno di inventare un finto male per avere i loro consensi …A loro andavi bene cosi… ma evidentemente non andava bene a te stesso.
Ho letto divertito le tue prime comparsate(certo stai romanzando un po’!!) su Worldpress e mi hanno ancor più divertito i commenti miei che hai bloccato … Da futuro “scrittore” devi anche saper accettare le critiche,non trovi?Probabilmente ti avrà suscitato ansia leggere il mio commento …
Certo il mio lo cancelli ed i commenti polemici se non peggiori del mio li lasci????
Si okei lo ammetto,forse-ho un po’ esagerato ,come primo post critico a fare un attacco cosi forte a quello che avevi scritto,ma ahimè in fondo mi conosci,a volte sono impulsivo e non mi regolo.
Sai la cosa che mi ha più dato fastidio,non è tanto l’immensa cazzata colossale che avevi costruito sulla tua malattia(io ero certo al 99% già da marzo che era una stronzata apocalittica e che parlavo con te e non con tuo fratello… ma ahimè la paura di sbagliarmi su un argomento cosi delicato ci stava),ma tutto quello che c’è stato dopo A partire dalla telefonata tua(che ti spacciavi ancora per tuo fratello)dicendomi che eri “resuscitato” e finendo con tutte le minacce che mi hai fatto via sms ,dopo il nostro incontro dove cercavo spiegazioni del tuo gesto..Come se io avessi o dovessi avere paura di te..
Mi “auguro”fosse un attacco psicotico e che non eri in te,altrimenti avevi sfociato ulteriormente nel ridicolo.
Penso di aver capito il motivo profondo per cui hai deciso di aprire il blog,ed evidentemente se a distanza di 4anni non sei riuscito a distruggere i tuoi scheletri nell’armadio,vorrà dire che hai fatto e che stai facendo un percorso lungo e difficile.
Spero che tu riesca tramite questo blog a riscoprire la tranquillità e la serenità di cui tutti abbiamo bisogno. Sono certo che la tua famiglia ti abbia sostenuto in questi anni difficili e continuerà a farlo,da quel che ricordo tu ed i tuoi fratelli eravate molto uniti,ed immagino che anche tua mamma ti sia sempre vicino.
Come medico(ahimè il tempo passa per tutti)posso “capire” i tuoi comportamenti,visto che non eri in te,ma come uomo rimango ancora colpito dal castello di sabbia che avevi costruito e sono basito dal fatto che non vedevi come sarebbe bastato poco a far crollare tutto.
Se può alleviare i tuoi sensi di colpa,da parte mia hai la comprensione di chi sa di avere di fronte una persona che non è stata bene e che forse manco ora ha trovato il bandolo della matassa per stare bene,ma si sta sforzando per venirne fuori.
Sono tante le domande che mi passano per la testa da farti,ma come sempre per me è più divertente sapere prima la risposta e poi domandare,sono sicuro che avrò(avremo)tempo e modo di rispondere ai miei quesiti.
Conscio del fatto che probabilmente cancellerai anche questo messaggio,l’importante è che tu lo legga,non ci tengo al fatto che venga pubblicato,anzi preferirei lo cestinassi come gli altri,l’importante è che sia tu a leggerlo.
Mi sembra giusto chiudere questa mail nella maniera più classica in ricordo dei vecchi tempi.
Con tanto affetto ed immutata stima
Mr.Kernel”
8 Febbraio Richard Parker sul post “Navigando qua e là”
Signor Melvin, se non ha mai fatto male a nessuno, perché allora dovrebbero dare giudizi negativi su di Lei?”
8 Febbraio Tutankhamon sul post “Navigando qua e la- Parte I”
“Si percepisce molto da quello che scrivi, che provi ancora dolore per la perdita di tuo padre ma soprattutto un senso di colpa nei suoi confronti, perchè pensi di averlo deluso in qualche modo, come pensi di aver deluso la tua famiglia.Spero davvero che mettere nero su bianco tutta questa tua storia possa aiutarti ad uscire dalla fantasia e a confrontarti con la realtà. Sicuramente il fatto che tu ammetta dei tuoi errori, dei tuoi sbagli..è già un grande passo. E chi ti è stato amico, e leggerà queste tue parole, lo apprezzerà.”
14 Febbraio Richard Parker sul post “Nuove Conoscenze”
“Peccato, aveva iniziato in modo accattivante…”
17 aprile Richard Parker sul post”Il Malato Immaginario- Parte I”
“mi perdoni, ma la figura dello Splendente appare poco credibile, sembra solo un buffo personaggio che fa da “spalla” a un saltimbanco. Tranquillo, mi censuri pure, ci ho fatto l’abitudine :)”
Il primo maggio,Ylou con la stessa email di Mr Tutankhamon , sul post” Vita da set- Parte II”
“La tua storia è avvincente. Non so fino a che punto sia reale o meno, ma scrivi in un modo che crei quasi “dipendenza”…come un libro che si legge pagina dopo pagina velocemente, senza accorgersene, con la curiosità di sapere come va a finire!”
Avete letto? Fatta una idea? Bene.
Dimenticavo di dirvi che Mr Kernel è l’Oscuro alias Gigio.
Kernel era il nick name che Gigio usava sul forum dell’Aspirante.
Quando a Gennaio decisi d’aprire il blog, ritenni opportuno avvisare i ragazzi del forum.
Il Lumacone che con il tempo è diventato più intelligente ha avvertito l’Oscuro.
Così Gigio ha rotto il silenzio durato 4 anni..
Come ormai avete capito per me il tempo è galantuomo.
Lo Splendente mi ha sempre detto negli anni  della terapia di  fare pace con il passato e di voltare pagina.
Gigio e gli altri personaggi del Mondo dei Balocchi, per come hanno reagito al “mio ritorno”,  mi hanno fatto capire che hanno davvero la muffa dentro gli armadi oltre gli scheletri.
Il mio tempo è scaduto.
Ringrazio di cuore gli amici che mi stanno aiutando in questa avventura.
Non li cito ancora, verrà il momento.
Tornate a mettervi comodi.
Il viaggio continua….
Il prossimo post sarà pubblicato Lunedì 16.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.