65. Un lento declinare

1075117_10201135653045971_910854404_n
C’è un limite alla stupidità e al ridicolo?
Il grottesco è diventata anche una forma d’arte.
Si dice chi ha un esperienza di coma, viva un’ esperienza unica.
Mi sento come uno che si è svegliato da un lungo coma.
La mia razionalità si è inabissata per un anno e mezzo.
Ricostruire le tappe della mia follia è imbarazzante.
Attendo il mio turno, scrivendo e cancellando nervosamente gli appunti d’oggi.
Sono nervoso, vorrei essere altrove, ma non so dove.
Lo Splendente mi fa segno d’entrare.
Ci salutiamo.
Decido di rimanere in piedi.
Mel come và?
Oggi male Dottore. Mi scoppia la testa. Non mi piace quello che devo raccontarle.
Sto vedendo davvero la parte più buia della mia mente.
Mi vergogno veramente tanto.
Sento il ridicolo sulla pelle.
Lo Splendente si avvicina e mi sorride.  Sai che ho visto la famosa intervista?
Mi è piaciuta molto e Ginevra in effetti è una bella ragazza.
Aveva ragione tua madre: L’Aspirante durante l’intervista era emozionata.
Devi fare pace con questa storia Mel, solo così questa vergogna ed imbarazzo spariranno.
Cosa succede dopo la confessione choc dell’Oscuro?
Ripartiamo Mel, è l’unico mondo per eliminare i fantasmi.
Ricordo che Godot era ospite di una trasmissione televisiva per presentare la riedizione dello spettacolo teatrale del 2007. Seguiì l’evento per il forum.
Registrai il programma e scrissi i miei post come Piero, sarebbe stato il mio contributo alla “causa Aspirante”
Ormai ero al capolinea non c’è la facevo più a reggere tutte queste bugie.
Era il periodo in cui l’Italia si spaccò per la questione di Eluana Englaro.
La triste e drammatica storia della giovane ragazza rimasta in coma per oltre 20 anni dopo un incidente stradale.
Ero molto turbato dalla vicenda.
Leggevo i giornali e seguivo gli speciali in tv.
Anche se era un caso molto diverso, mi sembrava che anche il personaggio Melvin stesse subendo un supplizio inutile.
Stavo meditando un via d’uscita.
Una sera ci fu una discussione a tre sul messenger con il Play boy e il Lumacone.
Entrambi cercarono di scuotermi dal mio torpore e apatia.
Ormai non facevo altro che lamentarmi e invocare la”mia morte”.
Il Lumacone attaccò”Mel sei cambiato, prima eri sempre cosi positivo e allegro, parlavi raramente della tua malattia ora è il contrario, cosa ti succede?”
Il Play aggiunse”Mel, fatti aiutare. Ti siamo amici. Non sei malato.
Salva la poca credibilità che ti resta. Vuoi davvero farti fare il funerale sul web?
L’Educando dice che l’Oscuro va raccontando queste cose sul web.
Ti rideranno tutti dietro, cinque minuti dopo.
Mi chiedo cosa penserebbero di tutto questo l’Aia.   Ti hanno visto arbitare Mel!”
“Play cosa dici? Io sono in Sicilia. Sto male, cosa posso farci?”
Il Play si arrabbia”Tu ormai credi solo a quel pazzo di Gigio. Lo capisci che non ti è amico?!
Tutti l’hanno abbandonato e tu farai la stessa fine.
Ginevra ormai prova solo pena per entrambi.
Ti ha amato Mel .L’ho vista piangere per te ma ormai tutto è perso. Almeno pensa a te
Dove sei adesso?”
Sono scosso dalla sua durezza”Ancora Godot? Ma cosa c’entra con me? Sto morendo”
”Mi sono stancato. Fai come vuoi. La vita è tua, se vuoi rovinartela.”
Il Lumacone riprese”Riccardo magari è un po’ duro. Siamo solo preoccupati per te.
Non parlare troppo sul messenger, ma se vuoi farlo, non parlare di morte e cose simili.
Lascialo perdere Gigio. Ha problemi seri da risolvere”.
A giorni sarebbe iniziata in Tv la terza stagione di Qualcosa è Cambiato.
Mi sentivo lontano e distante da tutto. Non ne potevo più
Ricordo che scrissi come Melvin sul forum un post in cui incitavo tutti all’Unità e poi “designavo” l’utente Educando come mio successore.
Avevo letto i suoi post, aveva una stile interessante come scrittore
La sera della prima di “Qualcosa è Cambiato, mi collegai come Piero sul messenger e parlai con il Lumacone per comunicargli che Melvin aveva avuto una nuova pesante crisi e che per la terza volta era andato in coma ma che stavolta non c’erano speranze.
Invitai il Lumacone a diffondere la voce.
Speravo che la notizia potesse scuotere Gigio dalla sua negatività e farlo uscire dal tunnel.
Non so dirle Dottore, quali fossero i motivi che mi spingevano a continuare a dire queste minchiate ormai indifendibili e ridicole.
Ormai ero lanciato in un progetto di autodistruzione, credo.
Dissi al Lumacone di avvertire l’Oscuro.
”Non ti preoccupae Piero ci penso io. Non so cosa dire. Sono senza parole.
Tuo fratello non può lasciarci così. E’ un combattente”
Andai a dormire quella sera, con un senso di leggerezza e nello stesso tempo mi sentivo avvolto da un velo di tristezza e di vuoto.
Credevo che fosse l’epilogo di una avventura assurda e grottesca.
Ovviamente non avevo riflettuto sulle conseguenze delle mie azioni.
Ricordo che accesi il cellulare alle sei, dovevo andare in campagna.
Ero stanco, avevo dormito male, mi faceva male la testa
Mi arrivò un sms dell’Oscuro in cui implorava Piero di non staccare la spina a Melvin:
”Per favore Piero, ti scrivo quando sono le 4 di notte, non riesco a dormire.
Ho saputo di tuo fratello.
Non staccare la spina. Ho bisogno di tuo fratello. Mi ha promesso che sarebbe rimasto al mio fianco.
E’ l’unica persona che mi è rimasta”
Quelle parole mi colpirono molto. Gigio aveva bisogno del suo amico Mel, anche se fasullo.
Non potevo far calare il sipario sulla vicenda, almeno non subito.
Dovevo gestire ancora una volta l’emergenza.
La sera sul messenger come Piero parlai con l’Oscuro
Mi chiese subito notizie di Melvin era sconvolto”Piero per favore non staccare la spina. Tuo fratello è il mio migliore amico
E’ come un fratello maggiore per me.  E’un esempio per me
Ha realizzato tutti i suoi sogni. Tua madre è orgogliosa di lui.
Io invece sono un fallito,  sono un buono a nulla. Per favore non portarmelo via.
Sono commosso e confuso ma intervengo”Oscuro cosa dici. Sei una brava persona.”
Lui riprende”Mio padre sta male. Sono una delusione per lui. Lasciami andare. Non riesco a trattenere le lacrime” e chiude il collegamento.
Sono paralizzato. Tutto si sta complicando
Il Play mi contatta e mi dice di leggere a Melvin un suo messaggio d’addio.
Ricordo solo le prime parole”Caro Mel, ci siamo conosciuti tanto tempo fa sul set.
All’inizio, tra di noi ci furono incomprensioni ma poi siamo diventato grandi amici.
Ricordo il primo giorno che ti vidi con il bastone e con un libro in mano. Eri curvo, buffo magari eri già piegato dal dolore.
Mi hai insegnato tanto in quei mesi di set. Sei stato un grande amico. Buon viaggio Mel”
Parlo come Piero sul messenger anche con Silvio, fondatore del forum, “Qualcosa è Cambiato fan Club”
” Mi dispiace molto per tuo fratello. Non ho avuto modo di conoscerlo. Chi l’ha conosciuto ne conserva uno splendido ricordo:simpatico, leale, onesto. Un Vero galantuomo. Non posso fare altro che pregare per lui”
Mi sento morire dentro e chiudo la discussione con laconico”Grazie”.
Contatto l’utente Educando come Piero e gli consegno password per entrare nel forum con il nickname Melvin per cosi vorrebbe mio fratellogli dico.
Rifiuta su invito  e consiglio del Lumacone.
L’Educando non mi aveva mai conosciuto di persona.
Ormai mi riteneva inaffidabile, come dirà qualche giorno dopo al Play boy.
Ho perso il controllo, mi faccio trascinare dagli eventi e dalle emozioni.
L’Oscuro mi chiede costantemente notizie di Melvin e mi informa che è stato invitato dall’Aspirante per il suo compleanno.
Ascoltata la notizia gli dico”Oscuro, sono sicuro Melvin che sarebbe felice se potessi riferire  all’Aspirante che mio fratello gli è grato per i bei momenti passati sul set.
Probabilmente sono gli ultimi veramente di vita vissuta intensamente. ringraziarla di cuore”
L’Oscuro disse che avrebbe fatto volentieri d’ambasciatore.
Alcuni giorni dopo il Lumacone  e il Play mi contattano sul messenger , sono furenti.
Il primo attacca”Piero cosa hai  fatto dire all’Aspirante con Gigio?”
Mormorai”Nulla, un semplice saluto perchè?”
”Ginevra mi ha contatto furente. Dice che Gigio alla festa ha dato “spettacolo” .
Dice che era stato invitato per compassione, ma il suo atteggiamento è stato inammissibile.
Tu cosa ne sai?”
Cado dalle nuvole e attacco”Credimi Umberto non ne so nulla. Gigio doveva solo portare un breve messaggio all’Aspirante”
Il Play intervenne”Piero io neanche ti conosco. Non so neanche se esisti.
L’Aspirante ha cominciato a dire cose strane sul tuo conto e su tuo fratello. Ci ha accusato di essere complici di due pazzi. Diceva che non vuole più vederci e che per quanto la riguarda Melvin è morto oggi
Ha scritto che lei e la sua famiglia l’hanno aspettato per un anno, ma dopo la scenata di Gigio, la pazienza è finita.
Se continua con l’ idiozia della morte, non vuole più vederlo.
Se si azzarda a farsi vedere dopo, chiamerà il 118.
Il dottor Serioso è pronto a farlo rinchiudere.
Il Serioso non è pìù sicuro che la memoria di tuo fratello sia davvero danneggiata.”
Sono sconcertato e sconvolto”Ma perché la famiglia dell’Aspirante è cosi arrabbiata?
Cosa è successo di preciso alla festa?”
Il Play attacca”Ginevra ha detto che se continua la sceneggiata, lei alla fine manderà una corona di fiori, ma poi saranno cavoli di tuo fratello.
Io ho provato a difenderlo ancora una volta come feci spesso sul set ma lei mi ha bloccato dicendomi”Siete gli unici che credete ancora alle sue bugie”
 Il Lumacone riprese”Sai Piero, Riccardo è scosso quanto me, Ginevra era davvero arrabbiata.
Non sai quante cattiverie ha riversato suo tuo fratello. Ci ha detto che vuole vedere se almeno hai il coraggio di rispettare la promessa fatta a suo padre.
Secondo Il Serioso ormai è tardi
Io l’ho convinta, almeno spero, che Gigio alla festa ha fatto di testa sua.
Non potevo credere che tu fossi il mandante di questo delirio.
Prima di chiudere il collegamento sembrava più tranquilla ma mi ha confermato la storia della corona.
Comunque da stasera per favore evita alcun contatto con Gigio.la situazione è difficile”
Ovviamente cerco risposte e contatto l’Oscuro. Gli chiedo lumi sul compleanno
”Ho fatto come volevi Piero, ho riportato il tuo messaggio a Ginevra e alla sua Famiglia.
Lei e la madre sembravano le più colpite”.
Gli domando dei particolari e del colloquio avuto con il Lumacone e borbotta
”Umberto è solo geloso. L’ho pure chiamato durante la festa per fargli salutare Ginevra”.
Qualche sera dopo, mi sento cosi solo e triste che cerco un pò di compagnia sul forum
Comincio a parlare con il Lumacone. Anche lui è malinconico e attacca
”Sai Piero, spesso ho pensato a tuo fratello in questi mesi.
Ho immaginato la sua vita prima della malattia .
L’ho conosciuto malato ed era una forza della natura, chissà come era prima.
Non ho mai conosciuto una persona cosi tenace e testarda. E’ l’anima di questo forum .
Gigio vaneggia il ritorno in grande stile del forum sul web ma ormai questo è un forum di fantasmi.
Tutti ci ridono dietro.
Io e Mr Pazienza eravamo tentati di lasciare ma non vogliamo farlo per tuo fratello.
Abbiamo sempre creduto al suo ritorno. Sai quante volte in questi mesi avrei voluto parlare con Mel:non ne ho avuto il tempo ne il coraggio.
Stasera non riesco a dormire e voglio pensare che dall’altra parte dello schermo ci sia tuo fratello. Quante cose vorrei dirgli.
E’ stato un magnifico testardo. Ha fatto grandi cose per noi tutti. Ci ha portato a un passo dal Paradiso.
Poi è voluto andare via.
Quel giorno sul set quando ho parlato con Ginevra è stato incredibile.
Si è messa a piangere davanti a me. Diceva che rivoleva il suo amore.
Pensa che conservava dentro la roulotte tutti i suoi post.
Non ho mai visto una storia d’amore cosi bella.
Noi facciamo il tifo per lui.
Leggo e sono scosso da una strana sensazione ma scrivo”Mio fratello e l’Aspirante non sono amici.
Non so di che cosa parli. L’Aspirante ha maltrattato mio fratello a Villa Borghese””
”Non so perchè tuo fratello abbia voluto negare tutto. Non so neanche cosa sia successo a Villa Borghese ma so solo che ha voluto proteggere Ginevra da se stesso fino in fondo.
Lei lo sta ancora aspettando.
L’altra sera sul messenger mentre ci insultava ma capivo quanto fosse ancora legato a tuo fratello. E’ un legame forte .
Quando nel Gennaio del 2008 andai alla presentazione della seconda stagione di “Qualcosa è Cambiato”, avevo intuito che Ginevra avesse una cotta per tuo fratello.
Figurati che telefonai all’Oscuro per dirgli sconvolto che l’Aspirante voleva farsi il demente e che doveva sbrigarsi a tornare ma adesso ho capito quanto questo sentimento fosse forte.
Quando sul set io e il Play abbiamo raccontato come stava tuo fratello, tutti i tecnici si sono avvicinati.
Credimi è stato una scena incredibile. Molti si sono messi a piangere.
Mel è uno di noi dicevano.
Lo stesso Grillo Parlante era commosso”Deve tornare, qui c’è posto per lui”.
Mel deve svegliarsi,Piero.Deve tornare. Leggili queste mie parole, magari potranno servigli come da guida. Si merita questa gioia ha sofferto tanto nella sua vita. Sarebbe davvero come un film”
Mormoro solo”Ok Umberto, riferirò” .
Lo Splendente scrive qualcosa e poi mi sorride:E’ chiaro che il personaggio Melvin ha nauseato  anche te.
Sei diventato prigioniero delle tue debolezze.
La crisi dell’0scuro ti spaventa.
Era diventato  un punto fermo degli ultimi anni, eri chiamato ancora una volta a metterti in gioco almeno per amicizia, ma ancora una volta il panico ti assale.
L’Oscuro andava a preso a pedate, ma questo non l’avrebbe mai fatto il tuo personaggio.
La tua mente ormai è entrata nel caos. Rimuovi ogni tentativo esterno di salvataggio.
Le parole del Lumacone come ti ho detto altre volte possono significare tutto o nulla.
E’ inutile soffermarci a fare ipotesi. Ormai è tardi per questo.
La sensazione che ho personalmente è quella di una ragazza che non ha digerito un rifiuto.
Eri dentro un film tra Ballerine, Sabaude e amici rompicoglioni che non c’era spazio per un sbiadita immagine televisiva.
Mel sei pallido, vuoi un bicchiere d’acqua?
Pensavo ad Eluana Englaro Dottore. Il destino le ha negato di vivere.
E’ rimasta prigioniera per vent’anni dentro il suo corpo.
L’Italia si è spaccata su di Lei.
Ricordo la sua foto sorridente di 18 anni.
Ho inventato per ben tre volte il coma per Melvin e i ragazzi del forum ci hanno sempre creduto.
Chissà cosa ha provato Peppino Englaro a staccare veramente la spina alla figlia.
Le parole del Lumacone me le ricorderò come tanti accadimenti nel settembre del 2009.
Come le ho detto tante volte, questa storia ha un lato misterioso.
Forse ha ragione Lei, oggi non ha più senso scoprire la verità ma i dubbi restano.
L’Aspirante non accettava un rifiuto dice?
Forse, ma chi accetterebbe un rifiuto di un cretino?
Mel, la tua storia è drammatica, lascia perdere la cretineria..
Sospiro e poi sorrido: Dottore ognuno ha i suoi rospi da mangiare. Questo è il mio. Alla prossima.
Il Prossimo post sarà on line Lunedi 5 Agosto 2013
Annunci

2 pensieri su “65. Un lento declinare

  1. proseguendo nella lettura di questo – romanzo? diario? non saprei come definirlo, ma non ha importanza – mi pare che sia sempre più evidente lo ‘sganciamento’ del protagonista dalla realtà, intendendo per tale quella reale.
    L’originalità della storia di Melvin sta comunque nel fatto dello stare tra due realtà, quella vera e quella virtuale, che interagiscono nella vita del personaggio, fino a confondersi nella sua mente.
    I soggetti non hanno un nome ma un nick, l’ambiente della storia la scena della fiction e quella del forum: i personaggi sembrano stereotipi, più che veri esseri umani.
    Melvin che racconta però è una persona reale, anche se vive in uno strano mondo finto, un paese dei balocchi dove finisce per trovarsi spaesato.
    Però mi sembra che, nonostante ne sia rimasto scottato, questo mondo dei balocchi non lo voglia abbandonare, ma piuttosto rielaborarlo nel ricordo e nel racconto, rivivendone tutti i passaggi.
    Non sono psichiatra, quindi gli auguro di tutto cuore che sia la terapia giusta; probabilmente lo è, però a condizione di non ricadere in nuove illusioni

    • Gentile Sgra Orsa,
      La Ringrazio d’essere ripassata a leggere
      Ribadisco ancora una volta che Il Ritorno di Melvin è un esercizio terapeutico scritto su consiglio e sostegno del mio psichiatra.
      La scrittura è stata parte integrante della terapia.
      Ricordare ed rievocare i fatti, anche se dolorosi ed imbarazzanti, servono al protagonista per accettarli e superali.
      Stia tranquilla Sgra Orsa, ogni post pubblicato spegne un illusione.
      I file vengono bruciati, era questo lo scopo del blog.
      Melvin racconta i personaggi che hanno popolato il suo mondo dei Balocchi.
      E’ vero ci sono due realtà che si confondono.
      Melvin non riuscirà più a tenerli distanti.
      Sarà uno dei motivi dell’implosione, Sgra Orsa.
      Nessuna voglia di revisione, ma solo il desiderio di liberarazione dai fantasmi della mente!
      Continui a leggere e mi creda avrà le sue risposte
      A presto!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.