61. Io, Il Lumacone e il Play boy

images (1)
Spesso ci si ritrova in mezzo a un litigio o una discussione senza capirne il motivo.
Essere più realisti del Re si dice.
Chi di spada ferisce, di spada perisce.
A forza di mentire spesso ci si dimentica della verità.
Pinocchio incontrò il gatto e la volpe nel suo viaggio alla ricerca del suo mondo dei Balocchi.
Io, invece, ho trovato personaggi stravaganti ed invasati per un’ immagine televisiva.
Chissà cosa penserebbe Collodi del mio mondo dei Balocchi per adulti.
Più scavo nella memoria, e più mi interrogo su come siano stati possibili certi accadimenti.
Se non fossi io il protagonista di questa grottesca vicenda, avrei da tempo cercato uno sceneggiatore per scriverci una storia.
Forse ha ragione lo Splendente, a volte sembra davvero d’essere dentro un film.
Sono un po’ in ritardo, spengo il sigaro ed entro nello studio.
La bella segretaria ha già pronta la fattura e come sempre mi accoglie con un sorriso.
Ho appena il tempo di rivedere gli appunti, quando la porta si apre.
Ciao Mel come stai? Come è andata la settimana?
Nulla di particolare Dottore: soliti File, solita rabbia, solita malinconia.
Niente donne dunque?
No Dottore, se vuole le parlo di Flavia e Caterina?
No Mel torniamo al 2008, c’è sempre tempo per le tue Madonne.
Ai primi di settembre ci fu il matrimonio di mio cugino.Fu un’altra cerimonia molto bella ed coinvolgente. Ma nella mia testa c’era spazio solo per la Ballerina e per Carlo, che continuava a lamentarsi di Vittoria e nel frattempo aveva cominciato a sentirsi con Marilù.
Finalmente completai il lavoro in campagna.
Dopo tre giorni di duro lavoro con gli operai avevo messo a dimora mille piante.
Era il primo passo di modernizzazione della campagna.
Ero davvero orgoglioso di me, tanta fatica era stata ripagata.
Prima di partire per Roma decisi di vedere una sera Alice.
Volevo capire quanto fosse coinvolto nell’affair Vittoria.
Non potevo credere che la mia amica avesse deliberatamente contribuito a ferire il mio fraterno amico.
Alice mi diede la sua versione tra le lacrime, visto che aveva appena litigato con Ciccio .
Decisi di sospendere il giudizio, vedendola cosi triste, mi si strinse il cuore.
Lo Splendente scuota la testa: Carlo ti carica di una responsabilità eccessiva, avanza delle pretesi infantili.
Tu reagisci con Vittoria con stizza e rancore. Non accetti di vedere il tuo amico soffrire.
La delusione del Festival di Danza paradossalmente accende ancora di più il file,
non vuoi arrenderti all’evidenza.
Come vedi il forum è scomparso nella notte dei tempi.
Che succede a Roma?
Tornai a Roma per via degli impegni arbitrali. Feci come sempre il raduno di inizio stagione. Presentai pure il certificato medico agonistico in sezione. Volevo continuare ad arbitrare.
Sentivo la mancanza del campo, anche se la mia schiena mi impediva d’ allenarmi con continuità. Ero pronto a fare qualche gara di giovanissimi.
Una sera di settembre Carlo mi invitò a cena. Tra gli invitati c’era pure la famosa cugina Pulcherima. Era in visita, viveva sfortunatamente a Milano.
In effetti dal vivo era anche più bella. Aveva una carattere forte. Era simpatica e molto di sinistra.
Carlo mi prese in giro per tutta la sera”Mel mi sembri distratto.”
”Caro Carlo , ho capito perchè ti ho sopportato per tanto tempo, il premio era conoscere tua cugina”
Arrivò l’autunno e ripresi anche l’attività come osservatore arbitrale, la prima ufficiale.
Come sempre, mi impegnai con grande passione nel giudicare le prestazioni dei colleghi.
Ci mettevo impegno e volontà. ma una volta tornato a casa, trovavo enormi difficoltà a trascrivere le mie sensazioni e giudizi. sul referto Mi sentivo  bloccato .
Giulio mi sosteneva e tranquillizzava dicendomi che ero ancora inesperto. ma sentivo salire una sensazione d’inadeguatezza al ruolo.
Carlo stava intensificando il rapporto con Marilù. Ero contrario, mi sembrava un grosso errore.
Mi sembrava solo un sorta di ripicca e di vendetta nei confronti dell’Ottima.
Cercai di convincerlo, ma Carlo non volle sentire ragioni.
Fui altrettanto chiaro”Carlo, se fai questo passo, io mi tiro fuori. Non ne voglio sapere nulla.
E’ evidente che Marilù è un ripiego”.
Intanto sul forum la situazione sembrava tranquilla Osservavo tutto con noia mista a malinconia. Solo l’Oscuro ormai sembrava interessato alla mia sorte.
I ragazzi fecero un nuovo raduno a Roma, con mia sorpresa pochi giorni dopo il Play boy mi inviò un video:
C’erano Lumacone,Mr Pazienza, Gigio, Lady Oscura e una nuova utente Raffaella.
Erano a tavola con un posto vuoto.
Il titolo del video era”Mel ti aspettiamo.”
Uno alla volta mi salutavano e si auguravano di vedermi presto con loro”
Ricordo che guardai quel video decine di volte. Ero travolto dalle emozioni.
Non pensavo possibile che nonostante un anno d’assenza i ragazzi fossero ancora legati a me
Qualche giorno dopo guardavo come Piero alcune foto di set  con protagonista l’Aspirante e gli altri giovani attori.
Il Lumacone e il Play boy erano andati sul set a salutarla.
Ero curioso di sapere i dettagli. Così mi collegai sul messenger con entrambi come Piero
Il Play boy mi chiese subito” ciao Piero, tuo fratello come sta? Abbiamo tante notizie da dargli. l’Aspirante ci ha chiesto di lui. Era davvero preoccupata.”
”Scusami Riccardo, ma da quanto ne so, mio fratello e l’Aspirante non si vedono da un anno,
 e l’ultima volta non fu proprio piacevole”
Il Play riprese”Io non so cosa successe un anno fa, ma ti assicuro che Ginevra ci tiene a tuo fratello”
Intervenne il Lumacone”Piero credimi, Riccardo ha ragione. C’ero pure io.
All’inizio l’ho presa in giro come era vestita e credimi ho subito pensato cosa avrebbe detto tuo fratello al riguardo(in effetti Dottore dalle foto Godot sembrava Peter pan, indossava un vestito verde a dir poco ridicolo). Pensa, neanche l’avevo riconosciuta da lontano!.
Piero, vorrei parlare con tuo fratello.
Ci sono alcune cose che vorrei dirgli. E’ possibile sentirlo?”
Borbottai”Vedrò cosa posso fare”
Ricordo che aspettai una decina di minuti e mi ricollegai stavolta come Melvin
Il Lumacone e il Play mi accolsero in maniera festosa chiedendomi della mia salute.
Li ringraziai del video. Iniziarono di nuovo a raccontarmi del loro incontro con Godot.
Li bloccai”Ok ragazzi, Piero mi ha raccontato tutto, cosa c’è di cosi importante da convocarmi?”
Il Play iniziò”Mel, Ginevra voleva sapere quando torni e che tutti sono preoccupati.
Gigio le dice che stai sempre male. Non capisce più quale sia la verità”
Riprese il Lumacone”Figurati Mel che Ginevra aveva messo in dubbio il tuo stato di salute e che fosse tutto una bugia. C’erano pure vicino a noi altre ragazze di un altro forum che si sono messe in mezzo avanzando il dubbio che neanche i tuoi scritti fossero opera tua.
Io lì non ci ho visto più Mel, ho dovuto dire la verità.”
”Quale verità hai dovuto dire Umberto?’
”La verità Mel:La tua lotta contro il linfoma e come combatti da un
anno con questo male.
Ho spiegato a Ginevra e a quelle idiote come tu non volessi che la verità fosse diffusa.
Come ci tieni alla tua privacy.”
Mi sentìì morire e pensai”Ora pure l’Aspirante è coinvolta nelle minchiate” e mormorai”Ah quella verità”
Il Lumacone riprese “Poi sugli scritti le dissi come ogni sera sul forum ti mettevamo pressione quando scrivevi. Io stesso non lo credevo possibile. Parlavi con noi e nello stesso tempo facevi i riassunti. Mi avevi dato tante prove. Figurati Mel che le cose che scrivevi erano cosi particolari che le stampavo e le facevo leggere pure nel mio ufficio. I miei colleghi erano diventati tutti tuoi fan. Aspettavano i tuoi report.
Perdonami, ma non potevo fare altrimenti, non potevo permettere che infangassero il tuo nome, so quanto ci tieni”
Ero sconvolto e dissi” Cosa è successo dopo?”Il play interviene” Io dovevo accompagnare Raffaella alla stazione Mel. E’ rimasto Umberto ti racconterà. Io posso solo dirti che Ginevra sentendo quelle parole si è commossa .Stava per mettersi a piangere.”
Risi e attaccai”Play ma allora non hai capito nulla in un anno. Godot è un attrice!Recitava!”
”Mel io non credo che recitasse”
Umberto riprese”Be Mel,Ginevra ha cacciato quelle ragazze e ha voluto parlare con me da solo. Credimi era molto coinvolta. Voleva sapere tutti i dettagli delle varie operazioni e il tuo stato di salute attuale. Mi ha detto di dirti che devi tornare al più presto a Roma. Non vede l’ora di rivederti. Se torni,dice, tornerete ad essere amici, ottimi amici come lo eravate prima.
Diceva che se torni, non importa se è impegnata, tanto al momento non è una cosa seria.
Diceva ancora che ti scusa di tutto,anzi è che lei ti chiede scusa e che avevi ragione su tutto.
Ora è più forte di tutto e tutti.
Infine mi ha detto di ricordati che se torni, sarete voi due soli contro il mondo. Era convinta che se avessi detto questa frase avresti capito. Mel credimi, io ero sconvolto sentendo Ginevra parlare così”
Rimasi silente, mi sembrava tutto cosi strano ed assurdo e liquidai la questione”Io e Godot amici? Soli contro il mondo? Mi dispiace Umberto ma ne ho sentite abbastanza
L’unica verità è che l’Aspirante mi ha cacciato dal set un anno fa. C’ero io e non voi.
Il resto sono solo chiacchiere.
Ti ringrazio di tutto ma non ho nulla da aggiungere sull’argomento”
”Mel pensaci per favore, potresti chiamarmi cosi ti spiego meglio”.
chiusi la questione”Ora devo andare Umberto. ti ringrazio .a presto”
Ricordo che ero in soggiorno a Roma. Cercai di ricordare qualcosa. ma c’era il vuoto.
Decisi di riposare in camera ma ero agitato nella mia mente pensavo”Cosa vuole da me ancora l’Aspirante?”.
L’Oscuro mi mandò poco dopo un sms”So che hai parlato con i ragazzi. Come stai? Tutto bene?” Gli risposi gelido”Si tutto bene Gigio”. Presi sonno alla fine.
Un ora dopo mi sentivo rilassato e i pensieri di prima erano come sempre scomparsi.
Purtroppo ad ottobre venne a mancare il padre di Potter, ormai malato da tempo di tumore.
 La notizia ovviamente mi rattristò parecchio.
Potter tornò mestamente in Italia Ricordo che la sentì per telefono mentre stava imbarcandosi per Roma.
La sua voce era piena d’angoscia e tristezza. Andai alla camera ardente, vidi sfilare tante autorità politiche e del mondo del diritto.
Potter e la sua famiglia stringevano mani a destra e manca. Lei era cosi pallida e stanca.
Ero preoccupato che potesse avere un crollo. Il giorno dopo ci furono i solenni  funerali
La chiesa era stracolma. Io e Francesco ci mettemmo in fondo alla Chiesa
Guardavo Potter da lontano, scrutandone ogni movimento.
Ricordo che all’uscita della chiesa la abbracciai forte a me e le dissi solo”Io sono qui Potterina per qualunque cosa”.
Altri amici si avvicinarono per le condoglianze. Uno di essi mi vide e mi disse”Potter mi ha detto che conosci il cast di Qualcosa è Cambiato e l’Aspirante. Sai anch’io ho avuto modo di frequentarla un po’. Io lavoro al doppiaggio. E’ una ragazza molto cortese”
Tagliai corto”Figurati, la conosco appena. Non la vedo da tempo”.
Nei giorni successivi cercai d’essere il più possibile vicino a Potter.La chiamavo più volte al giorno per sapere se avesse bisogno di qualcosa. Vederla cosi affranta era ovviamente un dolore
Lo Splendente mi guarda lungamente e poi mi sorride: Secondo te il Lumacone e il Play boy si sono inventati questa storia dell’Aspirante preoccupata per te?
Dottore come le ho detto all’inizio del 2008, tutti queste discussioni sono riportate.
Prima di parlane con Lei, ho lungamente riflettuto sull’episodio. Le ripeto con sicurezza che queste discussioni sono cose successe. Ricordo dove mi trovavo e potrei anche dirle l’orario.
Alcuni particolari sono interessanti. Il Lumacone cita delle frasi che dissi a Rieti e nella Seriosa Telefonata.
Certo mi chiedo perché l’Aspirante “reciti” con quei ragazzi.
Non so darmi una spiegazione Dottore, manca un pezzo nel mio puzzle.
E’ cosi importante per te sapere cosa è successo veramente?
Dottore, io mi sono assunto la responsabilità di tutte le minchiate che ho detto.
Ne sto pagando le conseguenze. Sto soffrendo come un cane.
Ma non mi piace l’idea che qualcuno possa aver “sfruttato” il mio nome per miseri fini.
Pensi che l’Oscuro e i ragazzi abbiano usato il personaggio Melvin come merce di scambio con l’Aspirante?
Non lo so Dottore, potrei fare inutili ipotesi. Resta solo l’amarezza .
Ripeto mi dispiacerebbe sapere che l’Aspirante sia stata indirettamente danneggiata o ferita dalle mie parole e azioni. Non era mia intenzione.
Mel non ti interessava più il mondo dei Balocchi, tutto ormai ti scivolava addosso.
Il personaggio Melvin ormai aveva stancato anche te. Te lo trascini come un peso.
Forse Dottore, forse..
Invece Potter? Ho notato che ne parli con un certo trasporto. Cosa provi per lei?
Potter è la mia compagna di cinema, Dottore. Le voglio molto bene.
Forse c’è stato un momento  in cui ho pensato che il nostro rapporto potesse diventare altro ma non è successo nulla.
Mi è stata tanto vicina in questi mesi difficili. E’ la Regina delle Paturnie, ma va bene così
Ho capito, altra Madonna da aggiungere alla collezione
Sorrido, mi alzo a fatica dalla sedia e gli dico Magari un giorno parleremo delle sue collezioni Dottore. Alla prossima.
Annunci

2 pensieri su “61. Io, Il Lumacone e il Play boy

  1. Quasi quasi sembra che il mondo di MEL è la descrizione che ne fa Collodi
    « Lì non vi sono scuole, lì non vi sono maestri, lì non vi sono libri. In quel paese benedetto non si studia mai. Il giovedì non si fa scuola, e ogni settimana è composta di sei giovedì e di una domenica. »

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.