55. Io, Carlo e le Donne

download
Chi trova un amico trova un tesoro.
L’Amore finisce, l’amicizia è come un ergastolo.
Dio mi guardi dagli amici che ai nemici ci penso io.
Chi entra nella mia vita, poi non ne esce più.
In questo momento cosi difficile e complicato della vita ho avuto il sostegno e il calore di tante persone care.
Non mi sono mai sentito solo, eppure in questa storia dovrò raccontare come l’amicizia ha contribuito alla mia implosione.
Sono indeciso su cosa scrivere, sorrido alla segretaria e respiro, quando la porta si apre.
Ciao Mel come è andata la settimana?
Nulla di particolare, faccio sempre le stesse cose, con poco entusiasmo.
Hai sempre i file?
Si Dottore, quelli ci sono sempre, non mi lasciano mai.
Non esci con gli amici? Mi hai parlato di Giulio, Potter e delle donne della tua vita.
Immagino che avrai qualcuno con cui ti confidi. Nel 2008 oltre il forum ti vedevi con qualcuno?
Dottore tendo a ripetermi, ne sono consapevole, ma sono una persona particolare.
Le persone mi guardano, mi osservano e dopo la prima occhiata, molti fuggono via.
Non li inseguo di certo. Chi rimane nel mio mondo, diventa una colonna quasi insostituibile.
Ho pochi amici, mi sopportano da anni e io cerco di “ricompensarli” con affetto e dedizione.
E’ questo il caso di Carlo.E’ un fraterno amico, gli voglio un bene dell’anima.
E’ romano di Roma. Ci conosciamo dal primo liceo anche lui purtroppo ha perso il padre in un tragico incidente d’auto.
Questo evento da parte lo ha colpito e dall’altra lo ha spinto a realizzarsi nella vita.
E’ diventato avvocato in un importante studio legale di Roma. Ama vestirsi all’ultima moda.
E’ sempre impeccabile, gli dico spesso che nella vita precedente è stato una donna .
E’ un gran lavoratore, però dopo un fidanzamento durato sette anni, è cambiato, dal punto di vista sentimentale .
E’ tornato ad essere un adolescente. Scostante, volubile,irrequieto, non sa bene cosa voglia.
Tende a “fissarsi” con una ragazza, fino a diventare un “ossessione”.
Intendiamoci ha avuto altre due storie, ma mai nulla di coinvolgente.
Se io sono un amante della solitudine e del silenzio, lui è l’esatto contrario .
Non riesce a stare da solo, si sente perso.
All’inizio del 2008 lasciò la giovane compagna, dopo un anno di fidanzamento, perché non voleva portare il rapporto al livello superiore e perchè ormai da anni invaghito di una procace barista rossa che lavorava vicino al suo studio
Purtroppo la fanciulla lo teneva sempre sulla corda ed Carlo non è un tipo paziente.
Mi chiamava per sfogare la sua rabbia e delusione diverse volte al giorno.
Ricordo in particolare una sua telefonata mentre ero in  campagna, quando in preda a un attacco di gelosia-rabbia, mi tenne 25 minuti, dicendone di tutti i colori sulla barista
La cosa preoccupante fu il fatto che chi chiamò sempre per nome. In sedici anni d’amicizia Carlo mi ha sempre chiamato per cognome. Lo so Dottore, è strano, ma è cosi.
Quella telefonata mi inquietò parecchio e decisi che la vita sentimentale di Carlo, doveva diventare anche un affare mio.
La prego non rida Dottore, sarei diventato un maldestro Cupido.
Cominciai prima a dargli consigli sulla barista, con scarsi risultati.
Poi poco dopo cambiò soggetto e si buttò su una ragazza di Parma.
Era amica di una coppia di comuni amici. Si erano scambiati alcuni messaggi.
Sembrava che il rapporto potesse prendere quota. Carlo sembrava contento. Io incrociavo le dita.
Stava diventando difficile da gestire, non sapevo che fare.
Purtroppo la situazione precipitò in Aprile. Avevano deciso finalmente d’incontrasi da Lei
Ma quando furono di fronte, il feeling non scoppiò agiudizio di Carlo, era stata distante e fredda. Ricordo che mi tenne un ora al telefono durante la strada di ritorno, lamentandosi di tutto e di tutti. Eravamo punto e a capo.
Ero diventato la valvola di sfogo di Carlo. Ci sentivamo dieci volte al giorno.
Tra il forum e la nevrosi di Carlo, cercavo una via di fuga
Per motivi di lavoro era andata via dalla Sicilia, Alice, la fidanzata del mio caro amico Ciccio.
L’avevo sempre trovata simpatica, intelligente, sensibile e soprattutto innamorata del mio amico.
Cosi durante gli inverni precedenti, uscivamo spesso insieme, a volte anche senza Ciccio.
Ricordo che le parlai pure della”mia fissa” per l’Aspirante all’inizio del 2007.
Mi prendeva in giro”Mel ti sei innamorato.”. Con Alice si scherzava, si parlava di libri e di fiction
Cosi quando all’inizio del 2008 si trasferii a Milano, ci rimasi male. Avevo perso un’altra amica per strada.
Cercai di colmare questo vuoto con la cugina Vittoria. L’avevo conosciuta nell’estate del 2006 a una serata.
Era di una bellezza tipicamente siciliana: bruna di capelli, occhi marroni carnagione scura e decisamente prosperosa ma ad incuriosirmi in realtà era il suo carattere.
Era schiva ed riservata. All’epoca usciva da una storia importante. Ricordo che ne parlava malvolentieri. Ero convinto che avesse qualcosa da raccontare.
Ogni tanto con Alice ne avevamo parlato. Cosi ottenuto il numero e il contatto messenger cominciai a sentirla. All’inizio come tutte le donne belle, faceva la preziosa.
Ero paziente e aspettavo il momento giusto per convincerla ad uscire.
Finalmente a Febbraio si convinse ad uscire e andammo a prendere una crepes dolce in un noto locale sulla via principale della città.
Fu una serata piacevole, parlammo di Alice e di Ciccio(in vero non ne aveva una grande opinione) e di noi. Avevamo preso il via così nei mesi successivi cominciammo a frequentarci.
Sembrava essere l’inizio di una amicizia. Io sul messenger le proponevo i film da vedere e lei sceglieva. Mi parlava del suo hobby per la danza orientale e dei suoi spasimanti.
Una volta rotto il muro, Vittoria ribattezzata l’Ottima diventava divertente e alla mano.
Pensavo di aver trovato un degna sostituta di Alice
Ogni tanto chiamavo Londra per avere notizie di Potter. Mi sembrava abbastanza serena.
Aveva trovato lavoro in un negozio chiamato”Divertimenti” dove vendevano dalle pentole agli oggetti della casa. Mi mancava molto, ma ero rassegnato ad averla lontana.
Vedevo Laura e la sua Famiglia.
Aspetta Mel chi è Laura?
E’ una mia vecchia amica del mare. Per mio padre doveva essere la ragazza con cui stare.
Erano discussioni continue ed sfibranti. Papà si fissò su Laura e non c’era modo di fargli cambiare idea e più faceva cosi più io mi tenevo alla larga.
Laura è una ragazza acqua ed sapone ma non è mai stato il mio tipo.
Papà come sempre si rifiutava di capire e ascoltare ed imponeva le sue fastidiosi e opprimenti decisioni. Litigavano furiosamente per inviti in barca. La invitò due volte a Roma contro la mia volontà. Mio padre non accettava il confronto. Se gli rispondevo, mi dava dell’anormale
Anche Laura ha perso la madre per un tumore. Con il tempo siamo diventati ottimi amici.
Con il suo invadente e imbarazzante modo di fare papà mi impediva di conoscere una ragazza, paradossalmente me le faceva detestare
Lo Splendente scuote la testa: Tuo padre pensava d’avere un figlio frocio. Ero ossessionato da questa idea. Non si prendeva conto che facendo cosi rendeva ancora più complessa ed precaria la tua sfera affettiva. Laura ha figli?
Si ha uno splendido figlio, Marco , cresce ed è un piacere fotografarlo per il mio album.
Ok Mel continua il viaggio
Infine mi vedevo con la mia amica Gisella e il suo collega professore.
Prendevamo il thè ogni domenica pomeriggio in locale , famoso in città per i dolci.
Insomma cercavo di allargare i miei orizzonti e nello stesso tempo di uscire dal mio castello di bugie.
Scrive e attacca:Vittoria potrebbe essere l’inizio di un nuovo file, ma essendo la cugina di Alice  segui il tuo codice di comportamento ed eviti un approccio diverso da quello amicale.
Carlo riversa su di te tutte le ansie e angosce, non rendendosi conto quanto sia faticoso per te gestirle. E’ evidente che sei alla ricerca di novità.
Ormai Dottore, si è creato uno schema. Vittoria comunque al di là di essere cugina di Alice, non era proprio il mio tipo. E’ difficile definire la mia donna ideale.
Dovrebbe essere un mix tra Beatrice, Flavia,Caterina ed Ambrosia.
Chi è Beatrice Mel?
E’ una storia lunga Dottore. Beatrice è stata la mia prima vera cotta prima di Flavia.
Andavamo nella stessa scuola. Era bellissima, aveva un sorriso magnifico, gli occhi marroni erano davvero magnetici e aveva una pelle come la porcellana.
Era civetta, eterea e nello stesso tempo sensuale
Per me era inarrivabile. L’osservavo da lontana. Era la Mia Muse
Ho capito,  è la tua prima Madonna, ma cosa cerchi in una donna Mel?
Cerco una donna di carattere,personalità
Una donna dotata di ironia e di autoironia.
Cerco una persona che sappia condividere, accettare, sopportare.
Cerco una donna dotata di pazienza.
Cerco una donna da amare con tutto me stesso.
Voglio poter ridere e litigare con questa donna-
Cerco una donna con cui poter essere me stesso.
Cerco una donna che mi accenda e che mi faccia sognare, ridere..
Cerco una donna con cui possa immaginare un futuro
Tutto questo non era sicuramente Vittoria, glielo assicuro Dottore
Ascoltandoti Mel mi viene in mente che l’Aspirante racchiuda tutte queste qualità
Non lo so Dottore, ancora oggi mi chiedo perché l’Aspirante mi fece questo effetto.
Credo che fu “ l’aria da set” a creare questo “contatto”, perché razionalmente eravamo due persone diverse.
Forse Mel ma l’aria da set non spiega tutto. L’Aspirante scuote il tuo universo, ne riparleremo.
Il tuo amico Carlo comunque sembra un bel rompicoglioni.
Carlo è un amico, mise a dura prova la nostra amicizia nei mesi successivi ma rifarei tutto.
Sono sicuro che lui avrebbe fatto lo stesso per me
Sei davvero un uomo d’altri tempi Mel
Dottore ogni volta che dice questa cosa mi sa tanto di presa per in fondelli.
Ma in fondo è giusto cosi. Mai prendersi sul serio. Alla prossima.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.