26. Roma Fiction Fest

A volte l’imprevisto può diventare un vantaggio.
Raramente mi è capitato d’essere al posto giusto al momento giusto.
Gli eventi mondani li ho sempre ritenuti noiosi.
Sono anni che passo l’ultimo dell’anno a casa a guardare beatamente film mentre il mondo festeggia.
Basta un gesto per cambiare una vita.

– Ciao Mel, sei pronto per continuare?

– Sì, Dottore. Ormai siamo in gioco e giochiamo. Dopo l’Oscura Cena, a Roma cominciò la prima edizione del Fiction Fest: una manifestazione interamente dedicata al mondo della fiction e ai suoi personaggi.Ovviamente feci domanda per essere scelto come giurato popolare di una delle tre commissioni esaminatrici. Fui selezionato e passai una settimana nel mondo dei Balocchi. Guardavo e giudicavo film tv e serial dalla mattina alla sera. Fu un’esperienza stancante, ma nello stesso tempo meravigliosa. Conobbi tanti altri ragazzi “malati” di televisione. Era stimolante confrontarsi con loro. Non dissi ai ragazzi del forum che facevo parte dell’organizzazione. Volevo vivere questa esperienza in solitudine. In qualche modo mi stava ricaricando le pile. In una delle giornate del Roma Fiction Fest, era previsto lo sbarco del cast di Qualcosa è Cambiato per la presentazione della prima puntata dell’attesa seconda stagione. Gli orari non coincidevano, ero bloccato come giurato. Avevo detto sul forum che avrei fatto delle foto e tentato d’ottenere la benedetta intervista. Per gli impegni di giurato non potevo assistere all’anteprima. Riuscii in qualche modo ad uscire dalla sala per qualche minuto. Volevo vedere l’arrivo dell’Aspirante e degli altri attori. Era impensabile realizzare l’intervista in mezzo al caos di persone che circondavano gli attori. Ero davvero sconvolto dall’entusiasmo quasi delirante dei fan, si era creato un muro di persone. Stavo lasciando la folla, rassegnato e deluso, quando improvvisamente la vidi : vestita di bianco con i capelli lisci neri e con un tocco di rossetto sulle labbra. Era una visione quasi angelica. Meritava una foto. Stava avanzando per prendere la scala mobile per recarsi alla sala già gremita. Emozionato provai ad armeggiare con la macchina fotografica, ma non riuscivo a farla funzionare. Abbassai per un momento lo sguardo per cercare di risolvere il problema. Quando rialzai la testa l’Aspirante era davanti a me sorridente. Era venuta a salutarmi. Io non riuscivo a parlare. Prese lei l’iniziativa e mi diede un bacio sulla guancia e mi disse: “Benvenuto al Roma Fiction Fest. Adesso ci siamo tutti”. Io le risposi: ”Grazie, le ricordo la promessa che ci fece”. Lei scosse la testa e disse: “Sì va bene, però tu cerca di trattarmi meglio. Ultimamente i tuoi commenti sui miei vestiti sono un po’ cattivelli”. La guardai e sorrisi: “Se i miei post poi portano questi risultati, allora continuerò ad essere cattivo”. Finii la frase con un piccolo inchino. Lei diventò rossa: “Grazie Melvin, ci vediamo presto”. E se ne andò. Io rimasi lì a osservarla mentre saliva le scale, troppo preso dall’emozione per dire altro.

Lo Splendente sorride e mi dice:

– Una scena del genere non poteva svolgersi se non dentro un cinema. Comunque mi sembra di capire che tra te e l’Aspirante sta crescendo ormai un rapporto vero. L’emozione provata quel giorno rientra in una situazione più ampia. Cosa successe dopo? La sera stessa dopo l’incontro tornai a casa, stanco ma con un sentimento di strana euforia. Quel casto bacio dell’Aspirante mi aveva sorpreso. Mi aveva riconosciuto in mezzo a tanti. Sul forum era successo di tutto. L’Aspirante qualche ora prima aveva scritto un post acido sul mio commento e di altri ragazzi su una sua “mise” durante un evento mondano. L’Oscuro, non gli parve vero, poté creare una sorta di caccia all’uomo. I ragazzi volevano linciarmi per il reato di lesa Maestà. Prima mi avevano “seguito” nell’ironia con i post, poi si erano ritratti di fronte al commento dell’attrice. Sul messenger mi confrontai brevemente con l’Oscuro. Lui invero voleva sapere perché negli ultimi giorni ero meno presente sul forum e io glissai: ”Niente di che Gigio, sono solo impegnato in altre cose. Comunque se il problema è chiedere scusa all’Aspirante lo faccio. Se mi permetti di scriverle un messaggio privato”. L’Oscuro acconsenti e cosi le scrissi. Non ottenendo ovviamente nessuna risposta. Postai sul forum l’unica foto fatta all’Aspirante al Festival, a dire il vero un po’ sfocata. Speravo di rivederla alla serata finale. Mi portai dietro anche mamma e nonna: era comunque un evento da vedere. Ma sfortunatamente l’Aspirante non si presentò. Rimanevo ancora senza intervista.

http://www.facebook.com/pages/Il-Ritorno-di-Melvin/313768195405616?ref=ts&fref=ts

Annunci

2 pensieri su “26. Roma Fiction Fest

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.