13. Navigando qua e là – Parte II

Lo Splendente scrive qualcosa e poi dice:
– Mel, a volte i genitori sbagliano. Ti avranno detto spesso che lo fanno per troppo amore. Sicuramente con te sono state usate parole pesanti. Non sentirsi stimati dai genitori può rendere un figlio insicuro. Il tuo senso d’inadeguatezza viene da lontano. Che rapporti avevi con tuo padre?
– Mio padre era una persona complessa. È difficile descriverlo in poche parole. Parlarne adesso che non c’è più non mi piace molto. Ha avuto un’infanzia difficile. Ha perso padre e fratello in meno di due mesi. Sua madre era molto rigida e, mi dicono, bigotta. Si è sposato due volte. Voleva vedere i suoi figli già grandi. Corteggiare una donna, uscirci insieme era per lui segno di virilità e maturità. Era impaziente. Non ha mai compreso la mia timidezza. Non accettava la mia diversità. Secondo lui uscire con gli amici maschi era una perdita di tempo. Non sa quanti litigi e urla ci sono stati in casa, Dottore. Mio padre era buono, generoso, altruista ma non accettava di essere contraddetto. Non era capace di ammettere un errore.
– Tua madre non interveniva?
– Raramente. Considerava gli eccessi di mio padre squalificanti per lui. Ma non credeva che le sue parole potessero avere questi effetti sulla mia personalità. Per lei era fondamentale che studiassi. Mi aiutava a fare i compiti. Mi diceva sempre: “Mel, se non studi non potrai avere un futuro per te e la tua famiglia”. Ero tra due fuochi, Dottore.
Lo Splendente scuote la testa. Poi dice:
– Ne riparleremo, Mel. Continua a raccontarmi del forum.
– Nel forum dominava l’ironia feroce, e in alcuni casi l’autoironia. Cominciai a farmi una prima idea di quel mondo. La chat fu un trionfo. Tutti gli utenti rimasero soddisfatti e lo staff festeggiava per il successo. In quel momento, Dottore, potevo andarmene e chiudere i contatti con quella gente, ma decisi di rimanere e di conoscerli meglio. Mi sentivo attratto dall’atmosfera spensierata. Giocavo, scherzavo, litigavo con i vari utenti. Con l’Oscuro, in particolare, furono subito scintille. Si sentiva il leader carismatico, onnisciente. Giocava a fare il misterioso e pretendeva di avere sempre l’ultima parola su tutto. Mi divertivo a provocarlo con simpatia. Correggeva i miei post e io lo bollavo come la “maestrina dalla penna rossa”. Non so come iniziò, ma lo ribattezzai l’Oscuro Signore. Capii che non amava il sarcasmo e le critiche ironiche. Fu l’inizio di un rapporto forte. Non so se sia un dono o semplicemente un vezzo, Dottore, ma sono solito dare un soprannome alle persone che conosco e frequento. Una parola per descrivere un carattere o un modo di fare. Tutti all’inizio reagiscono un po’ male, pensando che sia un modo per prenderli in giro. Poi comprendono la mia buona fede e lo accettano. Fu così anche sul forum. Cercavo di adattarmi all’ambiente. Indossavo una maschera e improvvisavo, come a teatro. Non li prendevo in giro, mi creda. Accentuavo solo le me stranezze.
– Entrano in gioco altri coprotagonisti di questo file, mi sembra di capire. Il tuo approccio, almeno all’inizio, è prudente. Sei spinto dalla voglia di avere notizie sull’Aspirante e nello stesso tempo un mondo nuovo si apre davanti a te. In un periodo della tua vita in cui tante porte si stanno chiudendo, ecco aprirsi il “portone” del web.
– Sì, Dottore. Ma non sapevo che dietro quel portone avrei trovato il mondo dei balocchi.
– Il mondo dei balocchi?
– Proprio così. Sarei diventato il novello Pinocchio.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.